Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia vince la causa negli Stati Uniti mentre cerca di recuperare la statua di marmo

L'Italia vince la causa negli Stati Uniti mentre cerca di recuperare la statua di marmo

Milano (AFP) – L’Italia ha ottenuto una vittoria legale nel tentativo di recuperare un’antica statua in marmo che si dice sia stata rubata dopo che era stata trovata in possesso di un antiquario di New York.

Un tribunale distrettuale degli Stati Uniti a New York lunedì ha annullato una causa per revocare l’immunità dall’Italia intentata dalla Svane Gallery, che ha pagato $ 152.625 nel 2017 per una statua raffigurante la testa di Alessandro Magno risalente all’età augustea e risalente al 300 a.C.

Il giudice ha respinto diversi tentativi della galleria di sostenere che la condotta dell’Italia aveva perso la protezione ai sensi della legge sulle immunità alla sovranità straniera.

Il caso contrappone la legge sull’eredità italiana, progettata per proteggere il suo significativo patrimonio culturale, contro le affermazioni di Svane di essere un acquirente equo e in buona fede di una statua che è stata a lungo sul mercato dell’arte.

La statua è ancora in possesso dell’ufficio del procuratore generale di Manhattan, che l’ha sequestrata nel febbraio 2018 dopo che un funzionario culturale italiano ha scoperto l’elenco della mostra e l’Italia ha affermato che era stata rubata.

L’Italian Art Troupe, parte del gruppo paramilitare dei carabinieri dedicato alla tutela del patrimonio culturale italiano, ha rifiutato di commentare il caso. Il ministero della Cultura non ha risposto alle richieste di commento.

Leila Amendola, in rappresentanza dell’Italia, ha affermato che la sentenza invia un messaggio forte alle case d’asta e ai commercianti che vogliono indebolire i tentativi delle nazioni sovrane di ripristinare il patrimonio culturale che si sta facendo strada nel mercato dell’arte.

READ  Le guerre puniche di Douglas Abdel riscoperte a Londra in retrospettiva

Ha detto che è stato il terzo caso negli ultimi anni che ha coinvolto spacciatori che cercavano di citare in giudizio i governi stranieri per aver comunicato cose sospette. “Tutti e tre sono stati licenziati”, ha detto.

Nella causa, la Al-Safani Gallery ha affermato di aver indagato sulla fonte della testa, “ed è giunta alla convinzione che la testa non fosse né una proprietà rubata né soggetta alla pretesa di legittima proprietà di qualcun altro”.

David Schoen, che rappresenta la Savani Gallery, ha affermato che il suo cliente è un “acquirente ben intenzionato e ben intenzionato” e che “la due diligence della galleria funge da modello”. Ha affermato che l’Italia non aveva precedentemente affermato che il pezzo fosse stato rubato, osservando che la statua “è stata ampiamente pubblicizzata ed esposta per decenni in mostre e aste frequentate dalle autorità italiane”.

L’avvocato ha detto che avrebbe presentato una denuncia modificata e ricorso, se necessario.

Schoen ha detto che l’Italia, sostenendo che la statua è stata rubata e chiedendone la restituzione attraverso le forze dell’ordine statunitensi, stava evitando di andare in tribunale per determinare “chi ha il diritto legale sull’opera”.

“Questo dovrebbe sconvolgere ogni onesto cittadino americano – commerciante o collezionista – sulla base dei fatti di questo caso”, ha detto.

Schoen ha affermato che se l’Italia fosse determinata ad essere il proprietario in un caso giudiziario, Savani Gallery avrebbe diritto a un equo compenso in base agli accordi internazionali.

Secondo un documento del tribunale, i reperti marmorei nel Foro Romano furono scoperti durante gli scavi sponsorizzati dallo stato e trasferiti all’Antiquarium Forense prima di essere elencati come dispersi nel 1960.

READ  Raccontare la storia dei parchi a tema di Orlando

L’oggetto del caso è la storia dello scavo – sia che sia stato prima dell’emanazione e dell’applicazione della legge italiana sulla successione a tutela del patrimonio culturale, o dopo di essa.

La causa della galleria ha sostenuto, in parte, che l’ufficio del pubblico ministero nel sequestro della statua agiva come un agente per l’Italia, che avrebbe perso l’immunità dell’Italia perché aveva agito senza prove del furto della statua. Ma la corte ha detto che non c’erano prove che l’Italia “controllasse le azioni della DA”.

“In effetti, il rapporto dell’Italia con il procuratore distrettuale è analogo a qualcuno che denuncia un crimine o che gli è stato rubato qualcosa”, ha scritto il giudice.

In modo simile, Amendule ha rappresentato anche la Grecia, che è stata citata in giudizio da Sotheby’s dopo aver chiesto alla casa d’aste di ritirare un cavallo corinzio di bronzo dell’VIII secolo da un’asta che si stimava valesse fino a $ 250.000. Sotheby’s ha affermato che la Grecia ha agito come entità commerciale cercando di fermare la vendita e quindi non è protetta da azioni legali.

La Grecia ha perso nel 2019, ma ha vinto l’appello.

“La Grecia sta lavorando per rafforzare la sua legge sull’eredità è stata respinta dalla Corte d’Appello”, ha detto Amindoleh, riferendosi a una legge per proteggere i suoi monumenti da furti e traffici.