Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’italiana Giorgia Meloni è la donna Donald Trump per molti a sinistra

L’italiana Giorgia Meloni è la donna Donald Trump per molti a sinistra

Ogni volta che Donald Trump dice o fa qualcosa pubblicamente, fa infuriare molti a sinistra. Ma non era il loro unico obiettivo. Le donne conservatrici intelligenti stanno crescendo in popolarità ed eccellono nelle loro carriere scelte, raggiungendo rapidamente Trump in questo senso.

Mi vengono in mente due esempi americani. Una rapida ricerca su Internet rivela l’odio amaro e schietto dell’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley e del giudice della Corte Suprema Amy Coney Barrett, criticati da quelli di sinistra. Gran parte di questa critica sembra provenire da donne progressiste che credono che solo le donne liberali dovrebbero essere elogiate per aver infranto i soffitti di vetro.

Ma mentre l’ostilità verso Haley e Barrett ha scioccato e messo in imbarazzo alcuni, impallidisce in confronto a ciò che Giorgia Meloni, la prima donna primo ministro italiana, ha sopportato negli ultimi due anni. La sinistra – ancora una volta, molte delle quali donne – è andata a martellate per aver commesso il crimine ideologico del conservatorismo. Tuttavia, Meloni è rimasto fedele ai suoi valori e alla sua fede, sfidando molte delle narrazioni sposate dalla sinistra.

È stato definito un “fascista”, un “radicale”, un “dittatore in attesa” e la seconda venuta di Benito Mussolini. Alcuni critici hanno persino sottolineato che è un nazista 2.0.

Se hai prestato attenzione alla “stampa” liberale attivista, non sorprende che gli attacchi più velenosi a Maloney provengano da siti progressisti negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia e in Australia.

Molte delle più vili diatribe contro Melony sono state scritte da donne. Un articolo simile è stato pubblicato su The Atlantic nel settembre 2022.Il ritorno del fascismo in Italia.” Poi, a febbraio, l’Australian Broadcasting Corporation ha pubblicato una notizia dal titolo “Il premier italiano Giorgia Meloni è fascista?”La rete ha pubblicato una foto di Mussolini che esegue il saluto nazista accanto ad Adolf Hitler. Sembra un tentato assassinio di personaggi; La sottigliezza non è mai stata un segno distintivo di quelli di sinistra.

READ  Il softball dell'Alabama si prepara per un viaggio di 10 giorni in Italia

Naturalmente, la definizione di “fascismo” data dal liberalismo è la definizione di soluzioni pratiche e comuni per milioni di elettori italiani a problemi che riguardano le loro vite e minacciano il benessere futuro dei loro figli.

Il conduttore della HBO Bill Maher ha recentemente criticato il tracollo dei media liberali sui partiti politici europei conservatori di origine “di estrema destra”. Per fare il punto, Maher ha usato Meloni come esempio perché è stato ripetutamente etichettato come un politico di “estrema destra” e paragonato a Mussolini nei modi più irritanti.

“Carte apoplettiche” disse Maher. “Ho letto alcune delle sue dichiarazioni. Questo non mi sembra fascismo. In questo paese sembra che abbiamo sentito persone sulla destra – cose tradizionali come “non dobbiamo dimenticare le nostre radici” e la famiglia. Sai, capisco perché c’è un contraccolpo ad alcuni eventi.

Ha inseguito i liberali per aver attaccato Maloney Fratelli d’Italia Un partito di “origine fascista”.

“Continuavano a dire: ‘Il suo partito ha radici fasciste’. Così fecero i Democratici. Erano il partito della schiavitù e Jim Crow; poi l’hanno superato. Tutti i nostri partiti hanno radici. La vedo chiamata alla Casa Bianca”.

E qui sta il vero problema per alcuni liberali, democratici e attivisti di estrema sinistra: sono intimiditi da donne conservatrici, sicure di sé, intelligenti e articolate. Perché? Di cosa hanno paura? Secondo una teoria, queste donne – molte delle quali sono madri come la Meloni – possono essere più efficaci Connesso con Ogni giorno, elettori privati ​​del diritto di voto in base al loro genere, alla loro comunanza, al loro stile, alle loro lotte, alle loro politiche, alla loro fede e al loro successo?

READ  Sogni di visitare l'Italia? Ecco un estratto dalle avventure di Sophie Grixon

La verità è che Georgia Meloney ha un background stimolante. È cresciuto in un quartiere operaio rumeno e, da solo, senza legami o ricchi benefattori politici, ha formato il suo partito politico che, in soli quattro anni, ha ottenuto il 4% dei voti. 26 percento Nelle ultime elezioni.

Come ha detto lo stesso Meloni In un testo, “Sono la prima donna nella storia d’Italia ad essere nominata Presidente del Consiglio. Vengo da un’area culturale in gran parte confinata ai margini della Repubblica (italiana), e di certo non sono venuto qui sulla scia del mio background familiare o di amicizie influenti. Io rappresento quello che gli inglesi chiamano un “perdente”.

Non dovrebbe essere celebrata la storia storica delle donne che cercano di rivendicare il posto che le spetta ai tavoli del potere mondiale, dominati da secoli dagli uomini?

Chissà se qualcuno a sinistra grida “fascista” quando legge i vili insulti e le accuse rivolte alla Meloni. tradendo la propria intolleranza, insicurezza e pregiudizi ideologici assetati di potere.

Douglas McKinnon, consulente politico e di comunicazione, è stato redattore dello staff della Casa Bianca per i presidenti Ronald Reagan e George HW Bush ed ex assistente speciale per la politica e le comunicazioni al Pentagono durante gli ultimi tre anni dell’amministrazione Bush.

Copyright 2023 Nextstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. Questo contenuto non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.