Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’offerta presidenziale di Mario Draghi suscita timori per gli investitori italiani

I mercati obbligazionari si stanno preparando per un ritorno delle turbolenze politiche a Roma dopo che l’indicatore di rischio dell’investitore principale ha raggiunto il massimo degli ultimi 16 mesi prima del voto cruciale sul prossimo presidente dell’Italia.

Lo spread tra i rendimenti obbligazionari italiani e tedeschi si è allargato al massimo da quando Mario Draghi è diventato primo ministro dopo essere diventato il capofila nella corsa presidenziale della prossima settimana.

La metrica viene osservata da vicino come un indicatore delle preoccupazioni del mercato sulla volatilità della politica italiana mentre crescono i timori che i partiti di estrema destra possano conquistare il potere in elezioni anticipate.

Il parlamento italiano deciderà su un nuovo presidente il 24 gennaio, ma gli investitori temono che i piani di Draghi di sconvolgere l’economia da una recessione vecchia di decenni ne risentiranno se cambia ruolo.

Gli oneri finanziari italiani sono aumentati nelle ultime settimane tra i timori che l’uscita di Draghi avrebbe portato a elezioni anticipate che porterebbero alla Fratellanza d’Italia e alla Lega di estrema destra.

Il rendimento dell’obbligazione italiana a 10 anni è salito dallo 0,91% all’1,35% il mese scorso, con l’aumento degli oneri finanziari del governo in tutto il mondo.

Lorenzo Codogno, ex capo economista del Tesoro italiano e fondatore di LC Macro Advisors, ha affermato che “alcune riforme sarebbero certamente in pericolo” se la destra salisse al potere, in particolare i piani per cambiare il welfare e le pensioni.

Abbiamo visto in passato che i mercati finanziari sono molto sensibili agli sviluppi politici, soprattutto se [they] Porta a un governo che potrebbe essere meno impegnato in Europa e meno impegnato nelle riforme”.

READ  Vivendi spinge per un ruolo più importante in Telecom Italia nella sfida del CEO - fonti

Il presidente italiano assume un ruolo cerimoniale che diventa cruciale in tempi di conflitto politico, in quanto funge da arbitro a Roma. Draghi, l’ex presidente della Banca Centrale Europea, e il popolarissimo ex Primo Ministro Silvio Berlusconi sono i candidati più probabili per lo scrutinio segreto.

Jack Allen-Reynolds di Capital Economics ha affermato che nuove elezioni che hanno portato a un nuovo governo metterebbero a repentaglio il piano.

Il nuovo governo potrebbe anche avere priorità diverse che non sono necessariamente in linea con l’attuale piano di risanamento. Qualunque sia il nuovo governo, ha un incentivo a svolgere un ruolo nel piano di ripresa.

“I soldi a disposizione sono enormi e se l’Italia non fa le riforme, non otterrà i soldi”.

I fratelli dall’Italia e la Lega di Matteo Salvini sono in lizza con il Partito Democratico di centrosinistra per il primo posto nei sondaggi d’opinione mentre crescono le speculazioni su elezioni anticipate.