Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia vince Euro 2020: come Roberto Mancini ha dato il via a una rinascita fondendo le idee degli allenatori italiani | notizie di calcio

L’Italia è stata una degna vincitrice. Dopo 34 partite imbattute, come potrebbero non esserlo? Rappresenta una straordinaria trasformazione sotto la guida di Roberto Mancini. La squadra, che nel 2018 non si era nemmeno qualificata per i Mondiali, ha dato un assaggio del suo talento nella serata di apertura di Euro 2020 e lo ha sottolineato con una prestazione impressionante in finale.

Ci sono state lotte mentali e fisiche lungo la strada. Tre volte l’Italia ha dovuto fare gli straordinari. Hanno vinto tre volte. Nella stessa finale, la squadra di Mancini è stata ritardata più a lungo rispetto alle precedenti 33 partite in questa corsa. Mantennero la calma.

È stata una vittoria tattica e tecnica che si rifletteva nella loro quota del 66 per cento. Il risveglio è stato così enfatico che l’argomento del tributo è chiaro. “La differenza è l’allenatore”, ha detto un importante allenatore italiano. Sky Sport. “Abbiamo vinto grazie a Mancini”.

Logica conseguenza vista la disgrazia dell’Italia, che solo tre anni fa ha perso il suo primo Mondiale, quello che l’ex allenatore del Pescara Vincenzo Meledona ha definito il “disastro di Gian Piero Ventura”, predecessore di Mancini nel ruolo. .

Ma quando approfondisci, questo rinascimento italiano potrebbe riguardare più di un uomo. I segni c’erano. Finalista nelle ultime due edizioni degli Europei Under 17 e due volte nella finale Under 19 nel 2016 e 2018. L’Italia si è qualificata per le semifinali del Mondiale Under 20 nel 2017 e 2019.

Nel calcio italiano è avvenuto un cambiamento radicale, una nuova ondata di allenatori con nuove idee. Il record di Mancini parla da sé – ha vinto più titoli Slam degli altri 23 allenatori a Euro 2020 messi insieme – ma ha lavorato su un terreno fertile.

READ  L'ultima: i fan espatriati inglesi arrivano a Roma | Gli sport

“Il cambiamento è già avvenuto in Italia”, dice Meledona. Sky Sport. “C’è Roberto De Zerbi, c’è Vincenzo Italiano, c’è Fabio Liverani. Tutti gli allenatori progressisti. Adesso Maurizio Sarri è tornato alla Lazio. Quindi questo modo tipicamente italiano è cambiato”.

Mancini ha approfittato di queste nuove e vecchie idee. Questo è stato evidente nei momenti decisivi di questo torneo. Il primo gol dell’Italia è stato contro la Svizzera a Sassuolo, e l’influenza della squadra di De Zerbi è stata evidente quando Domenico Berardi ha inviato la palla a Manuel Locatelli.

“Alcune situazioni sono molto simili al Sassuolo”, dice Meledona, riferendosi al gioco di possesso palla che ha fatto una grande impressione in Serie A. “Come il Sassuolo, all’Italia Mancini piace costruire il pallone da dietro. E usare tutti in campo”.

Il terzo e ultimo gol dell’Italia in quella partita era completamente diverso. “Era una situazione tipica dell’Atalanta. Recupero palla velocissimo di Rafael Toloi e passaggio veloce a Cerro Immobile. È un principio tipico di Gian Piero Gasperini, recuperare palla premendo”.

Dopo aver superato il Belgio per un’ora in un’emozionante partita dei quarti di finale che ha mostrato una rotazione e un’interazione intelligenti, Mancini è riuscito a impressionare la sua squadra, e l’Italia ha dimostrato che anche le loro qualità tradizionali erano indimenticabili quando hanno concluso il gioco.

Avevano più bisogno di loro nella semifinale contro la Spagna.

“La Spagna è stata aggressiva e non abbiamo avuto tempo per il terzo posto in difesa, quindi è stata la prima volta che abbiamo dovuto giocare alla vecchia maniera italiana”, dice Meledona. Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci forniscono quella piattaforma. Quest’ultimo è stato il miglior giocatore della finale.

READ  Marquez avanza al 14 ° posto dopo una caduta, mentre Quartaro prende il comando di Jerez

“Siamo ancora avanti nella fase difensiva”, dice un altro allenatore italiano. “La copertura, il puntamento, la posizione del corpo, la posizione sulla palla, l’avversario e i compagni, la lettura della posizione. Quello che fa Mancini è mantenere questo punto di forza in Italia, compatto tra le linee e le unità, ma anche il Gioco europeo”.

Le lezioni sono state apprese dall’estero con una flessibilità e una situazione raramente vista nel calcio internazionale perché tale sviluppo può richiedere tempo. Leonardo Spinazzola è stato una scoperta all’inizio del torneo, la sua presenza ha aiutato Lorenzo Insigne a brillare.

“All’inizio sembra che l’Italia stia giocando 4-3-3 ma quando la palla è in possesso cambia a causa della rotazione dei giocatori”, dice Meledona. “Diventa 3-4-2-1 perché il terzino sinistro va a centrocampo e Insigne va dentro. La stabilità dà profondità.

“Prima che arrivasse Mancini era come se non ci fosse la nazionale. Ma dopo solo un anno di lavoro di Mancini con i giocatori, sembrava che la squadra si allenasse insieme mese dopo mese, quando non era vero, aveva solo una settimana in ogni Una volta”.

L'allenatore dell'Italia Roberto Mancini

Questo miglioramento riflette gli sviluppi fuori dal campo, come ha sottolineato Aldo Comi, fondatore della piattaforma di analisi dei dati Soccerment, nei suoi rapporti con i clienti. “I club italiani iniziano a sentire una maggiore urgenza di comprendere tecnologia e dati”, afferma Comey. Sky Sport.

“Il calcio è un gioco tattico in Italia, quindi a loro interessa poter tracciare lo spazio tra i giocatori, ma anche le distanze tra le linee nella formazione. Gli allenatori italiani probabilmente si concentrano più sulla tattica e sulla forma di chiunque altro al mondo. “

READ  Una suora italiana è stata uccisa da 3 ragazze beatificate come martiri

Coverciano, l’equivalente italiano di St. George’s Park, ma che esiste dal 1958, ha dovuto modernizzare e attribuire molto al centro di formazione del paese per questa rinascita. Il fondamento della cosiddetta metodologia CARP fornisce chiarezza per gli allenatori italiani.

C è Costruzione. “Costruisci dal portiere”, dice Meledona. A per Ambeza. “Mostra il principio di usare lo schienale alto.” R sta per Rifinitura. “Lo spazio che utilizziamo tra la linea di difesa avversaria e il centrocampo”. P è Profondita. “La profondità che fornisce Immobile durante una partita, si estende al gioco”.

Questi principi rimangono a prescindere dai dipendenti.

“Mancini è il primo allenatore che ha dato le idee chiare alla squadra. È un compito molto grande perché ci sono 26 giocatori ma se gioca Chiesa o Berardi non cambia nulla. Immobile o Belotti non cambia nulla. Chiellini o Acerbi, non cambia nulla. Locatelli ha iniziato il torneo e ha giocato bene, ma quando è arrivato Verratti non è cambiato nulla”.







0:15

I giocatori dell’Italia hanno festeggiato il successo a Euro 2020 cantando: “E’ la prossima Roma”.

Non tutti però sono convinti dell’importanza di Coverciano.

“L’Italia non sta andando bene per via di questa metodologia, sono concetti molto semplici”, dice un altro allenatore italiano con esperienza in patria e all’estero.

“Mi sono allenato in Inghilterra. Se dicessi all’allenatore qui che l’Italia l’ha cambiata perché lo fa loro, direbbe che si allena su questo ogni giorno.

“Troverai le stesse idee con parole diverse per loro solo in Inghilterra, Spagna, Belgio o Germania. Sono solo alcuni dei termini. Queste idee non sono sviluppate. Qualsiasi buon allenatore che è appena agli inizi lo sa. La differenza è come usi lui-lei.

“Mancini sceglie i giocatori giusti nei posti giusti e li fa fare le cose giuste al momento giusto. L’allenatore deve conoscere le soluzioni migliori. Mancini ce l’ha fatta”.

È una storia familiare, una ricerca di significato sulla scia del successo. La vittoria della Francia nel 1998 è stata spiegata nel contesto del lavoro svolto a Clairefontaine, le vittorie specifiche della Spagna in termini di una generazione di talenti che era stata forgiata a La Masia. Ricostruire la Germania è stata vista come una storia più ampia sulla loro rivoluzione formativa.

La rinascita dell’Italia provocherà discussioni simili. “Questo è normale”, ha concluso Meledona. “Se vinco, è come un’auto e tutti vogliono saltarci sopra”. Nessuno in Italia rischia di dimenticare che è stato l’uomo al posto di guida a portarli alla gloria.