Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo Starliner è di nuovo in ritardo e la finestra di lancio potrebbe chiudersi presto

Ingrandisci / Primo piano di una capsula Boeing CST-100 Starliner, attaccata a una camera bianca, sopra il massiccio veicolo di lancio Atlas V all’SLC-41 di Cape Canaveral.

Trevor Mahleman

Per una settimana prima del tanto atteso lancio del volo di prova Starliner di Boeing martedì, la NASA e i funzionari della compagnia aerea hanno affermato che il veicolo spaziale e il razzo Atlas V erano pronti per il decollo. La loro più grande preoccupazione, hanno detto, è il tempo, con frequenti temporali pomeridiani lungo la costa orientale della Florida.

Martedì mattina, poche ore prima dell’apertura della finestra di lancio, il tempo lungo la costa sembrava molto buono. Ma Boeing ha dovuto comunque smantellare il tentativo di lancio, citando un problema con una valvola nel sistema di controllo della reazione del veicolo spaziale, che aiuta il velivolo a manovrare nello spazio.

Quindi gli ingegneri della Boeing e della NASA hanno trascorso martedì pomeriggio cercando di determinare la causa di “indicatori di posizionamento delle valvole imprevisti” all’interno del sistema di propulsione del veicolo spaziale. Presumibilmente stavano cercando di determinare se questi fusibili fossero effettivamente nella posizione sbagliata o se gli indicatori fossero causati da qualche tipo di lettura errata del sensore.

Martedì sera, gli ingegneri non sono stati in grado di giungere a una conclusione e Boeing ha dichiarato di aver annullato un possibile tentativo di lancio mercoledì. nella situazione attualeLa società ha rifiutato di dire quando prenderà di mira il suo prossimo tentativo e che ha bisogno di più tempo per indagare sul problema.

“Lasceremo che i dati guidino il nostro lavoro”, ha affermato John Vollmer, vicepresidente e direttore del programma Boeing Commercial Crew. “Il nostro team ha lavorato duramente per garantire la sicurezza e il successo di questa missione e non la lanceremo fino a quando il nostro veicolo non funzionerà in termini nominali e i nostri team saranno sicuri che sia pronto a volare”.

READ  Gli ospedali della contea di Los Angeles affermano che ogni paziente con COVID non è stato completamente vaccinato

Sebbene la prossima opportunità dopo mercoledì per il lancio dello Starliner arrivi questo fine settimana il 7 e l’8 agosto, fonti hanno indicato ad Ars che il veicolo spaziale potrebbe avere difficoltà a stabilire questa finestra di lancio. Gli ingegneri dell’azienda avranno probabilmente bisogno di più di un giorno o due per risolvere i problemi.

Starliner non ha una finestra di lancio infinita. Il primo conflitto arriva alla fine di questo mese, quando il lancio della missione di rifornimento CRS-23 di SpaceX è previsto per il 28 agosto. Sulla stazione sono disponibili solo due porte di aggancio per questi tipi di attività. Attualmente uno è occupato da Crew Dragon, e il secondo porto sarà occupato dal CRS-23 Cargo Dragon. Se la NASA manterrà il lancio del CRS-23 alla fine di agosto, il Boeing Starliner dovrà essere lanciato intorno al 20 agosto per avere abbastanza tempo per raggiungere la stazione e partire prima dell’arrivo del Cargo Dragon.

Secondo l’attuale programma della NASA, il CRS-23 verrà disattivato dalla stazione spaziale il 30 settembre, aprendo un porto per Starliner fino a ottobre. Ma poi c’è un’altra complicazione: la NASA ha una missione scientifica ad alta priorità, Lucia, con una finestra di lancio di 21 giorni che si aprirà a metà ottobre. Questa missione volerà anche su un razzo Atlas V.

La United Launch Alliance richiede almeno due o tre settimane per gli ultimi preparativi per il lancio di Atlas V, quindi anche se lo Starliner verrà lanciato il 1 ottobre, probabilmente ci vorrà del tempo fuori dalla finestra di lancio di Lucy. Rinunciare ad alcuni di questi sarebbe troppo rischioso per la missione dell’asteroide, che rischia un ritardo fino al 2022 se perde la sua finestra. Sembra probabile che la NASA darà la priorità alla missione Lucy rispetto al volo di prova Starliner.

READ  Luci nel cielo? Il satellite SpaceX Starlink passa sopra l'area di Kansas City

La linea di fondo è che per Boeing, NASA e United Launch Alliance, è davvero importante cercare di far scendere lo Starliner dalla piattaforma prima di metà agosto, altrimenti la missione potrebbe subire lunghi ritardi.

Sono già passati 19,5 mesi da quando il volo di prova iniziale di Starliner si è concluso in “Chiamata ravvicinata ad alta definizione” Attraverso La macchina stava per perdersi Sia poco dopo il lancio, sia poco prima di rientrare nell’atmosfera. Ciò ha causato l’avvio della NASA Un’indagine sulla cultura della sicurezza di Boeing E richiede una profonda revisione del programma delle compagnie aeree Boeing. Boeing ha anche accettato di pagare con proprie risorse un secondo volo di prova, al costo di 410 milioni di dollari.

Dopo tanti sforzi Boeing è finalmente tornata sul podio questa settimana. Dopo il lancio di martedì, il razzo e il veicolo spaziale torneranno ora all’hangar di integrazione per un’ulteriore risoluzione dei problemi.