Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio dice che lo stretching, la libertà di movimento e l’esercizio fisico rallentano il declino cognitivo

“La mia preoccupazione all’inizio dello studio era: ‘E se l’esercizio aerobico fosse l’unico a fare la differenza? Buona fortuna a convincere la maggior parte degli americani a farlo Esercizi aerobici su base regolare! “Non è sostenibile”, ha detto l’autore dello studio. Laura Baker, MD, professoressa di gerontologia e geriatria presso la Wake Forest University School of Medicine di Winston-Salem, Carolina del Nord, via e-mail.

“Ma abbiamo scoperto che la funzione cognitiva non è diminuita in 12 mesi per nessuno dei gruppi di intervento – persone che hanno fatto esercizio aerobico o persone che hanno fatto stretching, equilibrio e libertà di movimento”, ha detto Becker.

Rudi Tanzi, MD, professore di neuroscienze presso la Harvard Medical School di Boston, ha accolto con favore i risultati secondo cui una modesta quantità di esercizio – da 120 a 150 minuti a settimana per 12 mesi – può rallentare il declino cognitivo negli anziani sedentari con decadimento cognitivo lieve.

tanziE il Coloro che non sono coinvolti nello studio hanno esaminato il ruolo dell’esercizio nei topi allevati geneticamente per sviluppare l’Alzheimer e hanno scoperto che l’esercizio stimola la nascita di nuovi neuroni nella sezione più colpita dell’Alzheimer, promuovendo al contempo fattori di crescita benefici che migliorano il sistema nervoso. Attività.

“Spesso, i benefici degli interventi osservati nei modelli murini della malattia di Alzheimer non si traducono in pazienti umani. È bello vedere che in questo nuovo studio, i benefici dell’esercizio possono essere tradotti dai topi all’uomo”, ha affermato Tanzi, che dirige il gruppo di ricerca. Unità di ricerca genetica e invecchiamento presso il Massachusetts General Hospital di Boston.

Che cos’è un lieve declino cognitivo?

Lo studio presentato martedì in Conferenza internazionale dell’Alzheimer’s Society 2022 A San Diego, ha seguito 296 partecipanti che erano completamente sedentari all’inizio dell’esperimento. A tutti è stato diagnosticato un lieve deterioramento cognitivo, il primo stadio della lenta progressione verso la demenza.

“Gli individui con lieve deterioramento cognitivo non sono cognitivamente normali, ma non hanno la demenza”, ha detto Becker. “Sono perfettamente in grado di prendersi cura di se stessi, ma quello che devono fare per farlo è estenuante.

READ  L'immagine della stazione spaziale sta cercando di spostare il satellite ad alta velocità

“Non ricordo dove dovrei essere. Fammi controllare il mio calendario. Oh, ho dimenticato di scrivere in questo calendario. Controlliamo un altro calendario. Oh, non riesco a trovare questo calendario. Dov’è il mio telefono? il tasto? Non riesco a trovare la chiave.

“Sono in grado di riorganizzarsi nelle prime fasi e portare a termine le cose, ma le perdite sono enormi”, ha detto Becker.

5 esercizi per sostituire troppo la seduta
I partecipanti allo studio sono stati sottoposti a un test cognitivo e sono stati poi divisi casualmente in due gruppi. Un gruppo ha allenato un’attività aerobica di intensità moderata su tapis roulant o cyclette, per perseguire un obiettivo Dal 70% all’85% di riserva di frequenza cardiaca“Sono circa 120 battiti cardiaci al minuto per un periodo da 30 a 40 minuti per un normale settantenne”, ha detto Becker.

L’altro gruppo ha eseguito esercizi di stretching, equilibrio e gamma di movimento progettati per consentire loro di muovere i propri corpi in modi che li aiutassero a navigare nella vita reale.

“Le persone nella gamma di bilanciamento del range di movimento hanno detto di essere felici: potevano andare alle partite di calcio con i nipoti senza preoccuparsi di inciampare, oppure potevano guidare e girare il collo per vedere la schiena, cosa che non potevano”, ha detto Becker .

L’importanza del sostegno

Entrambi i gruppi si sono allenati due volte a settimana con un personal trainer e poi due volte a settimana da soli per i primi 12 mesi. Insieme, ha detto Baker, i gruppi hanno completato più di 31.000 sessioni di esercizi durante quel periodo.

18 paia di comode scarpe da passeggio tutto il giorno (sottolineato dalla CNN)

Al termine dei 12 mesi, La funzione cognitiva non è stata ridotta in nessuno dei due gruppi. Questo è impressionante, ha detto Becker, perché un gruppo di controllo di persone equamente abbinate con decadimento cognitivo lieve – e coloro che non si erano esercitati – sono regredite.

READ  Gli astronomi hanno rilevato per la prima volta la luce da dietro un buco nero, dimostrando ancora una volta che Einstein aveva ragione

Gli studi hanno dimostrato che il supporto sociale è anche la chiave per migliorare la salute del cervello. È possibile per i risultati dello studio? Era dovuto a un maggiore supporto sociale e non all’esercizio?

“Beh, non lo sappiamo per certo”, ha detto Becker. “Ma c’è abbastanza scienza per dimostrare che l’esercizio fisico giova solo alla salute del cervello. Quindi questo non può essere ignorato.

“E il “Non sarebbe mai la nostra raccomandazione per le persone con decadimento cognitivo lieve di farlo da sole”, ha aggiunto. “Avranno bisogno di supporto. Quindi l’esercizio da solo non è una prescrizione. L’esercizio con il supporto è una prescrizione e questa sarà la nostra raccomandazione. “