Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo pterosauro “Dragon of Death” è il più grande pterodattilo del Sud America

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un nuovo studio ha rivelato la scoperta di fossili di un “drago della morte” volante in Argentina.

Gli scienziati hanno scoperto i resti parziali di un enorme pterosauro, chiamato Thanatosdrakon amaru, nuovo per la scienza, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista. Ricerca nel Cretaceo.

L’autore della ricerca Leonardo D. È il coordinatore generale del Dinosaur Laboratory and Museum presso la Koyo National University A Mendoza, Argentina.

Ortiz David ha detto che Thanatos in greco significa morte e dracon significa drago.

“Amaru è stato scelto come nome del genere perché rappresenta una divinità maestosa nella visione cosmica di alcuni dei popoli indigeni del Sud America”, ha detto.

Due diversi esemplari sono stati trovati nel 2012 nel sud di Mendoza nella Formazione Plottier, un gruppo di rocce sedimentarie contenenti Ortiz David ha detto che i resti di sauropodi, teropodi, tartarughe, coccodrilli e pterosauri.

Aveva lavorato nella zona per 12 anni, ha detto, ed è rimasto scioccato nel trovare i resti di uno pterosauro, che erano rari negli affioramenti in cui lavorava.

Ha detto che i rettili volanti appartengono alla famiglia degli pterosauri chiamati azhdarshidays e si distinguono per grandi teste, colli allungati e corpi corti. Ortiz-David ha detto che l’apertura alare dei due esemplari era rispettivamente di circa 23 e 29,5 piedi (7 e 9 metri).

il suo campione più grande L’osso del braccio mentre l’osso più piccolo ha un sacco di corpo, gambe e ali, ha detto James Kirkland, un paleontologo dello Utah con lo Utah Geological Survey. Non ha partecipato allo studio.

“È una scoperta impressionante, poiché le ossa degli pterosauri azodarchidi giganti sono molto sottili e delicate e ne è presente pochissimo, soprattutto perché vivevano in ambienti interni”, ha detto Kirkland.

L’animale è anche proporzionalmente atletico Testa grossa, ma Ortiz David ha detto che non sapeva a cosa servisse, se del caso.

Kirkland inoltre non sa perché la testa è così grande, ha detto, ma è possibile usare un becco identico a mangiare.

“Il lungo becco sdentato può essere utile per ingoiare prede più piccole intere, proprio come fanno i pellicani”, ha detto Ortiz David via e-mail.

I fossili sono conservati nel Laboratorio e Museo dei Dinosauri a Mendoza.

David Ortiz ha affermato che il pubblico non è in grado di visualizzare gli esemplari perché sono così preziosi, ma dai due esemplari sono stati realizzati stampi di alcuni fossili per l’esposizione nel museo.

C’è anche una ricostruzione a grandezza naturale in mostra, ha aggiunto.

READ  SpaceX invia il primo motore Raptor sottovuoto di Starship a Boca Chica