Gennaio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia deve entrare nel XXI secolo

Lo scrittore è professore alla Booth School of Business dell’Università di Chicago

Sotto gli occhi benevoli del governo Draghi, il gruppo di private equity statunitense KKR ha fatto un’offerta per Telecom Italia, una delle ultime grandi aziende italiane. Italia ottavo più grande L’economia mondiale ha solo sei società in Fortune Global 500Tre di loro sono controllati dallo stato. Questo rispetto a Sette Per la Spagna, la cui economia è al 14° posto nel mondo in termini di PIL, e al 26° per la Francia, che è al settimo posto.

Alcuni incolpano i successivi governi italiani di non aver resistito alle acquisizioni straniere. Notano che il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel ha impedito alla Fiat di acquistare Opel nel 2009 e il presidente francese Emmanuel Macron ha ritardato l’acquisizione della STX da parte di Fincantieri nel 2017.

Altri considerano quest’ultima offerta un segno dell’eventuale vittoria del mercato unico europeo. Ma vedo l’incapacità dell’economia italiana di entrare nel ventunesimo secolo.

Il problema non è che le aziende straniere stanno acquisendo aziende italiane. Sembra che gli imprenditori in Italia non siano in grado di costruire aziende competitive nell’economia globale.

perché? Primo, gli imprenditori italiani sono maniaci del controllo. Per mantenere il controllo di maggioranza delle società che creano, costruiscono fragili strutture gerarchiche, le sovraccaricano di debiti e alla fine non si espandono molto oltre i confini dell’Italia, perché per farlo è necessario utilizzare le azioni per pagare i costi di acquisizione.

Questa ossessione per il controllo non è solo un problema psicologico. Il controllo delle società in Italia è molto apprezzato, perché chi le possiede può facilmente avvantaggiarsi degli azionisti di minoranza senza timore di ritorsioni legali. Anticipando questi rischi, i risparmiatori sono restii a investire in borsa ea finanziare l’espansione delle imprese italiane.

READ  L'ascesa di Wall Street si è interrotta durante una settimana di riunioni della banca centrale

Il secondo motivo della scarsa performance è il rapporto parassitario tra le grandi aziende locali e lo Stato italiano. Per decenni Fiat è stata largamente al riparo dalla concorrenza giapponese, mentre negli anni ’90 lo era Olivetti è stata premiata Una seconda licenza di telefonia mobile da parte di un governo solidale.

Questa relazione parassitaria ha raggiunto il suo culmine quando Silvio Berlusconi era al potere, prima a metà degli anni ’90 e poi di nuovo nei primi anni 2000. La strategia di comunicazione del Paese era subordinata agli interessi privati ​​del primo ministro miliardario. Le aziende italiane erano abituate a fare profitti veloci in patria grazie ai loro legami politici e non erano disposte a correre i rischi necessari per avere successo nel mercato globale.

La convinzione che “piccolo è bello” ha anche impedito alle aziende italiane di realizzare le economie di scala necessarie per il successo globale. L’Italia ha inventato la pizza, per esempio, ma non ha ancora una grande catena di pizzerie. Il concetto del caffè è di origine italiana, ma il paese non ospita una catena di caffè significativa. Il paese è una delle più grandi destinazioni turistiche del mondo, ma non ha una grande catena di hotel. Mentre l’Italia è una delle capitali mondiali della moda, è anche la più grande azienda di moda di proprietà italiana Solo 17° al mondo Secondo il valore di mercato.

Infine, considera l’incapacità di creare università di livello mondiale. Il successo di Montecatini e Olivetti negli anni ’60 è stato trainato dalla tecnologia sviluppata nelle università italiane. Ma chi ricorda l’ultima azienda italiana che ha prosperato grazie alla tecnologia sviluppata dai ricercatori a casa? Nel Classifica 2021 Shanghai delle università mondiali, nessuna istituzione italiana è tra le prime 150.

READ  La Roma prende Tammy Abraham dal Chelsea

Molti di questi problemi sono in corso da decenni. Tuttavia, gli sforzi per affrontarlo sono stati limitati. Accogliamo con favore le riforme per accelerare i processi civili, ma uno sfortunato inconveniente è che la prescrizione per i reati penali è ridotta, il che aiuta gli imprenditori corrotti a sfuggire alla punizione per i loro crimini.

Inoltre, non solo l’afflusso di denaro fornito dal Next Generation Recovery Program dell’UE rafforza la relazione parassitaria tra imprese e governo, ma il modo in cui il denaro viene speso perpetua il ciclo di dipendenza. Sono stati stanziati circa 11 miliardi di euro per promuovere la ricerca universitaria, ma questo rappresenta ben al di sotto dell’1 per cento del PIL e non copre nemmeno divario annuale in ricerca e sviluppo tra l’Italia e il resto d’Europa. Non c’è nessun serio tentativo, per quanto posso, di aiutare le aziende italiane a sviluppare economie di scala per competere nel mercato mondiale.

Per vincere la sfida della competizione globale nel XXI secolo, l’Italia non deve ostacolare un processo di distruzione creativa. Dovrebbe invece favorire lo sviluppo di nuovi colossi capaci di conquistare il mondo. Se i fondi dell’UE per il recupero di nuova generazione non verranno utilizzati per aiutare in questo processo, si perderà una grande opportunità per l’economia italiana.