Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Maggie Gyllenhaal sulla sedia del regista

Maggie Gyllenhaal sulla sedia del regista

Al Film Forum di New York City, Maggie Gyllenhaal e il presentatore di “CBS Mornings” Tony Ducouple hanno controllato il programma dei prossimi spettacoli.

“Cosa ti piace qui?” Chiesto.

“Penso che verrò a vedere “La bestia nel cuore.” “Non la vedo da molto tempo”, ha risposto.

Maggie Gyllenhaal è più di una semplice fan dei film tipici. “Abbiamo visto 24 film in meno di due settimane”, ha detto.

dokoupil-gyllenhaal-david-lynch-wide.jpg
Maggie Gyllenhaal mira a girare David Lynch al New York Film Forum.

Notizie CBS


E non solo perché probabilmente la conosci come attrice, in film come “Il Cavaliere Oscuro,” Programmi TV discutibili come “il male” E una lunga lista di ruoli audaci, persino audaci, inclusa una performance nominata all’Oscar in “cuore pazzesco.” Fa anche parte di una piccola dinastia di Hollywood: la figlia del regista Stephen Gyllenhaal e della sceneggiatrice Naomi Foner, per non parlare della sorella maggiore di Jake.

Ma ciò che distingue davvero Gyllenhaal dall’essere un appassionato di cinema è che dopo tutti questi anni dentro e fuori i film, il suo amore per loro è ancora in crescita.

“Voglio vedere i film ora più di quanto avrei voluto vedere prima”, ha detto. “Ho visto quasi tutti i film proiettati quest’anno”.

Il suo film ora include: “Figlia perduta” Gyllenhaal I come sceneggiatore e regista. Verrà proiettato nei cinema e in streaming su Netflix alla fine di questo mese, seguendo quello che Gyllenhaal dice che è uno spettacolo emozionante, anche se doloroso, all’estero.

Maggie Gyllenhaal 1280.jpg
Attrice, scrittrice e regista Maggie Gyllenhaal.

Notizie CBS


“Avevo voglia di partorire o qualcosa del genere, davvero”, ha detto.

Quindi, Dokoupil ha detto: “Sei stato lì come attore e stai guardando un film per la prima volta”.

Alla Mostra del Cinema di Venezia sì.

“O ovunque. Per un attore, è un momento per vedere ciò che il regista ha tagliato insieme”.

“È, tipo, più intenso come regista. Voglio dire, voglio dire, 100.000 volte più intenso!” Risi.

perché? “Non lo so. Forse perché, voglio dire, questo film è tutto ciò che volevo che fosse. È tutto ciò che ho fatto. Tipo, devo stare dietro a tutto”.

E ce ne sono così tanti. Il film è un thriller psicologico e drammatico, la storia di una donna che fa qualcosa di quasi inimmaginabile, tra flashback molto realistici della sua vita da giovane madre.

Non posso dirti quante persone erano come, ‘Non avrei dovuto dirlo’, ha detto Gyllenhaal, ‘ma ho dormito sul pavimento mentre mi prendevo cura dei miei figli. Me l’hanno detto in tanti! colui il quale – Come un terribile sporco segreto.”

la ragazza perduta
Olivia Colman ne La figlia perduta.

Netflix


I segreti, o almeno le cose non dette, sono una parte importante di ciò che ha attirato Gyllenhaal al progetto, che si basa su un romanzo di Elena Ferrante, la scrittrice italiana più venduta conosciuta solo con il suo pseudonimo.

“Le persone hanno speso molto tempo ed energie cercando di capire chi è lei, non io”, ha detto Gyllenhaal. “Io, tipo, ho chiesto di non essere identificato? Lascia che sia anonima, sai? Non le ho mai parlato. Non l’ho mai incontrata. Ogni interazione con lei è avvenuta tramite e-mail. E c’è qualcosa di straordinario in lei essere anonimo, perché è stata così di supporto”.

Infatti, dopo che Gyllenhaal ha scritto una lunga lettera a Ferrante chiedendo i diritti sulla storia, Ferrante… a una condizione: “Mi ha scritto di nuovo e ha detto: ‘Sì, puoi ottenere i diritti.'” Ma il contratto è nullo se non indicato”.

Ha anche offerto a Gyllenhaal un regalo inaspettato: “Ha detto che pensava che fosse davvero importante che il film fosse buono. E sapeva che non sarebbe stato bello se non l’avesse fatto per me. E quindi, voleva darmi la libertà. “

Da allora Ferrante ha detto del film finale, “Ho adorato l’intero film”, definendolo “il vero cinema”.

Una delle grandi verità nel libro che Gyllenhaal ha portato sullo schermo è che la maternità, anche quando è una scelta e una gioia, non è sempre un piacere.

Dokoupil rise: “Come posso dirlo con precisione?”

“Sì, sì. Ma è divertente, come te Possiede E quello che penso è che la gamma di sentimenti a riguardo è enorme. E in un certo senso la nostra cultura dice: “Se ti senti, o ti senti esitante, o terrorizzato, o tutte queste cose oscure, incluse in tutte le cose leggere”, che c’è qualcosa di sbagliato in te, o che è innaturale.”

Gyllenhaal è cresciuta nel sud della California, ma è nata a New York, dove sta crescendo due figlie (15 e 9 anni) con il marito Peter Sarsgaard.

“Quindi in un certo senso esci dal peggio in termini di più intenso, hanno bisogno di te tutto il tempo…” ha detto Dokoupil.

“Penso di sì. Penso di sì. Non credo che avrei potuto fare questo film con i bambini piccoli, ma sicuramente ci stavo pensando con i bambini piccoli”.

Dopo quasi tre decenni sullo schermo, Gyllenhaal si rende conto anche di avere un nuovo tipo di carriera davanti a sé: “Ci sono molte persone a cui non piacciono gli attori con idee”, ride. “Penso di essermi appena stufato. Ci vuole un sacco di energia. E penso che probabilmente guardando indietro ora che ho fatto questo film, che amo, penso di essere sempre stato un regista, e ho solo non mi sentivo in diritto nemmeno di sapere che lo volevo.” “.

“The Lost Daughter” ha effettivamente vinto il premio, ricevendo (tra gli altri premi) Miglior Sceneggiatura alla Mostra del Cinema di Venezia. Insieme al cast corale del film, che include suo marito, la 44enne dice di vedere poche ragioni per il successo del film.

“A volte, quando dici la verità su qualcosa di cui nessuno ha parlato, penso che possa sembrare davvero vivace, eccitante e bello, sai”, ha detto, “quasi come una scossa elettrica attraverso di te per sentire la verità detta ad alta voce.” ti piace, [gasp] “Oh, sono d’accordo!” sai?”

E nel caso te lo stessi chiedendo, c’è molto di più da filmare oltre alla maternità, così come c’è molto di più nell’essere una donna che raramente si appassiona al cinema – e questo, soprattutto, è Maggie Gyllenhaal la regista più entusiasta del cambiamento.

“Sto solo cercando di essere onesto, è tutto ciò che faccio veramente”, ha detto. “Perché per così tanto tempo nella mia vita, ho visto le mie esperienze rappresentate in modi tu non eri Assolutamente onesto. Ha chiesto: “C’è qualcosa che non va in me?” Perché è tutto—come, i bordi della mia esperienza, gli angoli e le fessure della mia esperienza, vedo raramente. E penso che possiamo confonderci se non notiamo le ripercussioni della nostra esperienza su di noi”.

“Quindi questa è la domanda più ovvia del mondo: lo rifaresti?” chiese Dokoupil.

“Sì!” Gyllenhaal rise. “Sì, sì, sì. Sì, assolutamente. Sì.”

Per guardare un trailer di “The Lost Daughter”, fai clic sul video player qui sotto.


La figlia scomparsa | Trailer ufficiale | Netflix di
Netflix occupazione
Youtube


per maggiori informazioni:


Storia prodotta da Arya Chavelson. Editore: Mike Levine.

READ  Gareth Bale raggiunge la perfezione assoluta e l'Italia di nuovo fuori dai Mondiali 2022! - riscaldamento