Giugno 8, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la Cina ha registrato la prima morte umana al mondo a causa del virus dell’influenza aviaria H3N8

PECHINO (Reuters) – Una donna cinese è diventata la prima persona a morire per un tipo di influenza aviaria rara negli esseri umani, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità, ma il ceppo non sembra circolare tra le persone.

L’OMS ha dichiarato martedì scorso che la donna di 56 anni della provincia meridionale del Guangdong era la terza persona nota per essere stata infettata dal virus dell’influenza aviaria H3N8.

Tutti i casi sono stati in Cina, con i primi due segnalati l’anno scorso.

Il Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie del Guangdong ha annunciato la terza infezione alla fine del mese scorso, ma non ha fornito dettagli sulla morte della donna.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che il paziente aveva diverse condizioni di base e una storia di esposizione al pollame vivo.

Infezioni sporadiche tra le persone affette da influenza aviaria sono comuni in Cina, dove i virus dell’influenza aviaria circolano costantemente in un gran numero di uccelli domestici e selvatici.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che i campioni raccolti da un mercato umido che la donna ha visitato prima di ammalarsi sono risultati positivi all’influenza A (H3), suggerendo che questa potrebbe essere la fonte dell’infezione.

Sebbene raro negli esseri umani, l’H3N8 è comune negli uccelli dove provoca pochi o nessun segno di malattia. Ha anche infettato altri mammiferi.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che non sono stati riscontrati altri casi tra i contatti della donna contagiata.

“Sulla base delle informazioni disponibili, sembra che questo virus non abbia la capacità di diffondersi facilmente da persona a persona, e quindi il rischio della sua diffusione tra esseri umani a livello nazionale, regionale e internazionale è considerato basso”. Lo afferma l’Organizzazione mondiale della sanità in un comunicato.

READ  Il telescopio spaziale Hubble scopre la stella più vicina e più lontana conosciuta

Il monitoraggio di tutti i virus dell’influenza aviaria è importante a causa del loro potenziale di evolversi e causare una pandemia.

Segnalazione di Dominic Button. A cura di Christopher Cushing

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.