Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia si muove per riprendere l’estrazione di materie prime critiche

L’Italia si muove per riprendere l’estrazione di materie prime critiche

Nel mezzo di una più ampia spinta occidentale per garantire la fornitura di minerali ed elementi che sono alla base delle trasformazioni ambientali e digitali, Roma sta rimodellando le riserve sotterranee della nazione. Secondo il ministro Urso anche per proteggere l’Italia dalla morsa cinese sul settore

L’Italia “si muove velocemente” nelle materie prime critiche. L’UE si sta muovendo per garantire un migliore approvvigionamento di materie prime per sostenere il cambiamento ecologico. parlando con RepubblicaIl ministro delle Imprese, Adolfo Urso, insiste che Roma sia già al lavoro.

  • Entro i prossimi tre o quattro mesi, i funzionari e gli esperti del gruppo di lavoro CRM completeranno l’aggiornamento delle mappe delle risorse minerarie italiane che invecchiano.
  • Le prime stime indicano che il suolo italiano contiene almeno 15 dei 34 elementi etichettati come “strategici” in Europa. Questi includono litio, cobalto, nichel, rame e zinco, nonché berillio e tungsteno.
    • «Ma il potenziale è ancora maggiore», ha osservato il ministro Urso.

È più strategico di quanto pensi. L’Europa comprende la necessità di fissare obiettivi ambiziosi sul fronte della transizione verde, ha continuato il ministro, osservando che i CRM sono strategici per le industrie europee e “per la nostra libertà e sovranità”.

  • La Cina domina la maggior parte delle catene di approvvigionamento cleantech, soprattutto quando si tratta di raffinazione. Tuttavia, i paesi occidentali (tra cui Stati Uniti, Giappone e Unione Europea) stanno lavorando per spezzare il dominio di Pechino.
  • Ciò include la riapertura delle operazioni minerarie locali. Gran parte dell’Italia è stata chiusa negli ultimi trent’anni poiché Roma ha esternalizzato la produzione e paesi terzi (come la Cina) hanno colto l’occasione.
READ  I crocieristi positivi al Covit-19 in Italia

Nelle stesse parole del ministro. “Ci rendiamo conto di quanto sia pericoloso fare affidamento sulle risorse fossili russe. Non possiamo farlo con la Cina su terre rare e minerali preziosi. Soprattutto vista la “politica di espansione” di Pechino, che include “acquisizioni”. [CRM] I depositi, principalmente in Africa, si concentrano poi sulla lavorazione a casa”.

Di Legge sulle materie prime essenzialiIl ministro ha spiegato che l’UE vuole:

  1. Aumentare la produzione nazionale di CRM al 10% del consumo previsto entro il 2030;
  2. Elaborazione fino al 10% di questi CRM all’interno dell’UE;
  3. Aumentare la raccolta differenziata fino al 15% del consumo;
  4. Limitare l’esposizione a un paese terzo per ciascun prodotto strategico a un massimo del 65% della quota di mercato (per riferimento, la partecipazione della Cina all’energia solare europea è superiore all’80%).

La ricetta dell’Urso: Oltre a utilizzare e reindirizzare i fondi esistenti, il ministro ha affermato che i Paesi europei stanno mettendo in comune le proprie risorse “per ottenere depositi fuori dall’Ue, con l’obiettivo di diversificare le forniture”. attraverso il cosiddetto Fondo sovrano europeo.

Come venderlo ai cittadini? La famigerata burocrazia italiana e le tendenze NIMBY sicuramente ostacoleranno questo rinascimento minerario. Secondo il ministro Urso, questo richiede “un gesto sincero”: cioè un richiamo che “abbiamo permesso”. [CRMs] Provengono da paesi in cui i controlli ambientali e sulla qualità del lavoro sono stati finora minimi. Abbiamo esternalizzato il problema per convenienza economica e per tutelare il nostro tenore di vita.

  • Il ministro ha sottolineato che il rinascimento minerario dell’Europa non avverrà a scapito dei suoi ambiziosi standard ambientali e di protezione sociale.