Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’oggetto misterioso sopravvissuto a un incontro ravvicinato con un buco nero smascherato

Una nuvola misteriosa che in qualche modo è sopravvissuta a un incontro ravvicinato con un buco nero supermassiccio è stata ora rivelata.

Secondo un nuovo studio sull’oggetto, chiamato G2, si tratta in realtà di tre giovani stelle, circondate da una fitta nube di gas e polvere da cui sono nate. Questa interpretazione fornisce una chiara soluzione alle domande rimaste senza risposta dopo aver superato G2 Sgr A* – il buco nero supermassiccio nel cuore della Via Lattea – nel 2014.

“Suggeriamo che gli oggetti ricoperti di polvere osservati siano i resti di un giovane ammasso stellare fuso che ha iniziato a formarsi nel disco nucleare circostante”, I ricercatori hanno scritto nel loro articolo.

G2 Scoperto nel 2011 (descritto in uno studio Inserito nel 2012). A quel tempo, stava precipitando verso un evento noto come perinigricon, il punto della sua orbita in cui è più vicino a un buco nero.

Gli astronomi si aspettavano pienamente che un incontro ravvicinato avrebbe causato la lacerazione di G2 da parte di Sgr A*, producendo alcuni fuochi d’artificio fluttuanti da buchi neri supermassicci.

Il fatto che non sia successo nulla è stato poi indicato come “cosmico svanireG2 si è dilatato e allungato mentre si avvicinava al buco nero; poi, oltre la regione del perinigricon, è tornato ad una forma più compatta.

Un’altra caratteristica fastidiosa del G2 è che è estremamente caldo, molto più caldo di quanto dovrebbe essere una nuvola di polvere. È possibile che Sgr A*, o altre stelle, abbiano riscaldato l’oggetto, ma è rimasto alla stessa temperatura indipendentemente da dove fosse. Ciò indica che tutto ciò che stava riscaldando G2 proviene dall’interno del cloud stesso, non da influenze esterne.

READ  Strane esplosioni elettromagnetiche compaiono prima dei terremoti e potremmo finalmente sapere perché

Gli astronomi hanno scoperto che questi due comportamenti sono più coerenti con il comportamento della stella. L’anno scorso un team di ricercatori ha suggerito che la nube G2 potrebbe ospitare una stella nascosta al suo interno, il prodotto di una collisione tra due stelle che ha prodotto un’enorme nube di gas e polvere intorno a loro.

Ma lo stesso studio ha anche rivelato la scoperta di altri quattro oggetti simili nel centro galattico, portando a sei il numero totale di oggetti G. Questo è un gran numero di stelle binarie compatte.

Ora, un team di ricercatori guidato dall’astrofisico Florian Becker dell’Università di Colonia in Germania ha trovato una spiegazione alternativa, dopo aver condotto una revisione dettagliata di 14 anni di osservazioni effettuate con il Very Large Telescope. SINFONI uno strumento.

Secondo la loro analisi, G2 dovrebbe nascondere tre stelle, la cui età è di circa un milione di anni. Questo è troppo piccolo per le stelle; Al contrario, il Sole ha 4,6 miliardi di anni. Le stelle G2 sono così piccole che saranno ancora circondate da materiale proveniente dalla nuvola in cui si sono formate.

“G2 in realtà è composto da tre giovani stelle all’avanguardia è eccitante”, ha detto. Peissker diceNotando che la scoperta rende le tre stelle le più piccole mai osservate intorno a SgrA*.

Il centro galattico ha già un’estensione Un distinto gruppo di giovani star, conosciuto come S-massa. Secondo il modello del team Peißker, le stelle G2 possono appartenere a questo gruppo.

Le stelle potrebbero essere sorte nello stesso vivaio stellare, formando un ammasso che da allora si è diviso, con singole stelle che si separano e generano nuove orbite attorno a Sgr A*.

READ  Il premio Nobel per Stephen Hawking potrebbe essere

Anche se non sono associate all’ammasso S, è possibile che le stelle G2 facessero parte di un gruppo più ampio di stelle ad un certo punto. Anche altri oggetti polverosi in orbita attorno a Sgr A* potrebbero essere membri di questo gruppo, che sarebbe stato interrotto dalla gravità dopo essersi spostato verso il buco nero supermassiccio da una distanza maggiore.

Poiché l’ambiente intorno a Sgr A* non è considerato favorevole alla formazione stellare, sarà necessario ulteriore lavoro per scoprire dove potrebbero essersi originati G2 e altri oggetti G. Gli astronomi potrebbero anche essere in grado di utilizzare le nuove scoperte per capirne di più buchi neri.

“Le nuove scoperte forniscono informazioni uniche su come funzionano i buchi neri”, Peissker dice.

“Possiamo utilizzare l’ambiente SgrA* come progetto per saperne di più sull’evoluzione e sui processi di altre galassie in angoli molto diversi del nostro universo”.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale Astrofisico.