Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia si sposta in Algeria, FSRU per aiutare a trasferire gas naturale russo

A seguito di un accordo di fornitura ad aprile, l’Italia prevede di ridurre l’affidabilità dei combustibili fossili russi investendo nel gas naturale e nell’idrogeno verde dell’Algeria, e amplia la propria infrastruttura di importazione con due unità di stoccaggio galleggiante e di gas rinnovabile (FSRU).

L’Italia è uno dei maggiori consumatori di gas naturale in Europa. Ha tre terminali di importazione di GNL con una capacità di 10,9 milioni di tonnellate / mm (mmty), ma “l’Italia ha bisogno di una maggiore capacità di ristrutturazione, quindi non sorprende che le FSRU vengano affittate”, Marco Giuli, ricercatore della Scuola di Bruxelles, ha detto alla NGI in Belgio.

L’italiana Snam SpA ha accettato di affittare due FSRU da Golar LNG Partners LP. Uno di questi, la Tundra di Kolar, si trova in prossimità delle aree a maggior consumo di gas del centro-nord Italia.

[Want to know how global LNG demand impacts North American fundamentals? To find out, subscribe to LNG Insight.]

La FSRU della tundra da 5 mm dovrebbe iniziare le operazioni con un contributo di circa il 6,5%. [Italy’s] Bisogni interni”, ha affermato l’amministratore delegato di Snam Stefano Venier.

La seconda nave, la nave metaniera Kolar Arctic, diventerà FSRU tra due anni. Sarà situato a Portovia, in Sardegna, per fornire gas all’isola.

Ad aprile, l’italiana Eni SpA ha firmato un accordo con la Repubblica Democratica del Congo per aumentare la fornitura e le esportazioni di gas naturale di 4,5 miliardi di metri cubi (bcm) all’anno, a partire dal 2023. Dall’Angola. Eni partecipa a progetti GNL in Angola e Congo. Si dice che Eni possa esportare 3 miliardi di metri cubi di GNL dal suo impianto di Damietta in Egitto quest’anno.

READ  La capitale chiama: Tosse per comprare la strada della dinastia italiana

“L’Italia è molto favorevole alla diversificazione del gas, il suo sistema energetico è fortemente dipendente dal gas e ha solo una bassa efficienza dei combustibili alternativi”, ha affermato Giuli. “Quindi l’Italia ha delle alternative al gas a breve termine, anche per la produzione di energia di base”.

Cambiare le importazioni russe

L’Italia ha importato 29 miliardi di metri cubi o quasi il 40% delle sue importazioni totali di gas dalla Russia l’anno scorso. Secondo i dati del Ministero italiano per il cambiamento ambientale, l’Algeria è al secondo posto con 22,6 miliardi di metri cubi, ovvero il 31% delle importazioni totali, con il restante 30% proveniente da Azerbaigian, Qatar, Libia e Norvegia.

Sonatrok ed Eni algerini hanno concordato ad aprile un accordo di fornitura, come altri in tutta Europa, per ridurre la dipendenza della Russia dalle forniture di gas dopo l’invasione dell’Ucraina. L’Algeria fornirà altri 9 miliardi di metri cubi di gas attraverso il gasdotto di trasmissione nel 2023 e nel 2024.

Ma il sistema di trasmissione che collega Algeria e Italia non funziona a pieno regime. Ci sono problemi di produzione in Algeria. Il Paese non ha investito in nuove infrastrutture per aumentare la produzione negli ultimi tre decenni e ha bisogno di deviare il gas per soddisfare la crescente domanda interna di elettricità.

“9 miliardi di metri cubi dall’Algeria entro il 2023 non sono veritieri, soprattutto considerando che tra il 2020 e il 2021 le forniture algerine all’Italia sono aumentate dell’80%”, ha affermato Giuli.

Giuli ha affermato che un grande aumento entro il 2023 sarebbe possibile solo se il flusso dalla Spagna all’Italia fosse deviato. Le relazioni dell’Algeria con la Spagna si sono inasprite quando la Spagna si unisce al Marocco in una disputa sulla terra nel Sahara occidentale.

READ  Vuoi lasciare la Romania? Una bella città in Italia offre case fatiscenti per 1 euro, ma anche appartamenti già pronti a buon mercato come un Logan

“Questo è già un’eco nei flussi di gas regionali, ma l’Algeria non è ancora arrivata al punto in cui vuole infrangere i suoi obblighi di fornitura alla Spagna”, ha aggiunto Giuli.

Oltre all’accordo di fornitura di aprile, Sonatrach ed Eni hanno concordato il mese scorso di firmare un memorandum d’intesa per investire congiuntamente in gas naturale e idrogeno verde. Secondo le notizie algerine, parte dell’accordo includerà anche finanziamenti dall’Italia.

Riduzione del consumo di gas

Ana Maria Zaller-Makarevich, analista energetica europea presso l’Energy Economics and Financial Analysis Institute in Europa, ha affermato che l’Italia dovrebbe concentrarsi sul tentativo di ridurre il consumo di gas invece di sostituire il gas russo aumentando le importazioni di gasdotti e GNL.

Jaller-Makarevich ha citato i dati del Ministero del cambiamento ambientale secondo cui entro il 2020 il 45% del gas consumato in Italia proverrà da clienti residenziali e commerciali, il 35% dalla produzione di elettricità e il 19% dall’industria.

“Aumentando l’efficienza energetica, le strategie di gestione della domanda di gas e la produzione rinnovabile, l’Italia può vedere un’enorme riduzione del consumo di gas, che aiuterà a ridurre la sua dipendenza dal gas russo e dal gas in generale”, ha detto a NGI.

“La diversificazione del gas sarà solo una soluzione parziale”, ha aggiunto Giuli. “Per sostituire tutti i 29 miliardi di metri cubi di importazioni di gas russe, è necessaria una sostituzione completa, che include solo sforzi significativi nelle operazioni collaterali e nello sviluppo delle energie rinnovabili”.