Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia è sotto pressione per aumentare l’appeal della borsa di Milano

Dopo che il mercato azionario ha perso alcuni dei suoi più grandi nomi quest’anno, tra cui la famiglia miliardaria Agnelli e la holding del calzolaio di lusso Tods, gli esperti del settore hanno avvertito che l’Italia deve fare di più per attirare le aziende alla borsa di Milano.

Exor, il veicolo di investimento di Agnelli, e il calzolaio di lusso Totes sono tra le quasi due dozzine di gruppi che quest’anno si sono ritirati dalla Borsa Italiana o hanno annunciato l’intenzione di farlo.

Mentre Exor, Dodds e Atlantia, il più grande gruppo infrastrutturale italiano e un’altra partenza di alto profilo, avevano ciascuno ragioni specifiche per uscire, le complicate regole di quotazione e il calo dei prezzi delle azioni hanno messo Borsa Italiana in una posizione di svantaggio rispetto alle borse più grandi, affermano gli analisti.

“La questione più ampia è che molte aziende trovano il mercato azionario di Milano più attraente rispetto ad altri paesi”, ha affermato Giancarlo Giudici, professore di finanza aziendale alla School of Management del Politecnico di Milano.

“Trattare con le autorità di regolamentazione locali è una cosa, i requisiti sono complessi quanto le procedure”, ha aggiunto.

Il principale indice del mercato azionario italiano, l’indice FTSE MIB, quest’anno è sceso di circa il 20%, sovraperformando altri importanti indici europei.

Quest’anno il ministero delle finanze italiano ha cercato di rivedere le regole che disciplinano le offerte pubbliche iniziali nel tentativo di aumentare le quotazioni. Ad esempio, ad agosto è stato eliminato l’obbligo di traduzione in italiano di tutti i prospetti IPO, snellendo il processo di quotazione in borsa.

READ  L'Italia investe 30 miliardi di euro in istruzione e ricerca nel suo piano di ripresa - EURACTIV.com

Anche Borsa Italiana, che nel 2020 ha venduto alla London Stock Exchange Euronext per 4,3 miliardi di euro, quest’anno non ha avuto successo. Ha attratto 20 aziende, con Technoprobe, produttore di apparecchiature di prova per semiconduttori, la più grande nuova azienda con un valore di mercato di 4,4 miliardi di euro.

Sebbene non ci siano società tecnologiche significative, la borsa è di proprietà di diversi gruppi di lusso, che riflettono il loro status nell’economia nazionale.

Moncler, Brunello Cucinelli e Salvatore Ferragamo sono tutti quotati su Borsa Italiana, mentre Prada sta esplorando una quotazione secondaria a Milano. Anche il gruppo Only the Brave di Renzo Rosso, patria di marchi come Marni, Diesel e Jil Sander, punta a diventare pubblico a Milano entro il 2024.

Guglielmo Manetti, amministratore delegato di Intermonte, banca d’affari con sede a Milano, ha affermato che mentre Borsa Italiana si rivolgeva alle aziende di medie dimensioni, erano necessari cambiamenti più radicali per attirare le aziende più grandi.

Ad esempio, l’Italia non ammette azioni con diritto di voto elevato, come fanno molti mercati. “Questo ha attirato grandi aziende italiane come Exor a rimuovere dalla borsa di Milano e trasferirsi alla borsa olandese”, ha detto Manetti.

Fabrizio Testa, amministratore delegato di Borsa Italiana, ha convenuto che “dobbiamo cambiare continuamente processi, regole e leggi per rispondere alle esigenze degli imprenditori”.

“Il gruppo di lavoro coordinato dal Tesoro italiano ha raggiunto un consenso unanime sulla necessità di adottare misure per semplificare le regole”, ha detto al Financial Times.

Borsa Italiana è attualmente in attesa del via libera dal regolatore nazionale per implementare le modifiche alle sue regole di quotazione.

READ  L'"alternativa Venezia" rivela la meraviglia italiana che pochi turisti conoscono

La maggior parte delle società di Borsa Italiana sono di piccole e medie dimensioni. “L’Italia è un paese di PMI”, ha affermato Testa, aggiungendo che parti della Borsa di Milano “rappresentano l’eccellenza del sistema imprenditoriale italiano” ed “esprimono molto bene il valore del mercato italiano”.

Ma lo scambio deve far fronte alla crescente concorrenza del settore del private equity e di altre società di investimento per le piccole e medie imprese.

Negli ultimi due anni, la società di acquisizione InvestIndustrial ha acquisito il gruppo di confezionamento Kuala Closures e il produttore di salsa di pomodoro La Doria. Il mese scorso, il produttore di laser Prima Industries è stato acquisito da Alpha Partners e Peninsula Capital Partners. Tutte e tre le società erano precedentemente quotate alla Borsa Italiana.

“Il multiplo medio per le acquisizioni di private equity è 11 o 12 volte l’EBITA, rispetto agli otto o nove volte multipli di Borsa Italiana”, ha affermato Manetti.

Secondo un rapporto pubblicato questo mese da Aifi, il gruppo di lobby del settore italiano, e dai contabili PwC, gli investimenti di buyout e società di venture capital sono più che raddoppiati nella prima metà dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2021.

Prendendo atto delle minacce, Testa ha detto: “Abbiamo avviato il processo di riforma delle regole di borsa e deve continuare”.