Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Luca’ porta il pubblico in Italia, ma per uno degli animatori del film il viaggio inizia ad Aurora

Nota dell’editore: questo articolo contiene spoiler sui film.

Un mondo dal paesaggio di ispirazione italiana, creato dall’ultimo film di Aurora Pixar “Luca”, ma il regista Enrico Cazarosa e l’animatore Earl Brawley hanno trascorso parte della loro infanzia tra i rocker.

Per Broly, quei ricordi d’infanzia in Colorado hanno influenzato direttamente le soleggiate avventure di Luca, il protagonista del film. La coppia sfida i desideri dei genitori eccessivamente insicuri di Luca e si trasferisce nella città costiera di Porto Rico, dove stanno ancora aspettando di fuggire.

“Io e il mio migliore amico [were] Una specie di assurdità, avremo sempre avventure così sciocche “, ha detto Broly Aurora sul suo passato. “Una volta stavano costruendo case. Hanno sistemato il marciapiede. Abbiamo scavato una buca sotto il palo e lì abbiamo fatto una piccola grotta.”

Broley ha anche scoperto l’inizio della sua carriera animata in Aurora. Alla Smokey Hill High School, ha testato i suoi primi progetti di animazione al computer. “Ho sempre voluto giocare al computer a casa e penso che abbiamo fatto qualcosa come CAD [Computer Assisted Design] Oppure puoi costruire la tua casa “, ha detto. “Il compito è costruire una casa da sogno, ma essere in questo mondo virtuale mi ha affascinato”.

Disney/Immagine
Una scena del nuovo film Pixar “Luca”. L’animatore Earl Broly ha sperimentato per la prima volta l’animazione alla Smokey Hill High School di Aurora.

Sua madre incoraggiò Brawley a interessarsi al design grafico, cosa che lo portò al Flat College di Aurora. Il programma di progettazione grafica all’epoca permetteva agli studenti di dedicarsi al web design o all’animazione. Brawley ha scelto quest’ultimo e ha realizzato un film studentesco sui giocatori di biliardino. “Potrei animare la telecamera in entrata e modificare la musica”, ha detto. “Sì, posso davvero creare qualcosa!”

READ  Studio della cinetica di polarizzazione delle zone umide costiere dell'Italia nord-orientale dal 1984 al 2016

Alla fine, la sua carriera lo ha spinto fuori dal Colorado, prima alla Vancouver Film School in Canada e poi in Giappone per lavorare come animatore. Anche all’inizio, Brockley aveva la sua visione di unirsi alla Pixar.

“Ricordo di aver fatto domanda dopo la scuola,’ non ho avuto la possibilità, ma ho dovuto provare,’ ha detto.’ Sono andato in Giappone, è stata una nuova avventura, mi sentivo a mio agio lì, ma volevo ancora andare in Pixar. Poi da lì, sono andato alla Sony Image Works a Vancouver, che era il film successivo, per entrare nel film. Sono stato in grado di essere in un ruolo da protagonista, ma avevo ancora in mente, ‘Ah, ma Pixar. Voglio essere nella foto. “