Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Open di Francia è vicino alla normalità

Mercoledì, Osaka ha annunciato sui social media che non avrebbe partecipato alle conferenze stampa durante gli Open di Francia, affermando che potrebbe danneggiare la salute mentale dei giocatori.

Poi c’è Daniel Medvedev, 2 ° classificato al mondo. Ha vinto solo una delle sue ultime nove partite sulla terra battuta. Mentre perdeva contro Aslan Karatsev a Roma, ha supplicato il supervisore del tour di rimanere dietro di lui a causa dell’oscenità verbale e ha gridato: “Come posso non giurare? Se ti piace stare nel fango come un cane, questo è un bene per te. “

Per Medvedev, i suoi problemi con il fango sono mentali e fisici.

“Per quanto riguarda il fango, è tutto”, ha detto Medvedev, che non è riuscito a vincere una partita in quattro tentativi con il Roland Garros. “Non so come regolare i miei tiri sul duro per farli lavorare sul fango. Non sarò mai come alcuni giocatori spagnoli fin dalla giovane età, lo sanno, beh, mi giro per un diritto, giro la palla, gioco in alto sopra la rete e fai rimbalzare la palla vicino alla linea. “

Djokovic ha detto che c’era un’arte nel padroneggiare l’argilla.

“Sappiamo tutti che il fango è la superficie più lenta nello sport”, ha detto. “Ci vuole più energia fisica dal giocatore, ma anche più energia mentale ed emotiva. Penso che devi allenarti sulla terra battuta più di ogni altra superficie in modo da sentirti a tuo agio mentre ci giochi”.

L’unico giocatore che appare completamente impassibile su tutta la superficie è il numero uno al mondo Ashley Barty. Ha raggiunto le semifinali agli Australian Open lo scorso anno e poi ha saltato il resto della stagione, e quest’anno è tornata a vincere tre tornei: lo Yarra Valley Classic a Melbourne e il Miami Open hardcourt e il Porsche Grand Prix a Stoccarda, in Germania. , sul fango – e ha raggiunto la finale a Madrid sui campi in sabbia. Conferma che il prato è ancora la sua superficie preferita. Barty Permanent Positive ha una teoria.

READ  Stefano Bitoni brilla all'Antognolla Alps Open

“Ognuno ha un approccio diverso al modo in cui plasmano la propria carriera”, ha detto. “Non ho giocato l’anno scorso, sono eccitato, guidato, affamato come mi stavo sfidando contro i migliori del mondo. Ogni volta che lo faccio mi fa sorridere”.