Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia è a conoscenza di diversi potenziali offerenti per una raffineria di proprietà di Lukoil

ROMA (Reuters) – Il ministro dell’Industria italiano ha detto a Reuters giovedì che Roma è a conoscenza di diversi potenziali offerenti, sia nazionali che internazionali, per l’acquisto di una raffineria di proprietà della siciliana Lukoil.

Lukoil (LKOH.MM) Lo stabilimento ISAB dell’isola lavora un quinto del greggio italiano e impiega direttamente circa 1.000 persone in una regione economicamente depressa dell’estremo sud del Paese.

La raffineria ISAB ha fatto affidamento soprattutto sul greggio russo negli ultimi mesi e ora non è in grado di reperire materie prime core dopo l’entrata in vigore del divieto UE il 5 dicembre.

Il ministro Adolfo Urso ha detto a Reuters che qualsiasi accordo per la vendita dell’impianto sarà soggetto al vaglio del governo ai sensi della cosiddetta Golden Energy Regulation e che Roma è pronta a stabilire obblighi per qualsiasi potenziale acquirente, anche in materia di tutela ambientale.

Ha detto che fino a dieci acquirenti erano interessati a rilevare l’impianto, ma ha rifiutato di nominare nessuno di loro.

Reuters ha riferito la scorsa settimana che la società di private equity statunitense Crossbridge, sostenuta dal commerciante di materie prime svizzero Vitol, era vicina a un accordo del valore di poco meno di 1,5 miliardi di euro ($ 1,6 miliardi) per vendere ISAB.

Orso ha rifiutato di commentare i rapporti sui negoziati con Crossbridge.

All’inizio di questo mese, il governo ha elaborato un piano che consentirebbe di affidare la raffineria a fiduciari, nel tentativo di evitarne la chiusura a causa dell’embargo sul petrolio russo.

(Segnalazione di Angelo Amanti; Montaggio di Gianluca Cemraro/Keith Ware)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.