Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lotte economiche e turbolenze personali: il primo anno di Meloni come Primo Ministro italiano

Lotte economiche e turbolenze personali: il primo anno di Meloni come Primo Ministro italiano

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni è alle prese con una debole crescita economica e l'aumento dei tassi di interesse sul massiccio debito del paese mentre celebra il suo primo anno in carica, un anniversario segnato anche dall'annuncio a sorpresa che lascerà il suo partner di lunga data.

La coalizione Meloni, la prima coalizione guidata da donne nella storia italiana, ha prestato giuramento un anno fa dopo una schiacciante vittoria elettorale e presto supererà la durata media del mandato postbellico per i governi italiani di 14 mesi.

È stato visto come una presa del potere come il partito più di destra del paese dai tempi del dittatore di guerra Benito Mussolini, con il partito Fratellanza d'Italia di Meloni che affonda le sue radici nel Movimento Sociale Italiano post-fascista (MSI).

Tuttavia, Meloni, 46 anni, ha deciso di dissipare i timori stranieri di un potenziale estremismo e di stabilire buoni rapporti con gli alleati adottando una posizione fermamente filo-occidentale e favorevole all’UE e promettendo un forte sostegno all’Ucraina nella sua guerra con la Russia.

In patria, ha soddisfatto la sua base di destra adottando misure per difendere la famiglia tradizionale, proteggere il patrimonio culturale italiano e cercare di fermare l'arrivo dei migranti.

“Abbiamo lavorato instancabilmente per ripristinare la fiducia e dimostrare con i fatti che è possibile costruire un’Italia diversa”, ha detto in un videomessaggio questa settimana.

Tuttavia, la ripresa economica dalla pandemia di Covid-19 si è arrestata, con il Pil in contrazione dello 0,4% nel secondo trimestre, e gli analisti prevedono che la crescita italiana sarà tra le più basse della zona euro il prossimo anno.

READ  Christie's presenta la collezione di Pierre Durand, co-fondatore della China Porcelain Company

Ciò rende difficile per la Meloni mantenere le promesse di tagli fiscali e rende il debito italiano, equivalente al 140% della produzione nazionale, vulnerabile a una svendita del mercato.

“L’economia è probabilmente la materia più difficile – spiega Valentina Meliciani, docente di economia all’Università Luis di Roma – Il governo ha bassi margini operativi”.

La scorsa settimana, la Meloni ha approvato la prima di numerose revisioni del debito italiano, quando l'agenzia di rating globale Standard & Poor's ha affermato il rating del paese a “BBB” con outlook stabile.

Tuttavia, l'opinione prevalente tra gli analisti è che le agenzie di rating peggioreranno l'outlook di Roma evitando un vero e proprio downgrade.

Melonie ha anche problemi personali da affrontare. Venerdì ha annunciato di essersi separata dal suo partner di lunga data, il conduttore televisivo Andrea Giambruno, dopo che questi aveva ripetutamente suscitato indignazione per i commenti sessisti che aveva fatto dentro e fuori la trasmissione.

Detrazioni fiscali

Questo mese, il governo ha approvato un bilancio 2024 che prevede tagli fiscali per circa 24 miliardi di euro (25,3 miliardi di dollari) e un aumento della spesa, nonostante il debito pubblico sia relativamente al secondo livello più alto nella zona euro dopo la Grecia.

Il budget non ha impressionato gli investitori e ha esacerbato l’aumento a lungo termine degli spread sui titoli italiani.

Il divario tra i rendimenti dei titoli italiani a 10 anni e quelli tedeschi equivalenti è di circa 2 punti percentuali (200 punti base), molto più alto che in qualsiasi altro paese della zona euro.

Meliciani ha affermato che le speranze dell’Italia di rilanciare la propria economia e ridurre il debito dipendono fortemente dall’efficace attuazione dei piani di investimento finanziati attraverso i fondi UE per il periodo post-Covid-19.

READ  La carenza di parti annulla lo stabilimento automobilistico dell'Alabama; La startup di camion elettronici perde i suoi alti dirigenti |

Roma ha finora faticato a soddisfare le condizioni politiche di Bruxelles e a spendere i soldi che ha ricevuto.

A livello internazionale, oltre al suo sostegno all’Ucraina, la Meloni ha ampiamente evitato il confronto con Bruxelles nonostante il suo passato euroscettico.

Ha inoltre ritirato gli appelli lanciati contro il blocco navale per impedire alle imbarcazioni di lasciare il Nord Africa, nonostante la sua incapacità di fermare il flusso di migranti.

Il numero di arrivi sulle coste italiane è salito a oltre 140.000 persone finora nel 2023, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Enzo Moavero Milanesi, ex ministro degli Esteri, ha dichiarato: “Ci aspettavamo che l’Italia fosse molto severa (sull’immigrazione) a livello europeo, ma abbiamo visto un atteggiamento generalmente conciliante, e stanno lavorando per trovare una linea comune”.

Posizione di comando

In patria, la Meloni ha finora evitato il caos politico interno che ha colpito molti dei suoi predecessori.

L’opposizione divisa l’ha aiutata a rafforzare la presa sul potere e a mantenere il suo partito in cima ai sondaggi d’opinione, con quasi il 30% del sostegno degli elettori, rispetto al 18,5% circa del Partito Democratico di centrosinistra e al 17% del partito scissionista. Movimento 5 Stelle.

Il suo partito domina gli alleati della coalizione, Lega e Forza Italia, il cui punteggio rimane inferiore al 20%.

Gli analisti ritengono che un segmento degli elettori di centrodestra si sia rivolto ai melonisti degli altri due partiti e difficilmente riuscirà a scuotere gli equilibri di potere all'interno della coalizione con un nuovo ritorno.

Lo storico ed esperto politico Giovanni Orsina ha detto: “La Meloni è arrivata dopo un decennio di instabilità politica e di diversità di elettori all'interno dello spettro dei partiti. Il Paese ora sembra stanco di questo”.

READ  Mastercard, Capital One collabora con Foodies & Fairways a East Lake