Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’UE discute le sanzioni energetiche mentre l’Italia si impossessa della villa del pilota russo di F1

Lunedì, i ministri degli Esteri dell’Unione Europea hanno discusso gli sforzi del blocco per fare pressione sull’economia russa con sanzioni, inclusa la possibilità di ulteriori sanzioni energetiche, ma non è stata presa alcuna decisione.

“Niente è fuori discussione, comprese le sanzioni su petrolio e gas”, ha detto il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell dopo l’incontro a Lussemburgo. “Ma oggi non è stata presa alcuna decisione”.

L’Unione Europea ha approvato venerdì scorso un quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia, che includeva il primo grande divieto alle importazioni russe di energia: il carbone. Tuttavia, il blocco rimane profondamente diviso sull’opportunità di procedere con ulteriori divieti alle importazioni di energia, a cominciare dal petrolio.

Un alto funzionario dell’UE informato sulle discussioni di lunedì ha affermato che lunedì non c’è stata una discussione molto dettagliata sulle opzioni e non sono stati compiuti progressi nel ridurre il divario all’interno del blocco. Un gruppo di paesi, guidato dalla Germania, è contrario a un rapido taglio delle importazioni di petrolio. Altri, guidati dalla Polonia, stanno esortando il blocco a smettere di acquistare energia russa.

Il signor Borrell ha sottolineato lo “shock asimmetrico” che maggiori sanzioni energetiche potrebbero causare ad alcuni paesi all’interno del blocco che dipendono fortemente dal petrolio e dal gas russi. “Deve essere gestito unendo unità e solidarietà”, ha affermato.

Funzionari dell’UE affermano che potrebbero passare diverse settimane prima che la Commissione europea presenti una proposta per un nuovo round di sanzioni, anche se i tempi dipenderanno in definitiva dagli eventi in Ucraina.

I ministri degli Esteri hanno incontrato lunedì mattina a Lussemburgo il procuratore della Corte penale internazionale, Karim Khan, per discutere gli sforzi per indagare su possibili crimini di guerra in Ucraina.

READ  L'Inviato presenta ... l'Ordine della Stella d'Italia al Dr. Ashkanani Kuwait - TEMPI ARABI

Diversi Stati membri, compreso il ministro degli Esteri svedese, hanno dichiarato lunedì di essere pronti a contribuire a finanziare il lavoro della Corte penale internazionale. Inoltre, Borrell ha affermato che la missione di assistenza dell’UE in Ucraina sta aiutando le autorità a raccogliere prove di crimini di guerra. L’Unione Europea ha riaperto la sua missione a Kiev lo scorso fine settimana.

Una squadra di polizia speciale francese con esperienza forense è già arrivata in Ucraina per aiutare a indagare sui crimini di guerra.