Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’italiano Colbrelli vince l’epica classica Parigi-Roubaix

RUBEX, Francia (Reuters) – Sonny Colbrelli è diventato il primo italiano a vincere la classica Parigi-Roubaix in 22 anni quando ha vinto la sua prima apparizione in uno sprint a tre al termine di una gara estenuante domenica.

Il suo intero corpo è coperto di fango dopo 257,7 chilometri di 30 settori acciottolati, e Colbrelli è scoppiato in lacrime mentre crollava sull’erba della pista di Rubiks dopo aver vinto la prima versione piovosa di Hell of the North dal 2002.

I campioni d’Europa, Team Bahrain Victorius, hanno battuto il belga Florian Vermeersch (Loto Soudal) e l’olandese Matteo van der Poel (Alpecin-Phoenix), rispettivamente al secondo e terzo posto.

Uno dei favoriti pre-gara, Van der Paul è arrivato poco dopo aver svolto la maggior parte del lavoro in un piccolo gruppo che inseguiva l’italiano Gianni Moscon, che sembrava puntare alla vittoria prima che la sua foratura e l’incidente in ritardo gli rovinassero le possibilità.

Moscon (Ineos-Grenadiers) è arrivato quarto, a 44 secondi dalla testa, lasciando il connazionale Colbrelli a diventare il primo italiano a vincere qui dopo Andrea Tavi nel 1999.

“Oggi c’è il leggendario Rubik con pioggia e maltempo all’inizio e un attacco di 90 km per inseguire Arenberg”, ha detto Colbrelli.

“Ho seguito Van der Poel solo alla fine e alla fine sono andato super veloce. Ero alla fine alla fine. È stato molto difficile perché dovevo stare attento alle cadute dei primi settori e poi c’è sempre la pressione per essere in posizione sulla ghiaia, quest’anno c’è Centi, sono molto contento”.

Van der Poel, che ha anche fatto il suo debutto alla Parigi-Roubaix nella prima edizione dall’aprile 2019 dopo che la pandemia di COVID-19 ha spinto gli organizzatori a rinviare l’evento, è stata una partita per suo padre Adri sul podio del 1986.

READ  Sharma ha un altro finale forte in vista, classificandosi nono in Svizzera

Innumerevoli incidenti hanno rovinato la gara: il tre volte campione del mondo Peter Sagan è caduto sul tetto e lo svizzero Stefan Koenig è scivolato tre volte.

Incubo di Mosca

Colbrelli ha trascorso la maggior parte della giornata lungo il fiume van der Poel e quando si avvicinava l’ultima gara al velodromo, l’italiano era l’uomo più nuovo.

Tuttavia, sembrava per molto tempo che Moscone avrebbe festeggiato una vittoria in singolare.

Moscone si allontanò da un gruppo di testa nel settore acciottolato da O’Shea-les-Orches a Bercy, a 49 km dalla linea, mentre il sole faceva capolino tra le nuvole e le strade iniziavano ad asciugarsi.

Entrando nel principale settore acciottolato di Mons-en-Pevele, Moscon Vermeersch e il collega belga Tom van Asbrouck guidavano di 35 secondi e Van der Poel, il canadese Guillaume Boivin e Colbrelli in un rapporto di 1:10.

Moscon si è fatto strada nel fango denso, estendendo il suo vantaggio sul trio di Van der Poel a 1:25 quando il belga Wout van Aert è svanito.

Con 38 km rimanenti, Vermeersch e Van Asbruck erano controllati da Van der Poel e compagnia, e il gruppo appena formato ha organizzato l’inseguimento dietro Moscon.

L’italiano ha perso circa 30 secondi con una gomma al posteriore a terra che ha spinto la moto a cambiare 29 km del traguardo inseguendo il pentagramma per ridurre il distacco a 45 secondi.

È sceso a 15 secondi dopo essersi schiantato contro una slick fangosa, ma l’italiano è rimasto discosto mentre Boivin si è schiantato contro il gruppo di inseguitori sul settore acciottolato di Camphin en Pevele.

Tuttavia, è stato catturato ed è caduto a 16 km dal traguardo al Carrefour de l’Arberle, dove Colberelli, Van der Poel e Vermeersch sono andati a prendere l’ultima gara.

READ  'Pirelli non è responsabile, le squadre giocano con le gomme basse'

Lo riferisce Julian Britto. Montaggio di Claire Fallon

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.