Dicembre 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’italiana A2A riduce i propri investimenti a 16 miliardi di euro entro il 2030 per ridurre le emissioni di carbonio

(Reuters) – A2A, la più grande utility regionale italiana, martedì ha ridotto gli investimenti volti a ridurre la propria impronta di carbonio, poiché la volatilità dei mercati energetici ha spinto l’azienda a ripensare i propri piani di investimento.

La struttura milanese ha dichiarato di voler ora investire 16 miliardi di euro entro il 2030 per concentrarsi sui progetti di economia circolare e transizione energetica, invece dei 18 miliardi di euro precedentemente indicati.

L’utility regionale aveva aggiornato l’ultima volta la sua strategia per il 2030 a gennaio, quando aveva aumentato la spesa in conto capitale proposta del 12,5% a 18 miliardi di euro con l’obiettivo di ridurre la sua impronta di carbonio mirando a un utile di base di 2,9 miliardi di euro alla fine del periodo .

Gli investitori hanno accolto con favore la decisione di A2A di portare il suo prossimo aggiornamento del piano a novembre da gennaio 2023, affermando che contribuirà a fare chiarezza sullo sfondo di mercati energetici altamente volatili.

L’amministratore delegato di A2A, Renato Mazuncini, ha dichiarato in un comunicato che quest’anno è stato “segnato da una complessa situazione geopolitica ed economica e da uno scenario energetico volatile”.

“Alla luce di questo contesto, abbiamo deciso di aggiornare il nostro piano per continuare a garantire la resilienza del gruppo e affrontare le sfide future”, ha aggiunto.

Il ministro dell’Economia italiano ha dichiarato all’inizio di settembre che i costi netti delle importazioni di energia sono stati fissati per più del doppio quest’anno a quasi 100 miliardi di euro ($ 99,5 miliardi), avvertendo che Roma non può spendere indefinitamente per attutire il colpo all’economia.

READ  Nuova guida agli investimenti in Cina: "Identificare le opportunità nell'ambito dell'iniziativa Belt and Road"

L’Italia fa affidamento sulle importazioni per tre quarti del suo consumo energetico, il che aumenta la sua vulnerabilità all’attuale crisi energetica europea.

Segnalazioni aggiuntive di Jose Joseph e Akriti Sharma a Bangalore; Montaggio di Leslie Adler e Stephen Coates

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.