Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo scioglimento del ghiaccio ai poli sta ora causando sottili cambiamenti nella crosta terrestre su larga scala

Quando le calotte polari si sciolgono, il processo non si limita a innalzare il livello del mare, ma distorce anche la superficie inferiore della Terra, rivela un nuovo studio, e alcuni degli effetti possono essere visti per migliaia di chilometri.

Quello che succede è che la crosta terrestre si alza e si diffonde mentre il peso del ghiaccio aumenta attraverso la Groenlandia, l’Antartide e le isole artiche. Il movimento non è enorme, in media meno di un millimetro all’anno, ma c’è e copre una vasta area.

C’è anche un ciclo di feedback che si verifica, perché quando il substrato roccioso sotto il ghiaccio cambia, questo a sua volta influenza il modo in cui il ghiaccio continua a sciogliersi e separarsi. Una piena comprensione di come funziona è essenziale per modellare come potrebbe essere il nostro mondo in futuro.

“Gli scienziati hanno fatto molto lavoro direttamente sotto le calotte glaciali e i ghiacciai”, La geofisica Sophie Coulson dice:, dal Laboratorio Nazionale di Los Alamos nel Nuovo Messico.

“Quindi sapevano che avrebbe definito l’area in cui si trovavano i ghiacciai, ma non si rendevano conto che era di dimensioni globali”.

molti di Studi precedenti Ha documentato il sollevamento che può verificarsi quando le calotte glaciali si sciolgono, ma Coulson e i suoi colleghi hanno esaminato più da vicino gli spostamenti orizzontali e un’area più ampia. Hanno scoperto che le anomalie possono variare notevolmente di anno in anno.

In alcune aree, i ricercatori hanno scoperto che il movimento orizzontale supera effettivamente il movimento verticale. Hanno usato dati satellitari e misurazioni sul campo che coprono gli anni dal 2003 al 2018 per misurare il movimento crostale in tre dimensioni.

READ  Story County richiede maschere sugli edifici della contea

Questi rimbalzi della crosta possono richiedere migliaia di anni: lo studio indica che alcuni cambiamenti si sentono ancora sulla superficie terrestre dalla fine dell’ultima era glaciale, circa 11.000 anni fa.

“Sulle scale temporali moderne, pensiamo alla Terra come una struttura flessibile, come un elastico, mentre su scale temporali di migliaia di anni, la Terra si comporta come un fluido che si muove molto lentamente”, Coulson dice.

“I processi dell’era glaciale richiedono molto tempo per terminare, quindi possiamo ancora vedere i loro risultati oggi”.

I ricercatori hanno confrontato l’effetto di un impacco di ghiaccio su una lastra di legno che viene spinta sull’acqua: quando la lastra viene rimossa e il peso viene rimosso, il liquido si espande per riempire lo spazio disponibile, e lo stesso accade con la crosta terrestre.

E poiché il tasso di scioglimento dei ghiacci continua ad aumentare in tutto il mondo, è importante che gli scienziati siano in grado di comprendere il suo effetto sulla forma della superficie terrestre, anche se gli spostamenti sono relativamente piccoli ogni anno.

Questo nuovo studio ci fornisce dati più dettagliati su ciò che sta accadendo che mai, utili non solo per studiare lo scioglimento della neve e i cambiamenti nella forma della Terra, ma anche per molte altre aree di studio scientifico.

“Comprendere tutti i fattori che causano il movimento crostale è davvero importante per una vasta gamma di problemi di scienze della Terra”, Coulson dice.

“Ad esempio, per monitorare accuratamente i movimenti tettonici e l’attività sismica, dobbiamo essere in grado di districare questo movimento derivante dalla perdita di massa di ghiaccio nell’era moderna”.

READ  La contea di Santa Clara esamina le presunte molestie al sito di vaccinazione di Levi's - NBC Bay Area

La ricerca è stata pubblicata in Lettere di ricerca geofisica.