Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’opera italiana chiede il riconoscimento dell’UNESCO

Napoli

L'opera italiana chiede il riconoscimento dell'UNESCO

L’opera ebbe origine in Italia, fu cantata da patrioti italiani e dalla penisola provenivano i più grandi ariani del mondo. La Roma ora vuole ottenere un prestito dove può essere rimborsato.

classe = “cf”>

La patria di Scarlett e Verdi, l’Italia, ha cercato di far riconoscere il canto lirico italiano dall’UNESCO, un ente culturale delle Nazioni Unite, nella sua entusiasmante lista del patrimonio mondiale. La decisione sarà presa a fine anno.

Stephen Lisner, direttore francese del Teatro San Carlo di Napoli, ha affermato che l’opera “nasce in Italia”, inaugurata nel 1737 e si dice che sia il teatro d’opera più antico del mondo.

Dopo vari esperimenti con il dramma musicale nel XVI secolo, l’opera apparve a Firenze nel 1600, fondando un’accademia che promuoveva un innovativo mix di testo cantato e musica.

Il primo grande compositore di opere è considerato Claudio Montevardi d’Italia, che visse dal 1567 al 1643, e quello fu l’inizio.

“Se guardi alla storia dell’opera nel 18° secolo, c’erano 400 nuove canzoni in quel secolo”, ha detto Lisner all’AFP nella sola Napoli. La città meridionale era, all’epoca, capitale di un regno governato dai Borbone.

classe = “cf”>

Ma perché l’opera italiana dovrebbe entrare nella Hall of Fame più legalmente delle sue controparti francesi o tedesche?

Per Lisnar, che ha guidato la Scala e l’Opera di Parigi a Milano prima di assumere la guida a Napoli nel 2020, non c’è dibattito.

“Cantare in Italia… evoca la più grande emozione per gli amanti dell’opera”, ha detto all’AFP in un’intervista al San Carlo, tutte sedie di velluto rosso, luci lampeggianti e dorature.

Nel suo camerino, l’avvocato italiano Gabriel Viviani esegue i suoi esercizi vocali prima di salire sul palco della Tosca di Puccini.

READ  Ricetta del cocktail Sorbeto italiano di Kiata de Laurentis: bevanda estiva - lei lo sa

“Senza prendere nulla dai miei colleghi o dai compositori francesi o tedeschi … Penso che la canzone italiana abbia la capacità in più di esprimere emozioni in un modo che nessun altro può”.

Dopo pochi minuti, il pubblico si disperde nell’atrio e chiacchiera prima di prendere posto all’inizio dello spettacolo.
Sumiko, una donna giapponese di New York, taglia una fila davanti a una folla in kimono, che viene soprattutto a Napoli per lo spettacolo, ed è interessata a un’asta dell’UNESCO in Italia.

“Le impressioni che questi compositori ci danno sono globali. Questo è al di là della storia. Questo è fuori dai limiti “, ha detto all’AFP.

Secondo il ministro della Cultura Tario Francini, l’opera è una delle “espressioni culturali più autentiche e originali” d’Italia e si è diffusa nel mondo.

classe = “cf”>

Ha notato scene commoventi dalla città ucraina di Odessa a marzo, quando la gente del posto è scesa in strada per cantare il rivoltante coro degli schiavi ebrei di Nabuko in Verdi, cantando “Vieni, Benciro”.

“Cantare l’opera italiana è parte integrante del patrimonio culturale del mondo, un’ulteriore prova che fornisce luce, forza e bellezza nell’oscurità”, ha descritto.

“Wa, Bensiro”, una canzone dei patrioti italiani che combatterono l’occupazione austriaca nel XIX secolo, illustra anche il sostegno popolare all’opera.

classe = “cf”>

“Nel diciannovesimo secolo, indipendentemente dalla città italiana da cui vieni, l’intera popolazione cantava le arie d’opera. Questo è normale”, ha osservato Lisner.

“L’Italia è diversa, i teatri italiani sono diversi… Se vai nei paesi – non sono nemmeno città – puoi trovare piccoli teatri”.

Ancora oggi sono circa 60 i teatri lirici in tutta Italia, un record mondiale, mentre cantanti lirici come il tenore del 20° secolo Luciano Pavarotti sono acclamati come protagonisti.

READ  Studente MBA con borsa di studio del 25% in Italia

In Italia, Lisner ha detto che i testi “non erano riservati alla classe superiore”, anche se ha detto che “la maggior parte dei membri del pubblico non poteva pagare alcuni prezzi dei biglietti e ha abbandonato”, il che è stato un “grosso errore”.

Questa è la tendenza che il San Carlo sta cercando di contrastare prenotando biglietti low cost per i giovani.