Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia offre una finestra teatrale completa di 90 giorni per i film sostenuti dallo stato | Notizia

L'Italia offre una finestra teatrale completa di 90 giorni per i film sostenuti dallo stato |  Notizia

Il governo italiano sta introducendo una finestra di visione cinematografica completa di 90 giorni per tutti i film (italiani e non italiani) che hanno ricevuto il sostegno statale, eliminando l’allentamento delle regole delle finestre introdotte durante la pandemia.

Il decreto del governo, già firmato dal ministro della Cultura Dario Franceschini, entrerà in vigore non appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Legislazione italiana, o Gazzetta Ufficiale. Al momento non è disponibile una data per la sua pubblicazione, ma gli addetti ai lavori affermano che non avverrà prima della fine di aprile.

Il governo italiano ha introdotto misure di emergenza durante la pandemia di Covid-19, il che significa che i film che beneficiano di crediti d’imposta e finanziamenti pubblici possono saltare le uscite nelle sale e passare direttamente alle piattaforme di streaming senza perdere il sostegno finanziario pubblico, come avveniva in precedenza. I teatri sono stati chiusi per lunghi periodi di pandemia in Italia, il che ha anche reso impossibile l’applicazione delle precedenti normative.

Queste regole sono state aggiornate a maggio 2021, con i titoli italiani idonei soggetti a una finestra di 30 giorni. I titoli stranieri che non hanno ricevuto il sostegno del governo possono passare direttamente alle piattaforme di streaming senza un’uscita nelle sale.

I titoli stranieri (ad esempio, film in studio o piccole produzioni indipendenti) che non hanno beneficiato di finanziamenti pubblici italiani o di crediti d’imposta locali non saranno interessati dalla nuova regolamentazione della finestra di 90 giorni.

Tuttavia, Franceschini ha recentemente indicato che il governo alla fine stava cercando modi per regolamentare tutti i film stranieri, non solo quelli che hanno ricevuto sostegno finanziario dall’Italia.

READ  Donna italo-tedesca accusata di spionaggio per la Cina

Gli espositori non sono soddisfatti della nuova sentenza. “È ben lontano dal sostegno che gli esercenti ricevono in altri paesi europei come la Francia, dove il periodo di visione è di almeno 12 mesi”, ha affermato Manuel Elari, a capo dell’Associazione Cinema Italiano.

Elari ha poi descritto la decisione come un “grave errore” e un “passo indietro”, aggiungendo che durante la pandemia in Italia sono state chiuse definitivamente circa 500 sale e che senza un sostegno significativo da parte degli espositori, altri rischierebbero di chiudere, mettendo a rischio 100.000 posti di lavoro nel settore. Ha aggiunto che la sua associazione si stava incontrando con altre associazioni industriali per chiedere l’ampliamento della finestra.

Il governo sta anche lavorando per aumentare i sussidi alla produzione aumentando i crediti d’imposta erogati al 40% del totale dei costi di produzione, dal precedente 30% dello scorso anno.