Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Ucraina dovrebbe avvicinarsi alla candidatura Ue: aggiornamenti in tempo reale

video

Lo status è il primo passo formale nel processo di adesione all’UE, che di solito dura più di un decennio. La commissione ha anche accettato di candidarsi per la Moldova, ma ha respinto una domanda della Georgia.a lui attribuitoa lui attribuito…Gert Vanden Weigengart/Associated Press

BRUXELLES – La Commissione Europea ha raccomandato venerdì di concedere all’Ucraina lo status di candidato nella candidatura del Paese a diventare membro dell’Unione Europea, il primo passo formale di un processo che normalmente richiede più di un decennio.

Ha anche raccomandato uno status simile per la Moldova – che ha chiesto l’adesione al blocco poco dopo l’Ucraina, spinta dalle preoccupazioni per le minacce della Russia nella regione – ma non alla vicina Georgia, che è stata ritenuta riluttante a candidarsi per l’UE.

La mossa sull’Ucraina ha assunto un’aria di maggiore inevitabilità mercoledì, quando i leader di Francia, Germania, Italia e Romania hanno annunciato il loro sostegno al percorso dell’Ucraina durante una visita a Kiev. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha aperto venerdì a Bruxelles la riunione dei commissari Ue, indossando maglia blu e giacca gialla, il colore nazionale dell’Ucraina.

Ma la raccomandazione della Commissione di venerdì è solo il primo passo di una lunga strada. La decisione finale spetta ai leader dell’Ue che si incontreranno il 23 e 24 giugno a Bruxelles per affrontare la spinosa questione.

La Commissione ha sottolineato che lo status dei candidati in Ucraina e Moldova è legato alle riforme dello Stato di diritto, della giustizia e della lotta alla corruzione. “È una lunga strada per avviare i negoziati di adesione”, ha detto ai giornalisti il ​​principale funzionario dell’allargamento del blocco, Oliver Varhely. “Oggi non si tratta di questo. Una volta soddisfatte le condizioni, dovremo tornare a pensarci”.

READ  Il mercato del formaggio varrà 161,23 miliardi di dollari entro il 2028 |

Funzionari dell’UE hanno affermato che la nomina è un richiamo morale, volto a motivare i paesi candidati a compiere ulteriori riforme. Le misure che l’Ucraina deve intraprendere includono il rafforzamento della lotta alla corruzione e all’oligarchia, la legislazione sulla selezione dei giudici per la Corte suprema del paese, la protezione delle minoranze e una nuova legge sui media. Di grande preoccupazione sono i problemi della nazione con la corruzione endemica, così come tutte le battute d’arresto che dovrà affrontare dopo la guerra.

La commissione ha affermato che valuterà i progressi alla fine di quest’anno, lasciando il paese dilaniato dalla guerra a meno di sette mesi per introdurre una serie di riforme complesse e costose.

Gli Stati membri dell’UE sono anche divisi tra coloro che credono che, sebbene l’Ucraina non sia tecnicamente pronta per avviare i massicci cambiamenti necessari per aderire al Blocco 27, dovrebbe comunque ottenere lo status di candidato come gesto di sostegno significativo nella sua difesa contro l’aggressione russa. I sostenitori ritengono che ciò consentirà ai leader ucraini di chiarire che il loro paese ha un brillante futuro dopo la fine della guerra e inizieranno anche a integrare il paese nel blocco, che finanzierà gran parte di qualsiasi ricostruzione.

Altri paesi preferirebbero che l’Ucraina ricevesse una sorta di status di “candidato leggero”: una promessa, ma con avvertimenti e criteri da soddisfare lungo la strada, pur riconoscendo che il suo percorso verso la piena adesione sarà probabilmente molto lungo. Questi paesi ritengono che questo approccio non solo sia più realistico, ma mostri anche integrità nei confronti dell’Ucraina piuttosto che fornire false assicurazioni.

“Dal punto di vista della Commissione, l’Ucraina ha chiaramente dimostrato l’ambizione e la determinazione del Paese di aderire ai valori e agli standard europei”, ha affermato venerdì la signora von der Leyen, aggiungendo che l’Ucraina aveva già stabilito circa il 70% delle norme dell’UE, standard e norme.

READ  Il ristorante italiano Da Vinci chiude a causa dell'attività del City Rail Link

“Sappiamo tutti che gli ucraini sono pronti a morire per la prospettiva europea”, ha aggiunto. “Vogliamo che vivano il sogno europeo con noi”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto favorevolmente la mossa della Commissione e ha affermato che aiuterebbe gli sforzi del suo paese per scongiurare l’aggressione russa. “È il primo passo verso l’adesione all’Unione europea che ci avvicinerà sicuramente alla vittoria”, ha affermato ha scritto su twitter.

Tess Fielder Contribuito alla cronaca da Londra.