Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Ucraina sta esercitando pressioni sulla Cina, ma i piani di pace cinesi si concentrano su Gaza

L’Ucraina sta esercitando pressioni sulla Cina, ma i piani di pace cinesi si concentrano su Gaza


Hong Kong
CNN

Mentre l’Ucraina cerca di mantenere il sostegno internazionale nel mezzo di un’invasione russa ormai al suo terzo anno, il suo leader ha chiarito che un paese che vorrebbe vedere unirsi alla sua spinta per la pace: la Cina.

Crescente pressione su Pechino, la forza più potente di Mosca Alleato politico – È emerso come un importante punto di discussione per il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e altri funzionari questa settimana durante un incontro dell'élite globale a Davos, in Svizzera.

Lì, Zelenskyj ha detto ai giornalisti che “gli piacerebbe moltissimo che la Cina partecipasse” al piano di pace in Ucraina. Il suo Paese vuole maggiori contatti con la Cina a “tutti i livelli”, ha detto il suo ministro degli Esteri, ha riferito Interfax-Ucraina menzionatoMentre il capo dello staff di Zelenskyj ha lasciato la porta aperta, anche un leader in tempo di guerra potrebbe farlo lui incontra Il capo delegato della Cina a margine dell'incontro.

Ma a quanto pare il premier cinese Li Qiang ha lasciato il World Economic Forum all’inizio di questa settimana senza incontrare Zelenskyj – e non ha affrontato direttamente il conflitto in modo più o meno diretto. Discorso di 25 minuti Che si è concentrato in gran parte nel rassicurare il suo pubblico sulla vacillante economia cinese.

Anche con i funzionari cinesi l’anno scorso Intensificare gli sforzi Per presentare il Paese come un potenziale mediatore di pace nella guerra, gli analisti affermano che è improbabile che Pechino consideri questo momento come il momento giusto per sfruttare i suoi legami profondi e crescenti con la Russia per intensificare gli sforzi per raggiungere il suo scopo, soprattutto alle condizioni dell’Ucraina.

La Cina ritiene di svolgere già un ruolo importante nel cammino verso la pace. “È solo la versione cinese della pace e non ciò che Zelenskyj vuole vedere”, ha detto Yun Sun, direttore del programma Cina presso il think tank Stimson Center con sede a Washington.

L’anno scorso, dopo che il leader cinese Xi Jinping aveva parlato della questione con Zelenskyj Prima volta Circa 14 mesi dopo l’inizio della guerra, Pechino inviò un inviato sia a Kiev che a Mosca. Ha anche rilasciato il suo Una proposta per la paceContrariamente alle richieste dell'Ucraina, si chiede un cessate il fuoco senza il previo ritiro delle forze russe che occupano illegalmente il territorio ucraino.

READ  Momento scioccante degli squali che saltano fuori dall'acqua e pungono il paracadutista

Ora, i recenti eventi di Davos evidenziano l’approccio attendista della Cina quando si tratta di qualsiasi ulteriore spinta per porre fine alla guerra, dicono gli analisti, mentre i combattimenti rimangono bloccati in una situazione di stallo senza che nessuna delle parti dia segni di fare marcia indietro – e un’altra. Il grande conflitto in Medio Oriente attira l’attenzione globale.

La Cina potrebbe aver voluto mediare in precedenza perché non voleva perdere troppo la Russia. Ma ora c’è meno preoccupazione su questo fronte… La Cina ha un maggiore incentivo a monitorare come si svolge lo sviluppo del campo di battaglia, che costituirà la base per qualsiasi negoziato (di pace).

Ora che gli Stati Uniti sono preoccupati per Gaza e le risorse a disposizione dell’Ucraina sono più limitate, le cose sono andate a favore della Russia, che ha meno ragioni per cui la Cina “promuove una pace giusta come chiedono l’Occidente e l’Ucraina”, ha aggiunto. .

02:31- Fonte: CNN

Storico: La Russia non può battere l’Ucraina nel modo tradizionale, quindi sta facendo così

Mentre Li si concentrava sull’economia a Davos, all’inizio di questa settimana il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha continuato a concentrarsi su Gaza.

Al Cairo, nell'ambito del primo viaggio regolare del ministro degli Esteri quest'anno in Africa, Wang ha rilasciato una dichiarazione congiunta con la Lega Araba chiedendo un “cessate il fuoco immediato e globale” a Gaza per porre fine a più di tre mesi di guerra. La posizione di Pechino Sul conflitto fin dai suoi primi giorni.

Wang ha detto anche la Cina richiesto Convocare una “conferenza di pace internazionale più ampia, più affidabile ed efficace” e fissare un calendario specifico per l’attuazione di una soluzione a due Stati per Israele e Palestina.

READ  Questa coppia “viaggia per il mondo senza sosta” da 15 anni. Qui rivelano perché amano gli Stati Uniti, odiano l'Egitto e i luoghi che li hanno sorpresi

Sebbene non sia chiaro quanta influenza abbia la Cina nella regione per svolgere un ruolo forte nel sostenere tale sforzo, uno Stato indipendente di Palestina accanto allo Stato di Israele è coerente con la politica estera a lungo termine di Pechino; È stato uno dei primi paesi a riconoscere la Palestina come Stato sovrano alla fine degli anni ’80 e da tempo invoca una soluzione a due Stati.

Tuttavia, gli analisti affermano che il conflitto rappresenta anche un’opportunità per Xi Jinping mentre manovra per posizionare la Cina come leader internazionale alternativo agli Stati Uniti, soprattutto nel Sud del mondo – e alimenta la percezione che le politiche americane abbiano interrotto la stabilità globale.

“Molta frustrazione e rabbia (globale) si sono spostate sul conflitto a Gaza… ed è qui che la Cina guadagna punti cercando di posizionarsi come forza diplomatica per sempre”, ha affermato Alex Gabov, direttore della Carnegie Russia Eurasia. Centro di Berlino.

“Quando si tratta della guerra di Gaza, la maggior parte del Sud del mondo è fortemente contraria a ciò che sta facendo Israele… a differenza della guerra in Ucraina, dove la maggior parte dei paesi sono seduti in disparte e solo l’Occidente è unito”.

Se Pechino abbia interesse a unirsi a un numero crescente di paesi – compresi quelli del Sud del mondo – disposti a sedersi al tavolo con l’Ucraina e ad ascoltare le sue condizioni per la pace sarà messo alla prova nel prossimo vertice di pace, ha annunciato lunedì.

Si prevede che l'incontro, che la Svizzera ospiterà in una data sconosciuta su richiesta di Zelenskyj, attirerà i leader mondiali per discutere su come porre fine al conflitto mentre si avvicina al suo terzo anno. Zelenskyj lo ha descritto come un evento “al quale tutti i paesi che rispettano l'integrità territoriale dell'Ucraina sono invitati a partecipare”.

Alla domanda se l'invito fosse stato esteso a Pechino, il Ministero degli Esteri cinese all'inizio di questa settimana ha evitato una risposta diretta, affermando che la posizione della Cina “è centrata sulla promozione dei colloqui per la pace” e sostiene “qualsiasi sforzo per la pace”.

READ  Donald Trump fa un "annuncio molto grande" dopo le elezioni di medio termine tra le speculazioni sull'offerta della Casa Bianca per il 2024

Gli analisti sostengono che ciò difficilmente si tradurrà in una presenza di alto livello ai colloqui poiché il punto di partenza sarà il punto di vista dell'Ucraina, non quello della Russia.

La Russia non è stata rappresentata in nessuno dei quattro colloqui di pace internazionali svoltisi finora, anche se la sua partecipazione sarebbe necessaria per raggiungere un accordo di pace. Di questi tre, la Cina ha partecipato solo a un evento ospitato dal suo partner strategico sempre più vicino, l’Arabia Saudita.

Pechino considera Mosca un partner chiave nel bilanciare quello che vede come un Occidente ostile, e i due paesi hanno continuato a rafforzare le relazioni di sicurezza, diplomatiche ed economiche da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su larga scala.

Finché la Russia non lo accetterà, tutto ciò che accadrà alla conferenza di pace non avrà alcuna importanza. Sun ha dichiarato a Washington che la Cina non sosterrà le condizioni osteggiate dalla Russia. “Qualsiasi tentativo di trascinare la Cina in una situazione del genere fallirà perché anche la Cina comprende l’idea di partecipare a una simile sessione”.

Per ora, ciò potrebbe lasciare la Cina in disparte, finché non sentirà che è arrivato il momento di raggiungere un compromesso tra Kiev e Mosca – un’apertura attraverso la quale potrebbe cercare di rafforzare il suo ruolo.

Ma quando si tratta di come Pechino manovra per mediare la pace a Gaza, la Cina probabilmente non ritiene di aver ancora colto l’opportunità di “presentarsi come mediatore nel conflitto”, secondo Sun. “Quindi c'è altro in arrivo.”

CNN Radina Zhigova a Londra e Svetlana Vlasova a Kiev hanno contribuito al reportage.