Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mario Draghi ha salvato l’euro, ma la politica italiana ha battuto…

Il primo ministro si è dimesso giovedì dopo che tre alleati della coalizione hanno ritirato il loro sostegno al suo governo, mandando in frantumi l’unità che lo ha spinto al potere nel febbraio 2021. È probabile che l’Italia tenga elezioni anticipate in autunno, con un fragile Draghi che continua a svolgere un ruolo ad interim occuparsi dell’attività in corso. Fino al sondaggio.

Il tempismo non potrebbe essere peggiore. Le sue dimissioni sono arrivate il giorno in cui la Banca centrale europea, che un tempo era a capo, ha sollevato le sue dimissioni prime rate Di 50 punti base, il primo aumento in 11 anni. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e i suoi colleghi hanno anche svelato uno strumento che sperano garantirà che i mercati non aumentino in modo aggressivo i costi dei prestiti nelle economie deboli.

Legame italiano che era affondò Dopo le dimissioni di Draghi, è caduto sulla scia della mossa della Banca Centrale Europea. L’economia europea sta affrontando un’inflazione record, un rallentamento della crescita e una carenza di energia dopo l’invasione russa dell’Ucraina, che ha innervosito gli investitori. Le elezioni autunnali non hanno precedenti in Italia, dove il parlamento di solito prepara il bilancio annuale.

Leggi tutto: Draghi si dimette dalla carica di Presidente del Consiglio e lascia l’Italia alla deriva politicamente

Ironia della sorte, la sua uscita dal potere arriva poco prima del decimo anniversario della sua promessa, il 26 luglio 2012, di fare “tutto il necessario” per mantenere in vigore la moneta unica.

Quando è diventato primo ministro, Draghi ha fornito un vantaggio ai mercati poiché ha dato impulso alle riforme e stabilità temporanea all’instabile politica italiana. La nuova ondata di turbolenze sulle obbligazioni italiane renderà difficile per la Banca Centrale Europea un inasprimento della politica monetaria senza creare nuove pressioni all’interno dell’unione monetaria.

READ  Passeggia e mangia su Italian Street mentre sei nella Grande Mela

Il presidente Sergio Mattarella ha scelto il 74enne alla guida del 67° governo italiano dalla seconda guerra mondiale dopo che i partiti non erano riusciti a risolvere una situazione di stallo politico. Ha rapidamente deciso di rinnovare un’economia stagnante che aveva ancora bisogno di recuperare il terreno perso a causa della pandemia di Covid-19.

Spendere con saggezza

Sotto la sua guida tecnocratica, l’Italia si è impegnata in un primo boom di riforme legato allo sforzo di spendere l’Unione Europea per recuperare ragionevolmente i fondi. Nel primo trimestre di quest’anno, l’economia è cresciuta più rapidamente di quanto gli economisti si aspettassero e nel secondo trimestre ha sovraperformato i suoi concorrenti europei.

Tutto ciò è ora messo in discussione dopo settimane di crescenti tensioni politiche iniziate quando il Movimento Cinque Stelle, un alleato chiave della coalizione, ha rifiutato di sostenere Draghi con un voto di fiducia il 14 luglio. Polemica in cui Draghi ha cercato di reimpostare il suo potere e ha stabilito le sue condizioni per continuare al potere prima che i suoi precedenti partner lo abbandonassero.

Lo stesso presidente del Consiglio sembrava intuire l’imminente crisi quando è intervenuto a una cena per la stampa estera a Roma il 12 luglio. Un anno e mezzo in carica guida la terza economia più grande dell’eurozona.

obiettivi raggiunti

Ha notato come raggiungere tutti gli obiettivi dell’European Recovery Fund finora, un prerequisito per il rilascio di circa 200 miliardi di euro (204 miliardi di dollari) in sovvenzioni e prestiti. Non è un compito da poco in un paese noto per non aver speso, o per aver speso male il denaro europeo in passato. La riforma del sistema giudiziario mirava ad abbreviare le lunghe procedure legali in Italia che scoraggiavano gli investimenti esteri, la concorrenza e le riforme finanziarie in corso.

READ  Isner è sicuro di sé nonostante la dura sfida contro Nadal agli Open d'Italia

“L’economia è migliorata, ma non mettiamoci a nostro agio”, ha detto Draghi, riferendosi a tempi potenzialmente difficili che ci attendono a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia. Mancava solo una settimana alla fine del suo governo.

Pur essendo un tecnocrate, Draghi non manca di acume politico dopo anni di navigazione nell’establishment italiano come funzionario del Tesoro, poi come governatore della Banca centrale italiana e infine come capo della Banca centrale europea, che a volte è riuscita a surclassare quella tedesca Bundesbank. .

Ma il suo approccio intransigente ai partiti e al modus operandi non sempre andò bene ai giochi politici bizantini a Roma, il che rese sorprendente la sua uscita.

“Draghi ha scrupolosamente riformato il Paese passo dopo passo e molti dei fondamentali sono migliori”, ha affermato Rosamaria Petiti, economista e docente all’Università Luis di Roma. “Ma ha avuto così poco tempo e ci sono ancora problemi a lungo termine come la produttività e molto lavoro svolto con soluzioni affrettate. È necessario altro”.

Mentre si è congedato dai legislatori giovedì mattina prima di dirigersi al palazzo presidenziale per dimettersi, Draghi è sembrato commosso quando i ministri gli hanno rivolto una standing ovation. “A volte i banchieri centrali hanno cuore”, ha detto.