Febbraio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia consentirà il ritorno di ChatGPT se OpenAI intraprenderà “misure efficaci”

L’Italia consentirà il ritorno di ChatGPT se OpenAI intraprenderà “misure efficaci”

ROMA, 18 aprile (Reuters) – Il garante italiano per la protezione dei dati è pronto a consentire il ritorno del chatbot ChatGPT alla fine di aprile se il suo creatore OpenAI intraprenderà “misure efficaci” per affrontare le preoccupazioni dell’agenzia, ha affermato il capo dell’autorità Pasquale Stancione. L’intervista è stata pubblicata martedì.

OpenAI, supportato da Microsoft Corp ( MSFT.O ), ha portato ChatGPT offline in Italia alla fine di marzo dopo che il watchdog ha temporaneamente vietato il trattamento dei dati personali e ha aperto un’indagine per sospette violazioni delle norme sulla privacy.

“Siamo pronti a riaprire ChatGPT il 30 aprile se la parte di OpenAI è disposta a prendere provvedimenti efficaci. Penso che sia dalla parte dell’azienda, vediamo”, ha detto Stancione al Corriere della Sera.

La scorsa settimana l’ente per la protezione dei dati guidato da Stancione ha presentato un elenco di richieste che OpenAI deve soddisfare entro il 30 aprile per rispondere alle sue preoccupazioni.

L’Italia è stato il primo paese dell’Europa occidentale a regolamentare ChatGPT, ma la sua rapida crescita ha attirato l’attenzione di legislatori e regolatori in diversi paesi.

Lunedì i legislatori dell’UE hanno esortato i leader mondiali a tenere un vertice per trovare modi per frenare lo sviluppo di sistemi avanzati di intelligenza artificiale (AI) come ChatGPT.

Stanzione ha affermato che l’Italia ha agito unilateralmente per vietare ChatGPT perché era necessaria un’azione urgente.

“Ottenere una decisione europea avrebbe causato un ritardo di almeno tre o quattro mesi”, ha aggiunto.

Scritto da Francesca Biccioneri, montaggio di Sempre Armellini

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.