Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mango Himsagar dal Bangladesh è in viaggio verso Italia, Francia e Regno Unito

L’Europa assaggerà presto i deliziosi manghi della regione Satkhira del Bangladesh.

Le esportazioni di mango dal Bangladesh sono finalmente iniziate per la stagione 2021, con la prima spedizione di Himsagar Group in partenza ieri (venerdì) verso tre paesi europei.

Per le ultime notizie, segui il canale Google News di The Daily Star.

Circa 4.000 chilogrammi di mango Himsagar sono stati inviati dal boschetto di Hafizur Rahman a Madhabkati Choygharia a Sadar upazila in Italia, Francia e Regno Unito – grazie a un progetto speciale chiamato “SaFal” avviato da Solidaridad Network Asia con assistenza finanziaria dai Paesi Bassi.

Secondo il Department of Agricultural Extension (DAE) di Satkhira, i coltivatori locali di mango si aspettano un doppio aumento degli ordini di esportazione dall’Europa quest’anno, poiché il re della frutta sta rapidamente guadagnando popolarità nel continente.

Il vice commissario di Satkhira Mustafa Kemal ha inaugurato ieri le attività di esportazione nella regione.

“Le attività di esportazione di mango e altre verdure dalla zona di Satkhira continueranno nell’ambito del progetto Safal”, ha detto Mustafa.

L’anno scorso il mango Khirsapat di Chapainawabganj, popolarmente noto come Himsagar, ha ricevuto il marchio di indicazione geografica (GI) come terzo prodotto del Bangladesh dopo Hilsa e Jamdani.

IG è un nome o un marchio utilizzato sui prodotti per dimostrare che possiedono determinate qualità per la loro fabbricazione o produzione secondo metodi tradizionali o hanno una certa reputazione a causa della loro origine geografica.

Il mango Khirspat è uno dei manghi più deliziosi e rappresenta il 20-25% del mango totale prodotto in Bangladesh ogni anno. Questa varietà viene esportata ogni anno in molti paesi dell’Europa e del Medio Oriente.

READ  Forti prospettive a rischio se scoppia la pandemia - Franco - Italiano

I funzionari ritengono che il marchio IG non solo ispirerà gli agricoltori a incrementare la produzione, ma aiuterà anche a rafforzare l’economia del paese.