Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia ha visto la maggior parte dei casi di HUS per decenni

L’Italia ha visto la maggior parte dei casi di HUS per decenni

L’Italia ha riportato il totale annuo più alto di casi di sindrome emolitico-uremica (SEU) dall’inizio delle registrazioni.

91 casi sono stati registrati da gennaio a dicembre 2022. È stato il più alto in un solo anno dall’inizio del monitoraggio nel 1988. La HUS è una grave complicanza associata all’infezione da E. coli che causa insufficienza renale e può portare a gravi problemi di salute e alla morte per tutta la vita.

Questo numero è ancora inferiore alla Francia, che ha segnalato 128 casi di HUS nel 2021. Questo è il numero più basso dal 2017 e in calo rispetto ai 167 del 2020. I dati per il 2022 non sono ancora disponibili, ma è previsto un aumento a causa di un’esplosione nel marchio Nestlé Butoni Friche Up di pizze surgelate.

Il Registro Italiano della Sindrome Emolitico-Uremica è gestito dalla Società Italiana di Nefrologia Pediatrica e dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

L’aumento è stato particolarmente notato in estate da giugno ad agosto, durante il quale sono stati segnalati più della metà dei casi di SEU. Il picco si è avuto a giugno con 16 segnalazioni. A questo aumento ha contribuito un cluster di casi associati all’infezione da STEC O26 in Emilia-Romagna tra giugno e luglio.

Dettagli sulla popolazione colpita e sul tipo di E. coli
Complessivamente, 89 pazienti avevano meno di 15 anni. L’età media dei casi nel 2022 era di 42 mesi.

I tassi di incidenza variano da regione a regione, ma la maggior parte dei casi è stata registrata in Emilia-Romagna con 12 contagi e in Campania con 11 contagi.

I pazienti provenivano da 16 regioni. In tre casi la malattia era legata a viaggi all’estero e in un caso la SEU era stata registrata in un cittadino straniero soggiornante in Italia.

READ  Medici accusati di omicidio dopo la morte di un soldato poche ore dopo la consegna di AstraZeneca

Le regioni in cui il tasso riportato di casi di SEU era superiore alla media nazionale includevano Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia e Toscana.

In 72 casi in cui sono stati analizzati i campioni, è stata rilevata un’infezione da E. coli produttore della tossina Shiga (STEC). In 64 casi è stato possibile identificare informazioni sul sierogruppo.

I cosiddetti primi 5 sierogruppi – O26, O157, O111, O145 e O103 – hanno dominato i risultati. Un totale di 38 campioni O26. E. coli O157 è stato il secondo più alto. L’alto tasso di O26 nei casi di HUS riflette una tendenza a lungo termine ed è coerente con altri paesi europei, hanno affermato i funzionari sanitari italiani.

In Europa nel 2021 sono stati segnalati 365 casi di SEU e quattro bambini sono morti. La maggior parte era nella fascia di età più giovane da 0 a 4 e da 5 a 14 anni. Il sierogruppo O26 è il più comune, seguito da O157.

(Per iscriverti a un abbonamento gratuito a Notizie sulla sicurezza alimentare, fai clic qui.)