Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo swahili medievale ha origini africane e asiatiche: uno studio sul DNA Notizie di scienza e tecnologia

Lo swahili medievale ha origini africane e asiatiche: uno studio sul DNA  Notizie di scienza e tecnologia

I ricercatori affermano che fino alla metà del DNA delle persone provenienti dalle regioni swahili proveniva dalla Persia (90%) e dall’India (10%).

Il primo DNA recuperato dai membri della civiltà swahili medievale, rivela uno studio, ha rivelato che africani e asiatici si stavano mescolando lungo la costa dell’Africa orientale più di un millennio fa.

Per lo studio, un team internazionale di ricercatori ha sequenziato il DNA di 80 persone vissute in varie regioni swahili dal 1250 al 1800 d.C.

Dal 1000 d.C. circa, hanno detto, fino alla metà del DNA proveniva da immigrati prevalentemente maschi dal sud-ovest asiatico – circa il 90% dalla Persia e il 10% dall’India.

Quasi la metà dell’altra metà erano donne africane, secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Nature.

Lo studio ha mostrato che dopo il 1500 d.C. circa, la maggior parte del contributo genetico asiatico si spostò su fonti arabe.

Gli autori dello studio hanno affermato che conferma l’antica storia orale sull’ascendenza comune del popolo swahili, oltre a risolvere “un dibattito di lunga data” dai tempi coloniali sulla misura in cui gli africani hanno contribuito alla civiltà.

A partire dal VII secolo d.C., la civiltà swahili comprendeva le regioni costiere dell’odierno Kenya, Tanzania, Somalia meridionale, Mozambico settentrionale, Madagascar, Comore e arcipelago di Zanzibar.

Il kiswahili è noto a milioni di persone moderne lungo queste coste e la lingua è una delle più parlate nella regione.

READ  La Cina piange la morte del maiale sopravvissuto al terremoto del 2008 | Cina

Questa linea temporale corrisponde alla cronaca di Kilwa, che è stata tramandata per secoli nella storia orale swahili e racconta di immigrati persiani che arrivarono a partire dal 1000 d.C. circa.

Fu anche da questo momento che l’Islam divenne la religione dominante nella regione.

Gli autori hanno sottolineato che lo studio ha anche mostrato che le caratteristiche della civiltà swahili sono antecedenti all’arrivo degli arrivi dall’estero.

“Swahili afrikaans”

Chapurukha Kosimba, un antropologo della University of South Florida che lavora sull’argomento da 40 anni, ha detto ad AFP che la ricerca è stata “il momento clou della mia carriera”.

Gli archeologi dell’era coloniale sembravano credere che gli africani “non avessero la capacità mentale” per costruire infrastrutture swahili medievali come i cimiteri, ha detto Cosimba, e invece hanno attribuito solo l’influenza straniera.

Recenti ricerche hanno dimostrato che il 95% dei materiali recuperati dai siti archeologici swahili erano “fatti in casa”, ha detto Kusimba, inclusa l’architettura stessa.

Ha aggiunto che l’ultimo studio ha mostrato “l’africanizzazione della lingua swahili senza emarginare i legami persiani e indiani”.

“Il DNA antico ci ha permesso di affrontare la controversia di lunga data che non può essere testata senza dati genetici di questi tempi e luoghi”, ha dichiarato David Reich, coautore dello studio e genetista di Harvard.

Le prove del DNA mostrano che la promiscuità era prevalentemente di uomini persiani che avevano figli con donne africane.

Kosimba ha detto che questo non indica necessariamente “sfruttamento sessuale” a causa della natura matrilineare delle società swahili.

Era più probabile, disse Reich, che “gli uomini persiani si alleassero e si sposassero con famiglie di mercanti locali e adottassero usanze locali per consentire loro di essere mercanti di maggior successo”.

READ  Gli investitori stanno proponendo un piano di rete "affidabile" da 1,5°C con una rapida uscita per il carbone

Lo studio ha affermato che dal 1500 d.C. circa gli antenati provenivano sempre più dalla penisola arabica.