Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia avverte di frenare il debito – Mondo

L’Italia avverte di frenare il debito – Mondo

Il premier italiano Giorgia Meloni [Photo/Agencies]

Il governo italiano ha emesso terribili avvertimenti per rimettere in ordine le proprie finanze dopo che è stato rivelato che il debito pubblico italiano potrebbe rappresentare il 145% del PIL del paese.

Il duro messaggio è stato inviato dal Fondo monetario internazionale o FMI. Ha osservato come l’economia italiana si sia ripresa dalla duplice sfida dell’aumento dei prezzi dell’energia e della pandemia, ma nel 2023 la crescita del PIL è rallentata allo 0,9%, in calo rispetto allo 0,6% su base annua del primo trimestre. quest’anno e una previsione dello 0,7% per il 2025.

Livelli elevati di debito pubblico non favoriscono gli investimenti del settore privato e le proiezioni del FMI mostrano che il debito raggiungerà il 140% del PIL quest’anno e il 145% entro il 2025.

“Negli ultimi anni, l’Italia ha registrato una ripresa relativamente forte, che, insieme ad una sorpresa sull’inflazione, ha temporaneamente migliorato le prospettive fiscali”, ha affermato Vitor Casper, direttore del Dipartimento Affari Finanziari del FMI.

“Ma andando avanti, le dinamiche non sono favorevoli, si prevede che la crescita economica rallenterà e poi riprenderà, ma rimarrà lenta, mentre il costo effettivo del finanziamento del debito aumenterà”.

Oltre alle sfide economiche più ampie che tutti i paesi devono affrontare, l’Italia ha uno dei tassi di natalità più bassi nell’Unione Europea, la sua popolazione sta invecchiando più velocemente di molti dei suoi vicini e riserva sfide future.

I dati governativi citati dal sito Euronews mostrano che l’Italia avrà una media di 1,24 figli per donna nel 2022, scendendo a 1,20 nel 2023, e ai ritmi attuali, la popolazione scenderà di quasi un milione, arrivando a 59 milioni nel 2030.

Il FMI ha avvertito che, a meno che non vengano apportati cambiamenti significativi, il limitato respiro dell’economia la renderà vulnerabile all’interruzione delle catene di approvvigionamento o ai movimenti estremi dei prezzi delle materie prime causati da eventi globali come i conflitti regionali. Ha aggiunto che quello che ha definito un “aggiustamento fiscale più rapido del previsto” è “garantito”.

All’inizio di quest’anno, il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha annunciato piani molto controversi per vendere il servizio postale del paese, che in precedenza aveva dichiarato essere la “corona” che dovrebbe rimanere nelle mani del governo nel tentativo di affrontare la sfida del debito.

Sono disponibili anche azioni della società ferroviaria Ferrovi dello Stato e del colosso energetico Eni, nonché azioni della redditizia Post Italiana, che opera nel settore assicurativo e bancario.

Il governo di destra Meloni spera di raccogliere circa 20 miliardi di euro (21,7 miliardi di dollari) entro il 2026 vendendo azioni della compagnia postale. “Possiamo vendere alcune azioni di società pubbliche senza compromettere il controllo pubblico”, ha affermato.

Ma Nicola Nobile, capo economista italiano presso Oxford Economics, ha affermato che le privatizzazioni parziali sono “una goccia nell’oceano – non riducono il rischio di vedere un aumento del debito… Non sono una soluzione strutturale; cambiare il quadro generale”. .

READ  Come clonare un telefono senza toccarlo