Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’ultima guerra dell’Ucraina dal 22 marzo: alleati USA ed europei intensificano le sanzioni alla Russia, l’Ucraina esorta le banche internazionali a lasciare la Russia

Il capo di Vitol, il più grande commerciante di petrolio indipendente al mondo, ha avvertito di una carenza “sistematica” di diesel in Europa a causa di una possibile interruzione delle forniture russe, che potrebbe portare al razionamento del carburante.

Nel frattempo, il capo di una delle più grandi società di commercio di materie prime ha affermato che le carenze sono un problema globale.

Torbjorn Tornqvist, co-fondatore e presidente del Gunvor Group con sede a Ginevra, ha fatto eco alle preoccupazioni del CEO di Vitol Russell Hardy, con stime fino a 3 milioni di barili al giorno persi dalla Russia a causa delle sanzioni.

I leader aziendali hanno parlato al FT Commodities Global Summit martedì.

Hardy di Vitol ha affermato che il passaggio a più diesel rispetto alla benzina nel continente ha contribuito a creare carenze di carburante.

La cosa che riguarderà tutti è la fornitura di gasolio. “L’Europa importa circa la metà del suo carburante diesel dalla Russia e circa la metà del suo carburante dal Medio Oriente”, ha affermato il capo della Vitol, con sede in Svizzera. “Questa carenza sistemica di diesel esiste.”

Tornqvist ha aggiunto: “Il diesel non è solo un problema europeo, è un problema globale. Lo è davvero”.

Hardy ha affermato che le raffinerie potrebbero aumentare la produzione di diesel in risposta a prezzi più elevati a spese di altri prodotti derivati ​​dal petrolio per sostenere le forniture, ma ha riconosciuto che il razionamento era una possibilità.

Poiché le spedizioni di diesel continuano a fluire dalla Russia, gli intermediari marittimi prevedono che le forniture dalle raffinerie in Medio Oriente, India e Stati Uniti nel Golfo si affretteranno a colmare il divario lasciato dal calo delle esportazioni di diesel russe in Europa. Anche le raffinerie dell’Asia orientale stanno cercando di esportare in Europa per sfruttare i prezzi del diesel più elevati.

READ  Dybala si prepara a nuovi colloqui con la Juventus mentre Allegri cerca di assicurarsi il futuro a lungo termine dell'attaccante dopo il suo ritorno a Torino.

Il Regno Unito, che dipende dalla Russia per il 18% del consumo di diesel contro l’8% della domanda totale di greggio del Paese, si è impegnato a eliminare gradualmente il petrolio russo ei suoi prodotti entro la fine dell’anno.

I prezzi alla pompa del diesel in Gran Bretagna sono aumentati del 40% in un anno fino a un massimo storico di 176,76 pence al litro, secondo il gruppo di servizi automobilistici RAC.