Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Ucraina si ritira dalla città dopo una lunga lotta e ottiene la vittoria per la Russia

Le forze ucraine si ritirano da Severodonetsk, cedendo di fatto la città alla Russia e portando quasi l’intera regione dell’Ucraina orientale di Luhansk sotto il controllo russo. Mesi di duri e sanguinosi combattimenti.

Severodonetsk è stata una delle ultime grandi roccaforti dell’Ucraina nella regione. Serhiy Heidi, il massimo comandante militare dell’Ucraina orientale, ha affermato che l’esercito ha preso la decisione di evacuare “perché il bilancio delle vittime nelle aree non fortificate può aumentare ogni giorno”.

“Non ha senso restare”, ha detto Heidi.

Il fumo sale nella città di Severodonetsk durante i pesanti combattimenti tra le forze ucraine e russe. (AFP tramite Getty Images)

Non è chiaro se le forze ucraine stiano attualmente lasciando la città o se siano già state evacuate.

Sebbene la cattura sia una svolta simbolica per la Russia, arriva dopo una lunga e costosa battaglia in cui le forze di Mosca hanno incontrato un’ostinata resistenza ucraina.

Le forze russe hanno deviato gran parte della loro potenza di fuoco verso l’invasione della città e hanno semplicemente distrutto ogni posizione difensiva adottata dagli ucraini. Questa strategia è stata attuata lentamente, poiché i russi hanno ottenuto guadagni duri e lenti intorno a Severodonetsk durante la primavera e l’inizio dell’estate.

Le forze ucraine sono state spinte, a poco a poco, in pochi isolati quadrati intorno all’impianto chimico di Azot, dove circa 500 civili, tra cui decine di bambini, si sono rifugiati in una scena che ricorda l’assedio dell’acciaieria Azovstal a Mariupol.

Ma con l’evacuazione della città da parte dell’esercito, il destino di coloro che si trovano all’interno dell’impianto di azoto rimane poco chiaro.

Un bambino siede di fronte a un edificio distrutto dopo un attacco a Kramatorsk, nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale. (AFP tramite Getty Images)

Heidi, il capo dell’amministrazione militare regionale di Luhansk, ha ripetutamente accusato Mosca di tattiche di terra bruciata, radere al suolo le città con scarso riguardo per le vittime mentre cercava di catturarle.

“Tutte le infrastrutture della città sono state completamente distrutte”, ha detto venerdì di Severodonetsk.

La battaglia ora si sposta attraverso il Siverskyi Donet fino a Lysychansk, l’ultima città di Luhansk sotto il controllo delle forze ucraine. E ci sono già indicazioni che i russi useranno lo stesso spietato bombardamento aereo per distruggere le forze ucraine, schierando aerei da combattimento, sistemi missilistici a lancio multiplo e persino missili balistici a corto raggio.

Il controllo dell’Ucraina su Lyschansk è diventato più fragile negli ultimi giorni. Le truppe russe avanzarono in diversi villaggi a sud della città, ma non senza subire perdite a causa del fuoco dell’artiglieria ucraina. L’esercito ucraino afferma che alcuni gruppi di battaglioni tattici russi vengono consolidati o ritirati per ripristinare le loro capacità di combattimento.

L’Institute for the Study of War, un think tank statunitense che segue da vicino la campagna, ha affermato che la penetrazione russa da sud significava che “potrebbero essere in grado di minacciare Lyschansk nei prossimi giorni evitando un difficile attraversamento di intercettazione dei Seversky Donet”. Fiume.”

L’evacuato saluta emotivamente il suo cane

Vittoria per Putin, ma a quale costo?

Luhansk e la vicina Donetsk costituiscono la regione ucraina del Donbass, un cuore industriale costellato di fabbriche e giacimenti di carbone che è stata sede di sporadici combattimenti dal 2014, quando i separatisti sostenuti dalla Russia hanno sequestrato due regioni: l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk e Luhansk. Repubblica Popolare.

Il Cremlino ha sostenuto silenziosamente le truppe lì dal 2014 e ha persino iniziato a concedere passaporti ai residenti nel 2018, con oltre mezzo milione distribuito entro la metà del 2021, Secondo i media statali russi.

Poco prima di invadere l’Ucraina a febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto i territori separatisti come stati indipendenti e ha ordinato il dispiegamento di truppe russe lì in violazione del diritto internazionale.

La cattura di Severodonetsk regala a Putin un’importante vittoria propagandistica in una guerra che è stata finora segnata da battute d’arresto militari per Mosca. L’obiettivo principale della cosiddetta “operazione militare speciale” della Russia – l’eufemismo ufficiale del Cremlino per l’invasione dell’Ucraina – era ottenere il controllo del Donbass.

Gli esperti hanno previsto una rapida battaglia nella regione, a differenza delle battaglie intorno a Kiev nei primi giorni della guerra, che la Russia ha perso. I combattimenti vicino alla capitale ucraina erano per lo più una guerra urbana, che ha permesso all’esercito ucraino di contrastare i vantaggi della Russia in termini di manodopera e equipaggiamento mantenendo le battaglie in corridoi più stretti, dove una forza di combattimento ucraina altamente motivata potrebbe trarre vantaggio dalla sua migliore conoscenza dell’ambiente locale.

Tuttavia, il Donbass è un’area di pianure e spazi aperti. Le battaglie lì hanno coinvolto armi a lungo raggio, un tipo di guerra che ha favorito la Russia, la sua potenza superiore e le sue forze armate più grandi.

Dopo scarso successo nel primo mese del conflitto, le forze russe si sono ritirate da tutta Kiev, si sono raggruppate e si sono concentrate sull’Ucraina orientale. La nuova offensiva del Cremlino per impadronirsi della regione del Donbass è iniziata il 18 aprile, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Il progresso della Russia è stato, all’inizio, “lento e irregolare”, secondo i funzionari statunitensi, poiché le sue forze armate sembravano ancora imparare dai suoi errori nei primi giorni dell’invasione.

La Russia ha avuto scarso successo nei suoi attacchi a Kiev e nelle aree circostanti. (NurPhoto via Getty Images)

La marea ha cominciato a cambiare direzione a metà maggio, quando Mariupol, una città portuale strategicamente importante, è finalmente caduta interamente in mano alle forze russe dopo un’intensa campagna di bombardamenti durata tre mesi che secondo funzionari ucraini ha causato fino a 22.000 morti.

I combattimenti furono notevolmente simili alla battaglia di Severdontsk, sia in termini di decisioni tattiche della Russia che con combattenti e civili ucraini rintanati in strutture prebelliche utilizzate per l’industria pesante.

Poi i russi hanno intensificato i bombardamenti in altre parti della regione del Donbass, una strategia che Zelensky ha paragonato al genocidio.

Alcuni esperti si sono chiesti se gli sforzi della Russia per impadronirsi di Severodonetsk valgano strategicamente la pena.

“La perdita di Severodonetsk è una perdita per l’Ucraina, nel senso che qualsiasi terreno catturato dalle forze russe è una perdita, ma la battaglia di Severodonetsk non sarà una vittoria russa decisiva”, Lo ha detto l’Istituto di Guerra.

“Le forze ucraine sono riuscite per settimane a ritirare grandi quantità di personale, armi e equipaggiamento russi nell’area e probabilmente hanno indebolito le capacità complessive delle forze russe impedendo alle forze russe di concentrarsi su assi di avanzamento più vantaggiosi”.

Se le forze russe catturassero Lyschansk, e con essa la regione di Luhansk, è probabile che concentrerebbero più forze su Donetsk, dove i progressi furono molto più lenti.

Il presidente russo Vladimir Putin è determinato a continuare l’invasione. (AFP)

L’amministrazione militare regionale dell’Ucraina afferma che circa il 45% di Donetsk è sotto il controllo delle forze ucraine, comprese le città di Sloviansk e Kramatorsk.

Non è chiaro se le perdite subite dalle forze russe nelle ultime settimane indeboliranno la loro capacità e il desiderio di prendere d’assalto più territorio, ma il Cremlino non ha deviato dal suo obiettivo finale di catturare queste due città.

Allo stesso modo, resta da vedere se la punizione inflitta alle unità ucraine abbia fornito loro risorse sufficienti per lanciare contrattacchi contro i russi.

Funzionari ucraini hanno ripetutamente chiesto ai loro alleati una maggiore assistenza militare. Il 14 giugno il viceministro della Difesa Hanna Maliar ha dichiarato che il Paese ha ricevuto solo il 10 per cento dell’assistenza militare richiesta.

“Non importa quanto siano professionali i nostri militari, l’Ucraina non sarà in grado di vincere questa guerra senza l’aiuto dei nostri partner occidentali”, ha detto Maliar.

I leader ucraini dovranno ora decidere se è strategicamente fattibile continuare a difendere Lyschansk, poiché Kiev potrebbe rinunciare alla città e deviare risorse per una difesa più coerente di Sloviansk, Kramatorsk e Kostyantinivka, la cintura industriale di Donetsk.

Il Cremlino non ha deviato dal suo obiettivo finale di catturare sia Donetsk che Luhansk. Ora ha quasi tutto quest’ultimo. Ma è probabile che il completamento della cosiddetta “operazione militare speciale” richiederà diversi mesi, sfociando in una guerra di logoramento.

READ  Morirono marito e moglie anti-estremisti in Texas, lasciando quattro figli