Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia ha avviato uno studio con i cani per rilevare il COVID-19 dall’odore

EFE ha citato AcerPress dicendo che uno studio per identificare rapidamente le capacità dei cani addestrati con l’aiuto di individui olfattivi, sintomatici e asintomatici con COVID-19 è iniziato lunedì in Italia.

Il programma si svolge su un programma “drive-in” organizzato nel campus di un ospedale universitario di Roma, e più di 1.000 campioni saranno selezionati per lo studio.

La prima fase dura 6-8 settimane, durante le quali i cani vengono addestrati a rilevare il virus SARS-CoV-2 mutilando le tecniche utilizzate nell’addestramento per rilevare gli esplosivi.

Nella seconda fase, che dura 4-6 settimane, il campione verrà testato su volontari. Fino a sei cani in questo test potrebbero strappare campioni di sudore del paziente senza entrare in contatto con il materiale biologico.

I campioni di sudore vengono raccolti con un panno e quindi inseriti in un contenitore anonimo con il numero di identificazione del paziente. COVID-19 Case Dogs dovrebbe essere attivo per circa dieci secondi quando annusano.

Massimo Sikosi, epidemiologo presso il campus bio-medico dell’Università di Roma e promotore del programma, ne ha sottolineato l’importanza: “Vale la pena riflettere sull’utilità di questi cani in occasione di grandi eventi, concerti e partite di calcio, evitando così costi e tempi di -test che consumano. “

I cani sono già utilizzati in medicina, ad esempio per rilevare infezioni virali o batteriche, con una percentuale di successo dal 77% al 92,6%.

READ  Cristiano Ronaldo, nuovo premio in Italia! La notizia ha dato fuoco ai tifosi della Juventus