Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’uomo che ha ucciso Meredith Kercher è uscito di prigione in Italia Meredith Kercher

Rudy Goode, l’unica persona condannata per l’omicidio della studentessa britannica Meredith Kercher, è stato scarcerato dopo aver compiuto 13 anni di 16 anni di carcere.

Un giudice della città italiana di Viterbo ha acconsentito a ridurre la pena di Guede ad altri 45 giorni, fino al 4 gennaio a causa della sua cattiva condotta.

Francesco Maresca, un avvocato che rappresenta la famiglia Kercher, ha affermato che mentre era naturale che le pene venissero ridotte, potrebbe essere necessaria “una risposta morale” per “se una tale pena minima sarebbe sufficiente per un simile omicidio”.

Guede è stato inizialmente condannato a 30 anni di carcere dopo un rapido processo nel 2008, ma è stato ridotto a 16 anni in appello.

“Questo sarà un altro aspetto che devo spiegare alla famiglia di Meredith”, ha detto Mareska a La Stompa. “Ogni volta, al di là della legge, rinnova la loro indicibile sofferenza”.

Kercher, uno studente di 21 anni di Colston, Surrey, è stato assassinato nel novembre 2007 nella sua casa nella città universitaria di Perugia. Il suo corpo è stato trovato nella sua camera da letto. È stata anche abusata sessualmente.

Le condanne di due indagati, la studentessa americana Amanda Knox e il suo ex fidanzato italiano Rafael Solecito, che condividevano la casa con la Kercher, sono state ribaltate.

Sebbene il suo DNA sia stato trovato nel corpo di Kercher e nella sua camera da letto, Guede ha sempre negato di aver ucciso Kercher.

“Il mio primo pensiero è andato alla famiglia di Meredith Kercher, che ha affrontato questa traumatica vicenda”, ha detto alla stampa italiana l’avvocato di Guede, Fabrizio Ballarini.

READ  Il peggior glam rock italiano prende d'assalto l'Eurovision

È stato rilasciato in congedo di primo giorno dal carcere di Viterbo nel 2017 per conseguire un master in sociologia, ed è stato incaricato nel dicembre dello scorso anno di prestare servizio alla comunità e scontare il resto della sua pena. Guede trascorreva le mattine facendo volontariato per la Caritas cattolica e lavorando il pomeriggio presso la biblioteca del Centro Criminale di Viterbo.

Claudo Mariani, che insegna al centro criminale, ha detto all’Ansa che Gude “vuole essere dimenticato adesso”.

“Non c’è niente da aggiungere a questa storia se non il fatto che la vita di una giovane donna inglese è stata accorciata e possiamo imparare dalla sua famiglia, l’immensa dignità e il valore del silenzio”, ha detto Mariani.

Knox e Solecito hanno trascorso quattro anni in prigione dopo essere stati condannati per l’omicidio di Kercher.

Sono stati assolti nel 2011 e riconfermati nel 2014 da una corte d’appello di Firenze, che ha stabilito che le lesioni multiple inferte al corpo di Kercher hanno dimostrato che Guede non avrebbe potuto agire da solo. La Corte Suprema d’Italia ha annullato una decisione nel 2015 in una sentenza storica, citando quelle che ha descritto come “carenze scioccanti” nel processo che ha portato alle condanne di Knox e Solecito.

Rispondendo alla scarcerazione di Guede, Sollecito ha detto all’agenzia Adnkronos: “Amanda ed io siamo stati puniti per qualcosa che non abbiamo fatto a causa delle sue bugie. Mi dispiace che non si sia mai pentito di aver ucciso quella povera donna.