Novembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio rileva che le persone non vaccinate hanno in media maggiori probabilità di contrarre il COVID ogni 16 mesi

Un’immagine digitale creata di una cellula Covid-19 racchiusa in una corteccia scheletrica di plessiforme su sfondo nero. (File: Getty)

(Nexstar) – Quindi quanto durerà l’immunità naturale dopo aver contratto il COVID-19? Potrebbe non essere lungo quanto pensi.

un studio I ricercatori della Yale University e dell’Università della Carolina del Nord a Charlotte hanno scoperto che, in media, le persone non vaccinate dovrebbero aspettarsi di infettare nuovamente il COVID-19 ogni 16-17 mesi.

Poiché COVID-19 non era in circolazione da abbastanza tempo per uno studio a lungo termine, i ricercatori guidati da Jeffrey Townsend, professore di biostatistica alla Yale University, hanno esaminato la reinfezione in un virus vicino per replicare la risposta del sistema immunitario, secondo Yale Daily News.

“L’obiettivo generale dello studio era fornire una risposta a una domanda a cui sarebbe impossibile rispondere empiricamente a questo punto dell’epidemia, quanto tempo puoi aspettarti dopo essere stato infettato da SARS-CoV-2 per avere l’immunità al virus? virus prima che tu diventi di nuovo suscettibile all’infezione?” ha detto al co-autore Hayley Hassler, una ricerca associata alla Yale School of Public Health, il documento.

I risultati contraddicono l’idea che il recupero da COVID-19 garantirà una protezione permanente dal virus.

Lo studio ha esaminato i dati post-infezione di sei coronavirus vicini al COVID-19, risalenti al 1984. Il periodo di tempo successivo all’infezione variava da 128 giorni a 28 anni in condizioni endemiche, il che significa che la malattia è costantemente presente nella popolazione.

READ  Ora sembra probabile che lo Starliner non licenzierà il suo equipaggio fino all'inizio del 2022

Utilizzando questi dati, i ricercatori sono stati in grado di stimare il tempo di reinfezione per le persone non vaccinate, in media circa 16 mesi. Hanno scoperto che questo è meno della metà del tempo necessario per reinfettare altri coronavirus trasmessi dall’uomo.

“La reinfezione può ragionevolmente verificarsi in tre mesi o meno”, ha spiegato Townsend in a Comunicato stampa di Ateneo. Pertanto, coloro che hanno contratto l’infezione dovrebbero essere vaccinati naturalmente. L’infezione precedente da sola può fornire pochissima protezione a lungo termine contro l’infezione successiva.

Lo studio ha sottolineato che il periodo di reinfezione nello studio è nella media, quindi alcune persone potrebbero essere nuovamente infettate in mesi mentre potrebbero volerci anni per altre.

“I nostri risultati si basano sui tempi medi di diminuzione del sistema immunitario in diversi individui affetti”, ha detto Hassler allo Yale Daily News. “Ognuno di questi individui può sperimentare periodi di immunità più o meno lunghi a seconda dello stato immunitario, dell’immunità incrociata, dell’età e di molti altri fattori”.

I risultati evidenziano dati preziosi per i decisori della sanità pubblica, secondo gli autori dello studio, dove è probabile che le infezioni frequenti diventino sempre più comuni.

I ricercatori affermano che le misure sanitarie preventive e un’accelerazione globale degli sforzi per i vaccini saranno “cruciali” per ridurre i decessi per COVID-19.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il 57,2% della popolazione degli Stati Uniti è stato completamente vaccinato e il 66,2% della popolazione ha ricevuto almeno un’iniezione.