Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio afferma che i sintomi del disturbo da stress post-traumatico sono comuni in una famiglia di pazienti affetti da Covid-19 nell’unità di terapia intensiva

È una giornata tranquilla al campo base quando il nemico lancia all’improvviso un attacco. Il personaggio principale si sta affrettando a rispondere al fuoco in arrivo, prendendo decisioni rapide su come rispondere a un pericolo che è in gran parte al di fuori del suo controllo.

“Quando lo metti in ospedale, l’improvviso cambiamento di salute è che mia madre o mio padre ieri stavano bene e ora sono in terapia intensiva per il supporto vitale”, ha detto Amas, primo autore dello studio.

Ha detto che l’ammissione di una persona cara nell’unità di terapia intensiva è sempre stato un processo intrinsecamente stressante – e spesso doloroso -, ma la pandemia di Covid-19 ha spinto i ricercatori a guardare più da vicino gli effetti.

Amas e il suo team hanno intervistato i membri della famiglia nei mesi successivi al ricovero di una persona cara in unità di terapia intensiva con Covid-19 in 12 ospedali in tutto il paese. Molti dei soggetti studiati hanno avuto visite e contatti con i pazienti limitati.

Lo studio ha rilevato che tra le famiglie che hanno risposto al sondaggio, 201 su 316 (circa il 63%) presentavano sintomi significativi di PTSD.

Ha detto che esiste la possibilità che coloro che hanno sperimentato la difficoltà più emotiva abbiano risposto a tassi più elevati e che i risultati potrebbero di conseguenza esagerare i sintomi del disturbo da stress post-traumatico, Dr. Murray Stein, Vicepresidente per la ricerca clinica presso il Dipartimento di Psichiatria presso l’Università della California, San Diego School of Medicine. Stein non è stato coinvolto nello studio.

Stein, che è anche un illustre professore di psichiatria e salute pubblica presso l’Università della California a San Diego, ha aggiunto.

Aggiungi attenzione alle famiglie

La comunità sanitaria può compiere due passi importanti per aiutare a migliorare l’esperienza delle famiglie: prestare attenzione ai loro fattori di rischio e fare uno sforzo maggiore per responsabilizzarli, ha affermato Amas.

READ  Resti del "più grande pterosauro giurassico del mondo" scoperti in Scozia | dinosauri

“Quello che la letteratura suggerisce davvero è che più puoi coinvolgere qualcuno al capezzale, più si sentiranno in grado di esprimere i propri bisogni e i bisogni dei loro cari”, ha detto.

Oltre all’indagine, lo studio ha utilizzato anche interviste narrative per ottenere maggiori dettagli sui fattori che hanno fatto la differenza per le famiglie.

La cura di sé non ci salverà dal burnout.  Questa potrebbe essere un'altra strategia

Alcuni sono stati in grado di sperimentare dipendenti che fanno il possibile per farli sentire connessi e coinvolti anche quando non sono presenti.

Un membro della famiglia ha detto, secondo lo studio, “Ciò che ha reso tutto più facile sono state le video visite, le videochiamate e gli aggiornamenti quotidiani. Ho chiamato e parlato con gli infermieri ogni giorno e ho parlato con il dottore”.

Ma altri partecipanti al sondaggio hanno ritenuto che il contatto ottenuto fosse limitato e hanno riferito di sentirsi impotenti e spaventati.

“Ci hanno chiamato e ci hanno detto, vuoi che stacchiamo la spina?” …hai detto come sei passato dal tornare a casa a staccare la spina? … Hanno detto che la sua bocca si stava muovendo e i suoi occhi si stavano muovendo, ma hanno detto che era morta … Quindi, sono andati avanti e hanno comunque staccato la spina “, ha detto un altro membro della famiglia.

Nonostante i miei problemi di salute, ho scelto di guarire

Soprattutto all’inizio della pandemia, gli ospedali sono stati sopraffatti e il personale ha lavorato per lunghe ore per fornire la migliore assistenza possibile. Amas ha detto che spesso sono i piccoli atti di gentilezza di cui le famiglie hanno bisogno per sentirsi coinvolte e prendersi cura dei propri cari che ne hanno bisogno, come chiedere una foto che il personale ospedaliero può appendere per far sentire felice un paziente.

READ  Nuovi dati indicano che 1 bambino su 44 negli Stati Uniti ha l'autismo

“Anche un piccolo atto di empatia da parte del team sanitario di una famiglia può avere un impatto davvero potente su questi membri della famiglia e sul loro rischio di sviluppare questi sintomi[PTSD]”, ha detto Amas.

Potrebbero essere necessarie ulteriori ricerche per capire come gli operatori sanitari possano gestire al meglio le famiglie dopo un ricovero in terapia intensiva, ma questo ultimo studio indica la necessità di servizi più solidi, ha affermato Stein.

“I risultati di questi sondaggi sono stati così elevati che consiglierei ai fornitori di sottoporre a screening clinico attivamente i membri della famiglia per depressione, ansia e PTSD in modo che possano ottenere un trattamento”, ha affermato Amas.