Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’IPO di Oslo di Vaar Energi potrebbe valutare lo spin-off di Eni in 9 miliardi di dollari

Il logo dell’azienda energetica italiana Eni è presente in una stazione di servizio a Roma, 30 settembre 2018. REUTERS/Alessandro Bianchi

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

OSLO, 4 feb. (Reuters) – La società petrolifera e del gas Vaar Energi ha dichiarato venerdì che la quotazione in borsa prevista a Oslo questo mese potrebbe valutare lo spin-off di Eni fino a 79 miliardi di corone norvegesi (9,1 miliardi di dollari).

Il prezzo propagandato potrebbe rendere Vaar il terzo nuovo ingresso nel mercato azionario norvegese più grande di tutti i tempi, superato solo dall’offerta pubblica iniziale (IPO) del 2001 della società petrolifera Equinor (EQNR.OL) e dalla quotazione del 2021 della società di robotica per magazzini AutoStore (AUTO. OL).

Eni il mese scorso ha annunciato l’intenzione di quotare Vaar sul mercato azionario norvegese di Euronext, una delle numerose mosse del gruppo energetico italiano per liberare liquidità dalle tradizionali attività di combustibili fossili per finanziare la sua spinta ecologica.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Vaar ha detto venerdì che le sue azioni sarebbero state vendute tra 28 e 31,5 corone norvegesi ciascuna, valutando la società tra 70 e 79 miliardi di corone, con l’obiettivo di iniziare a negoziare a febbraio. 16.

L’offerta comprenderà inizialmente l’8,8% delle azioni di Vaar, con un’opzione per aumentare la dimensione dell’IPO al 12,7% delle azioni, ha affermato Vaar.

Eni ora possiede il 69,85% di Vaar e ha detto che rimarrà un azionista di maggioranza. L’investitore di private equity HitecVision, il partner junior della joint venture, detiene il restante 30,15%.

READ  North Sea Company per trovare East Aberdeen con il gigante italiano

Le IPO del settore petrolifero sono state una vendita difficile negli ultimi anni, con società di alto profilo come Wintershall DEA e Neptune Energy che hanno ripetutamente ritardato le quotazioni. Ma i prezzi del petrolio e del gas sono recentemente aumentati, ravvivando l’appetito degli investitori.

Venerdì, Vaar ha aumentato il dividendo previsto per il 2022 a un minimo di $ 800 milioni dai $ 700 milioni annunciati il ​​mese scorso. Di questo, il pagamento pianificato per il primo trimestre sarà di $ 225 milioni, rispetto ai $ 200 milioni previsti in precedenza, ha affermato.

Vaar ha prodotto circa 247.000 barili di petrolio equivalenti a un giorno nel terzo trimestre del 2021 e punta a circa 350.000 barili al giorno entro la fine del 2025.

I consulenti finanziari coinvolti nell’IPO sono DNB Markets, JP Morgan, Morgan Stanley, SpareBank 1 Markets, ABG Sundal Collier, BofA Securities, Carnegie, Jefferies e Pareto Securities.

($ 1 = 8,6999 corone norvegesi)

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage di Terje Solsvik; Montaggio di Kim Coghill e Edmund Blair

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.