Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia afferma che la tassa digitale durerà altri due anni dopo la ratifica dell’accordo fiscale del G20

Il ministro dell’Economia italiano Daniel Franco parla con il primo ministro italiano Mario Draco (nella foto) durante una conferenza stampa congiunta il 29 settembre 2021 a Roma sui nuovi obiettivi finanziari del governo.

WASHINGTON/ROMA, 13 ottobre (Reuters) – I leader finanziari del G20 hanno approvato mercoledì un accordo fiscale globale che cerca di rimuovere le tasse unilaterali sui servizi digitali, ma hanno affermato che potrebbero volerci due anni per rimuovere la tassa digitale imposta dal ministro dell’Economia italiano. Roma

Alphabet Inc. (GOOGL.O) Google, Facebook Inc. (FB.O), Amazon.com Inc (AMZN.O) e Apple Inc (AAPL.O) sono tra i 136 paesi internazionali che la scorsa settimana hanno rimosso le tasse sui servizi digitali. Siti tecnologici statunitensi Potrebbe diventare una nuova fonte di tensione con Washington dopo aver accettato di ristrutturare la tassazione delle imprese.

Il ministro dell’Economia italiano Daniel Franco, dopo aver presieduto il vertice del G20, ha affermato che Roma rinvierà la sua tassa digitale fino al 1524 imponendo un’imposta sulle società minima del 15% e ridistribuendo i diritti fiscali a società multinazionali un po’ più grandi e più redditizie.

Il Accordo La sua attuazione è prevista entro la fine del 2023 e vieta l’immediata imposizione di nuove tasse digitali, ma non specifica i tempi per la rimozione delle tasse digitali esistenti. “Si stanno discutendo rapidamente accordi provvisori”, osserva.

I funzionari statunitensi hanno cercato di accelerare la rimozione delle tasse digitali esistenti a seguito dell’accordo.

Franco ha affermato che le tasse digitali nazionali sono sempre state “soluzioni non ottimali” e che si aspetta che altri paesi seguano l’esempio nell’abrogarle.

“Ci aspettiamo che le tasse nazionali unilaterali vengano eliminate entro il 2024”, ha detto in una conferenza stampa.

READ  Italia: Capitano della Marina arrestato per intelligence filo-russa / Ufficiale russo - Uomo catturato in un telefono trasparente mentre consegnava documenti segreti della NATO all'Internazionale

I funzionari del Tesoro degli Stati Uniti hanno dichiarato lunedì che sperano che i colloqui sull’eliminazione delle tasse digitali alla fine elimineranno la necessità per gli Stati Uniti di attuare tariffe di ritorsione su Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Austria, India e paesi tassanti. Tacchino. Per saperne di più

L’USDR ha preparato le commissioni, ma le ha immediatamente fermate per negoziare un accordo fiscale globale. La sospensione scade il 28 novembre.

Franco Italia attualmente riscuote circa 250 milioni di euro (290 milioni di dollari) in tasse digitali all’anno, in base alle entrate dei servizi digitali venduti nel paese.

Ha detto che l’Italia riscuoterà almeno una parte delle entrate dal nuovo regime fiscale, che consentirebbe ai paesi del mercato di tassare il 25% dei profitti al di sopra del margine del 10% basato sulle vendite locali di aziende con un fatturato di oltre $ 20 miliardi. .

Questo accordo è progettato per catturare le entrate fiscali dalle principali società tecnologiche americane e da altri settori.

Il Council of Information Technology Industry, un organismo commerciale che rappresenta le aziende tecnologiche statunitensi, ha affermato di aver accolto con favore l’approvazione del G20 del Global Tax Agreement, che si impegna a non imporre nuove tasse sui servizi digitali.

“Poiché sono ancora in vigore molte misure fiscali unilaterali sui servizi digitali, continuiamo a chiedere alle aziende di effettuare il ritiro urgente per fornire la certezza e le previsioni richieste”, ha dichiarato Jason Oxman, amministratore delegato del gruppo.

(1$ = 0,8622 euro)

Relazione di David Lauder e Kevin Jones; Modifica Peter Cooney

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.

READ  La prima reazione di Andrea Birlow dopo che la stampa italiana riporta che Cristiano Ronaldo lascerà la Juventus