Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’uragano Ian lascia decine di morti mentre l’attenzione si sposta sul salvataggio e sul recupero

Dozzine di residenti della Florida hanno lasciato le loro case allagate e sparse in barca e in aereo sabato mentre i soccorritori hanno continuato a cercare sopravvissuti dopo la devastazione causata dall’uragano Ian, mentre le autorità della Carolina del Sud e della Carolina del Nord hanno iniziato a valutare le loro perdite.

La potente tempesta ha terrorizzato milioni di persone quasi tutti i giorni della settimana, colpendo Cuba occidentale prima di attraversare la Florida, quindi raccogliendo forze sufficienti per un attacco finale alla Carolina del Sud.

Uno dei venti più forti mai colpiti dagli Stati Uniti, l’uragano Ian si è indebolito sabato quando è entrato nel medio Atlantico.

Tuttavia, non prima che ponti e moli fossero spazzati via, enormi barche si schiantarono contro gli edifici sulla riva e scheggiarono i tetti, causando centinaia di migliaia di interruzioni.

Almeno 35 persone sono state confermate morte, di cui 28 in Florida, per lo più per annegamento ma altre per le tragiche conseguenze di Ian.

Immagine satellitare che mostra le case distrutte lungo la costa.
Un’immagine satellitare che mostra i danni al porto di Fort Myers Beach in Florida.(AP: NOAA)

Le autorità hanno detto che una coppia di anziani è morta dopo che le loro macchine per l’ossigeno si sono fermate quando l’elettricità si è interrotta.

A partire da sabato, più di 1.000 persone sono state salvate dalle aree allagate lungo la costa sud-occidentale della Florida, secondo Daniel Hokanson, generale a quattro stelle e capo della Guardia nazionale, destinato allo stato colpito.

Chris Schnapp era al Sanibel Marina di Fort Myers sabato, in attesa di vedere se sua suocera di 83 anni fosse stata evacuata da Sanibel Island.

Mobili e oggetti personali mescolati nel soggiorno.
Per le famiglie le cui case sono rimaste in piedi, una tempesta che ha raggiunto quasi l’altezza del soffitto ha distrutto la loro proprietà.(AFP: Rebecca Blackwell)

Era appena arrivato un pontone con un carico di passeggeri dall’isola – con bagagli e animali al seguito – ma la suocera della signora Schnapp non era tra questi.

“Sono rimasta sull’isola”, ha detto la signora Schnapp. “Mio cognato e mia cognata possiedono due attività lì. Sono state evacuate”.

“Non voleva andare, pensando che non sarebbe stato male”, ha detto.

Ma poi venerdì sera ha ricevuto la notizia che sua suocera sarebbe arrivata al porto turistico.

“Ora non sappiamo se è ancora sull’isola o [has] Sono salito sull’autobus [and was taken to a shelter]disse la signora Schnapp.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 7 minuti 12 secondi

All’indomani dell’uragano Ian nel sud-ovest della Florida

I sopravvissuti ricordano scene “pazze”.

L’isola di Pawleys, nella Carolina del Sud, una comunità balneare a circa 117 chilometri al largo di Charleston, è stata tra i luoghi in quello stato più colpiti da Ian, e almeno la metà dell’isola è rimasta senza elettricità sabato.

Eddie Wilder, che è venuto a Pawleys Island più di sei decenni fa, ha detto che la tempesta di venerdì è stata “folle da guardare”.

Ha detto che onde alte fino a 7,6 metri hanno spazzato via il molo – un punto di riferimento – a sole due porte da casa sua.

“L’abbiamo visto colpire il molo e abbiamo visto il molo scomparire”, ha detto il signor Wilder, la cui casa si trova a 9 metri sopra l’oceano ed è rimasta asciutta all’interno.

“L’abbiamo visto crollare e l’abbiamo visto fluttuare con la bandiera americana ancora sventolante”.

Una rimessa per barche rovesciata e un pezzo di molo rotto che giace all'ingresso.
La rimessa per barche capovolta si trova vicino a un molo rotto sull’isola di Pawleys.(AFP: Meg Kennard)

Il molo di Pawley era uno degli almeno quattro lungo la costa della Carolina del Sud che è stato distrutto dai venti e dalle piogge di Ian. Porzioni del molo, comprese le guglie ricoperte di gargoyle, erano disseminate sulla riva.

Il corso d’acqua all’interno della costa era disseminato dei resti di diverse rimesse per barche distrutte e i loro ormeggi distrutti dalla tempesta.

Il traffico è stato chiuso fino al punto più meridionale dell’isola di Pawleys, poiché gli equipaggi stavano lavorando per ripulire le strade da sabbia e altri detriti che, secondo i funzionari, si erano accumulati almeno un piede di altezza.

La sabbia verrà successivamente ridistribuita per ricostruire le dune lungo il lungomare, come è avvenuto dopo danni simili nel 2019.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.
L’uragano Ian ha devastato parti della Florida.

Molte case sulla spiaggia a molti piani hanno ancora piedi di sabbia sotto, con le dune sparse quasi interamente e quasi completamente.

Sabato, John Joseph – il cui padre ha costruito la casa sulla spiaggia beige della famiglia nel 1962 – si è detto felice di essere tornato da Georgetown, che ha subito un duro colpo, per trovare la sua casa di Pawley intatta.

READ  L'incendio della California ora è più grande di New York City