Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia pesa fino a 3,5 miliardi di dollari in offerta di proprietà per Monte Pacchi

L’Italia sta valutando un franchising da 3 miliardi di dollari (3,5 miliardi di dollari) per il salvataggio del banchiere Banco Monte Boy de Siena per rafforzare il finanziamento della banca e rendere più interessante l’acquisizione di Unicredit SBA.
La soluzione preferita del ministero delle Finanze per soddisfare la richiesta di Unicredit di un “accordo capital neutral” è quella di vendere azioni con diritti preesistenti per aiutare a proteggere le azioni degli attuali investitori. Lo sconto utilizzato per l’offerta non sarà troppo diluito per gli investitori, hanno detto le persone.
Diverse somme sono ancora in discussione e l’importo finale dell’offerta in diritti dipenderà dalla revisione da parte di Unicredit dei libri di Monte Pucci, in cui vengono venduti gli asset e il rapporto di azioni scambiate tra Unicredit e Monte Pucci, il processo che non hanno chiesto è etichettato pubblico.
Il mese scorso l’amministratore delegato di Unicredit Andrea Arsenal ha avviato trattative esclusive per acquisire un finanziatore frugale con sede a Siena per fornire un’adeguata protezione contro qualsiasi transazione, ad eccezione delle sofferenze del Monte Pachi e di tutte le cause straordinarie.
Il titolo Unicredit è salito dello 0,6%, dividendo le perdite per scambiare a 10,24 euro a Milano dopo il rapporto. I titoli subordinati della banca sono aumentati di 84,6 centesimi a un euro, compresa la quota di 50 750 milioni del 5,375%, con scadenza 2028. Questo è il suo prezzo più alto dal 9 agosto.
Le trattative sono in una fase iniziale e si dice che accordi dettagliati, inclusa la necessità di un aumento di capitale, saranno analizzati solo dopo che la due diligence sarà completata. I portavoce di Unicredit, Monte Pacchi e ministero delle Finanze hanno rifiutato di commentare.
Sebbene le vendite per Unicredit possano essere la via preferita dall’Italia per un prestatore nazionalizzato nel 2017, l’amministratore delegato di Unicredit Andrea Arcel può fissare un prezzo fino a 10 miliardi di dollari per i contribuenti soddisfacendo le condizioni già stabilite. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi si aspetta un consistente rimborso dell’operazione, con l’acquisizione di azioni Unicredit e ritorni agli investitori da parte della banca.
In un rapporto semestrale diffuso la scorsa settimana, Monte Pacchi ha affermato che ogni possibile combinazione potrebbe precedere un aumento di capitale che potrebbe essere “facilmente riconosciuto” dalle autorità europee.
Le parti stanno contemplando una struttura contrattuale simile a quella creata da Banco BPM Spa cinque anni fa, in cui Banco Bopolere e Bango Bopolere de Milano hanno concordato un’operazione all-share ad un tasso di cambio che tiene conto di un capitale. La gente ha detto che sarebbe stato aumentato da Bango Popolar prima che la fusione fosse completata.
Una delle persone ha affermato che l’importo finale dell’aumento di capitale sarebbe inferiore per tenere conto dei benefici finanziari forniti dal governo. Tale accordo consente agli acquirenti di una banca di aumentare il capitale convertendo attività fiscali differite da istituti di credito coinvolti in un contratto.
“Come per quanto accaduto con la fusione Banco Bpm, una struttura contrattuale che offra l’offerta di diritti Monte Pacific in concomitanza con l’Uni Credit Share Swap attirerà gli investitori della Pacific Minority”, ha affermato Fabrizio Bernardi, analista di Bestinver. “La matematica di questo esercizio è che la dimensione delle molte aree mobili intorno al muschio, al suo capitale e al “sottogruppo” degli acquisti di Unigred è ancora molto incerta”.
Bloomberg ha riferito all’inizio di questo mese che il governo italiano potrebbe acquisire azioni Unicredit come parte di una possibile acquisizione senza diritto di voto, mentre i titoli sarebbero protetti da eventuali perdite che potrebbero derivare dall’operazione.

READ  Allarme! "Piccolo Pearl" fa scalpore in Italia, ma non gioca per la Romania da 3 anni. Corbanu e Donilio sono rumeni persi dalla FRF a marzo