Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia gestirà il proprio progetto sulla ‘Belt & Road Initiative’ cinese; P.M. da rivedere

In uno sviluppo chiave visto al vertice del G7, il primo ministro italiano (relativamente nuovo) Mario Draghi ha assicurato che l'”iniziativa espansionistica della cintura e delle strade” della Cina sarebbe stata valutata con attenzione. L’Italia ha reso questa dichiarazione rilevante in vista dell’insediamento del Primo Ministro Drake, nel tentativo di raccogliere alcuni benefici dalla Cina, incluso il rilancio dell’economia italiana.

L’Italia fa inversione di marcia, afferma che “Belt and Road Initiative” dovrebbe essere affrontata con cautela

Parlando sulla Cina, l’ex primo ministro della Banca centrale europea Tiraki ha affermato: “Questa è una dittatura che non segue il multilateralismo e non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie”. Sottolineando la necessità di cooperare, ha detto: “Ma dobbiamo anche essere aperti su cose che non condividiamo e accettiamo”.

Sebbene il contributo del Paese alla politica di espansione della Cina non sia stato sollevato nel G7, ha sottolineato che l’accordo tra i due Paesi su questa iniziativa sarà valutato con attenzione.

È pertinente notare qui che durante il vertice, i paesi del G7 hanno aiutato i paesi in via di sviluppo a confrontarsi con l’iniziativa della cintura e delle strade della Cina e il suo leader chiave, il presidente Xi Jinping. Inoltre, è stata proposta l’idea di una nuova iniziativa infrastrutturale globale chiamata Built Back Better World (P3W) per verificare la crescente influenza dell’iniziativa di cintura e strada della Cina. Confermando la notizia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato: “I dettagli del progetto sono in corso e abbiamo deciso di mettere insieme una squadra per farlo”.

La cintura cinese e lo sforzo su strada

Nel 2013, il presidente cinese Xi Jinping ha avuto l’idea di rinnovare l’antica Via della Seta e l’ha chiamata One Belt One Road (OBOR). Ha presentato OBOR come un progetto per stimolare la crescita delle infrastrutture nei paesi partecipanti e aumentare la connettività in Asia centrale, Europa e Africa, aumentando così in modo significativo il commercio. Prima del 2013, i progetti finanziati dalla Cina sono stati incorporati in OBOR. L’iniziativa OBOR è stata successivamente ribattezzata Belt and Road Attempt.

READ  L'Italia spende il 60% in più di fondi dell'UE per una migliore banda larga, dicono fonti - EURACTIV.com

Mentre attraversa il Kashmir occupato dal Pakistan, in passato l’India ha espresso preoccupazione per il corridoio economico Cina-Pakistan, il progetto di punta del PRI. Tuttavia, la Cina ha difeso la CBEC, sostenendo che si tratta di un progetto economico rivolto a qualsiasi paese terzo. Tuttavia, completare i progetti con CPEC è diventato un compito difficile anche per la Cina, con circa un terzo di questi progetti attualmente in corso.

Sebbene l’India non abbia ufficialmente risposto all’ultimo piano delle nazioni del G7 per affrontare l’iniziativa Belt and Road, si prevede che svolgerà un ruolo chiave in qualsiasi tentativo di bilanciare il drago.

(Credito-AP)