Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia sta lottando per pagare mentre il debito garantito dallo Stato sale a 127 miliardi di dollari

Mentre gran parte delle aziende europee sta tagliando i prestiti garantiti dallo stato a causa della pandemia, le aziende italiane sono ancora in piedi su montagne di tali prestiti, complicando gli sforzi del governo per aiutarle a superare l’ultima crisi: l’aumento dei costi energetici.

Le società italiane hanno registrato un record di 123,2 miliardi di euro (127 miliardi di dollari) di linee di credito statali nell’era Covid al 30 giugno, rispetto ai 118 miliardi di euro del trimestre precedente, secondo un rapporto dell’Autorità bancaria europea pubblicato il mese scorso. Il paese ha il più grande debito in essere garantito dal governo nella zona euro, sebbene non sia la più grande economia della regione.

Questo è lo stato del governo appena formato Giorgia Meloni Su un dilemma: in che modo e per quanto tempo può continuare a supportare le aziende ora alle prese con l’aumento dei costi, in particolare le bollette energetiche, in un contesto economico in rapido rallentamento? Il governo sta implementando un pacchetto di aiuti che consente alle aziende di dilazionare le proprie bollette energetiche su due anni e fornisce ai fornitori di gas ed elettricità una garanzia statale del 90% sulla loro esposizione a bollette riprogrammate.

Stefano Caselli, decano della SDA Bocconi School of Management della SDA Bocconi, avverte che qualsiasi ulteriore sostegno alle imprese sotto forma di debito non fa che rinviare il dolore, lasciandole con strutture aziendali fortemente indebitate che potrebbero diventare insostenibili se i ricavi e gli utili venissero colpiti un contesto recessivo. Milano.

“Siamo su un ghiaccio molto sottile”, ha detto. Se il sistema entra in recessione e le tensioni sui prezzi dell’energia rimangono elevate, il debito societario diventerà un problema. “

READ  Mercati europei cauti per i timori sul Covid

Il Fondo Monetario Internazionale prevede una contrazione dell’economia italiana dello 0,2% nel 2023.

I prestiti pandemici garantiti dallo stato sono stati concessi nel 2020 quando il coronavirus ha causato interruzioni improvvise e diffuse alle imprese di tutto il mondo e le aziende avevano un disperato bisogno di fonti di liquidità a basso costo. Ma ora, in un’era di alti tassi di interesse e rallentamento della crescita, molte aziende italiane hanno difficoltà a sostituire o rimborsare i prestiti. Alcuni addirittura non sono riusciti a soddisfare le condizioni allegate ai loro prestiti.

Ad esempio, nel 2020 la società di gioco Giochi Preziosi SpA ha ottenuto dalle banche un finanziamento di 85 milioni di euro, garantito per il 90% dallo Stato italiano. All’inizio di quest’anno, le banche hanno dovuto concedere alla società un’esenzione perché non era in grado di onorare le clausole allegate alle linee di credito, secondo il suo ultimo rapporto annuale. La società ha anche citato i potenziali rischi per le sue operazioni derivanti da una prolungata recessione.

“Guardando cosa è stato fatto negli anni del coronavirus, quello che è mancato è stata la convinzione di intraprendere la strada della capitalizzazione delle aziende, piuttosto che fornire loro nuovo debito”, ha detto Caselli. “Il problema con il debito societario italiano è la scarsità di mezzi propri nei bilanci”.

Grandi garanzie

Ogni Stato membro dell’UE ha sviluppato il proprio piano di garanzia pubblica per la pandemia.

In Italia, il quadro – denominato Garanzia Italia – richiedeva alle imprese di richiedere una linea di finanziamento a una banca, che avrebbe poi richiesto una garanzia statale attraverso l’agenzia per il credito all’esportazione SACE SpA o la banca statale Mediocredito Centrale – Mezzogiorno SpA. Una volta ottenuto il via libera, il creditore concederà l’agevolazione.

READ  Le azioni scendono per il terzo giorno, i rendimenti salgono mentre i mercati si preparano ad aumentare i tassi di interesse

La garanzia ha coperto tra il 70% e il 90% delle nuove linee di credito. L’Italia ha la percentuale più alta coperta da garanzia statale, ovvero l’84,8% del totale dei prestiti emessi contro il 78,9% e il 65,8% rispettivamente di Spagna e Francia, secondo il rapporto EBA. Complessivamente, Italia, Spagna e Francia rappresentano circa il 90% dei prestiti garantiti dal paese ancora in essere nell’Unione europea.

Garanzie sono state offerte a società di tutto lo spettro del credito, anche a società con rating spazzatura. Le banche erano disposte a fornire linee di credito sapendo che sarebbero state coperte per un’ampia maggioranza dallo Stato. Intesa Sanpaolo SpA, UniCredit SpA e Banco BPM SpA sono tra le banche più esposte.

“Ci sono ancora alcune preoccupazioni sulla qualità degli attivi di queste esposizioni, ma per le banche potrebbe essere un problema minore a causa della garanzia”, ​​ha affermato Andreas Pfail, analista senior del settore bancario nella divisione Economics and Risk Analysis dell’EBA. e autore della relazione.

Domanda di rimborso

Quindi la domanda principale ora è quando e come tutti questi debiti saranno pagati.

“C’è un crescente riconoscimento da parte dei governi che alcuni di questi prestiti devono essere ristrutturati e il modo più semplice è estendere le scadenze”, ha affermato Justin Holland, amministratore delegato di DC Advisory. “Molto dipenderà da dove è organizzato il prestito e da dove si trova all’interno della struttura del capitale”.

In Italia, questi prestiti hanno una posizione elevata nella struttura del capitale, il che significa che hanno priorità di rimborso rispetto ad altri debiti nello scenario di ristrutturazione. Un avvocato specializzato in ristrutturazioni a Milano ha detto che ci sono proposte di esperti su un quadro per il loro rimedio in caso di declino, ma non c’è ancora una politica concreta.

READ  La vittoria del Real Madrid sul Liverpool nella finale di Champions League; Si assicura il quattordicesimo titolo

I due soggetti che rilasciano le garanzie, SACE e Mediocredito Centrale, non sono attrezzati per gestire eventuali crediti deteriorati. Così Servicer AMCO-Asset Management Co SpA, di proprietà del Ministero delle Finanze italiano, sta lavorando a una piattaforma chiamata Progetto Glam su cui le banche possono scaricare prestiti garantiti a un’agenzia di gestione del debito. Il progetto non è stato ancora completato.

Certo, non c’è molta fretta. Le aziende non devono affrontare un imminente muro di maturità. La maggior parte del debito garantito dallo stato scade dopo il 2024, secondo un rapporto separato dell’EBA.

“Siamo in un momento di stress, i tassi di interesse stanno salendo e ci stiamo avviando verso un periodo in cui la pressione sulle aziende continua a crescere e in cui la componente finanziaria sarà più impattante”, ha dichiarato Carlo Masini, partner di Hogan Lovells. , con sede a Milano. . “Al momento, non vi è alcun avviso immediato in merito al rimborso”.

Ma l’Italia dovrà prima o poi affrontare questo problema.