Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia ha generato ricavi musicali registrati per 392,4 milioni di dollari lo scorso anno e si è classificata al 10° posto nella lista dei primi 10 mercati del mondo.

I ricavi della musica registrata italiana sono cresciuti del 27,8% nel 2021 a 392,4 milioni di dollari (332 milioni di euro), con un aumento di 72 milioni di euro (85 milioni di dollari) rispetto al 2020, quando il mercato ha generato 259,89 milioni di euro (296,3 milioni di dollari) di ricavi della musica registrata.

Questo secondo FIMI, l’organizzazione che rappresenta l’industria della musica registrata del paese.

La pubblicazione dei ricavi della musica registrata italiana per il 2021 ha coinciso con la pubblicazione del World Music Report dell’IFPI ieri (22 marzo), in cui è stato rivelato che l’Italia è ora al 10° posto nella lista dei primi 10 mercati musicali a livello globale.

In Italia, i ricavi dello streaming in abbonamento sono aumentati del 35,6% nel 2021 a 141,7 milioni di euro (167,5 milioni di dollari) rispetto a 104,5 milioni di euro (119,1 milioni di dollari) nel 2020.

Il segmento di trasmissione totale (compresi i ricavi da video e pagamenti supportati da pubblicità) è stato di 208,4 milioni di euro (246,3 milioni di dollari) nel 2021, con un aumento del 24,6% anno su anno, da 167,3 milioni di euro (190,7 milioni di dollari) nel 2020.

All’interno delle entrate fisiche dell’Italia, le vendite di CD e vinili hanno registrato un aumento nel 2021, dopo la stagnazione nel 2020 a causa della chiusura dei rivenditori durante la pandemia.

Le vendite di CD sono cresciute del 10,6% da 24,1 milioni di euro (27,4 milioni di dollari) nel 2020 a 26,7 milioni di euro (31,5 milioni di dollari) lo scorso anno, mentre le vendite di vinili sono aumentate del 78% a 26,8 milioni di euro (31,6 milioni di dollari), rispetto a 15 milioni di euro (17 milioni di dollari). . nell’anno 2020.

READ  Pizza e cibo italiano incontrano un torrefattore con una pasticceria da zero nello stesso complesso di bar | il piattino

Altri formati fisici, come i nastri audio, hanno visto le loro entrate aumentare del 245% anno su anno nel 2021 a € 686.000 ($ 810.000).

Le vendite fisiche totali sono cresciute del 37,87%, da 40 milioni di euro (45,6 milioni di dollari) nel 2020 a 55,2 milioni di euro (65,2 milioni di dollari) nel 2021 (vedi sotto).

Altrove nel mercato, i ricavi dei diritti di performance sono aumentati del 37,2% a 52 milioni di euro (61,4 milioni di dollari) nel 2021.

Nel frattempo, i ricavi di sincronizzazione sono aumentati del 36,4% da 7,5 milioni di euro (8,5 milioni di dollari) nel 2020 a 10,3 milioni di euro (12 milioni di dollari) nel 2021, superando per la prima volta i 10 milioni di euro, secondo FIMI.



FIMI ha anche riferito che i consumatori italiani hanno raggiunto più di 1 miliardo di stream ogni settimana nel 2021.

Inoltre, citando una ricerca IFPI, FIMI afferma che nel 2021 i consumatori italiani hanno trascorso più di 19 ore alla settimana ad ascoltare musica, di cui il 45% con un account premium. FIMI afferma che questa percentuale sale al 57% nelle persone di età compresa tra 16 e 24 anni.

Un’altra statistica degna di nota pubblicata da FIMI questa settimana è che nel 2021, 479 album di 302 artisti hanno superato i 10 milioni di raccolte.

Secondo FIMI, nel 2011, solo 134 album di 105 artisti hanno superato il limite equivalente di 10.000 copie (fisiche e download).

La pubblicazione dei record delle entrate musicali italiane è arrivata sulla scia delle statistiche pubblicate dalla FIMI a gennaio, che mostravano che ogni singolo album nella classifica dei primi 20 album nell’intera classifica nazionale degli album del 2021 del paese proveniva da un artista locale.

READ  Charlotte I ristoranti italiani Aria e Cicchetti ruotano a fatica sugli importatori

Inoltre, “per la prima volta in assoluto”, secondo FIMI, anche l’intera top 10 della sua classifica solista dell’anno era interamente composta da atti italiani.

“Questo è stato un anno particolarmente forte per il mercato musicale italiano”.

Vimy

In un comunicato, FIMI ha dichiarato: “Questo è stato un anno particolarmente forte per il mercato musicale italiano: questi risultati confermano gli ingenti investimenti di artisti italiani e nuovi giovani talenti da parte delle case discografiche locali. Inoltre, i crediti d’imposta per i nuovi prodotti hanno sicuramente avuto un effetto positivo effetti”.

“Grazie alla forte innovazione nell’industria musicale (tra i settori trainanti dell’economia digitale italiana) si sono create opportunità di successo per gli artisti”.


Nota: le conversioni di valuta tra EUR e USD in questa storia si basano su pubblicazioni IRS Cambi medi annui.Il business della musica nel mondo