Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’inviato delle Nazioni Unite afferma che il conflitto tra Israele e Hamas sta spingendo il mondo in un pericoloso abisso

L’inviato delle Nazioni Unite afferma che il conflitto tra Israele e Hamas sta spingendo il mondo in un pericoloso abisso
  • Un funzionario delle Nazioni Unite ha avvertito che l’escalation del conflitto tra Israele e i militanti palestinesi di Hamas sta spingendo il Medio Oriente sull’orlo di un “abisso profondo e pericoloso”.
  • Ha detto: “Questo è uno dei momenti più difficili che il popolo israeliano e palestinese hanno affrontato negli ultimi 75 anni”.

Persone ispezionano i resti di un edificio distrutto dopo il bombardamento israeliano a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, il 18 ottobre 2023.

Prosciutti Mahmoud | Afp | Immagini Getty

L’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente ha avvertito che l’escalation del conflitto tra Israele e il militante palestinese Hamas sta spingendo la regione del Medio Oriente sull’orlo di un “pericoloso abisso”, con il rischio di un’escalation del conflitto.

Tor Wennesland, coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, teme che “il mondo sia sull’orlo di un abisso profondo e pericoloso che potrebbe cambiare il corso del conflitto israelo-palestinese”.

Nel suo discorso prima della conferenza ha detto: “Questo è uno dei momenti più difficili che il popolo israeliano e palestinese hanno dovuto affrontare negli ultimi 75 anni”. Nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU Tramite collegamento video.

Il 7 ottobre, i militanti di Hamas hanno lanciato un attacco su più fronti via terra, mare e aria e si sono infiltrati in Israele, uccidendo più di 1.000 persone e rapendo 200 persone, compresi bambini e anziani.

In risposta, Israele ha risposto con attacchi aerei sulla Striscia di Gaza, l’enclave palestinese governata da Hamas. Da allora l’enclave è stata sottoposta per diversi giorni a bombardamenti aerei.

Wennesland ha avvertito che gli sviluppi avvenuti da allora “hanno contribuito a riaccendere le lamentele e a rivitalizzare le alleanze in tutta la regione”.

Ha aggiunto che il rischio di espandere il conflitto è “molto reale e molto serio”.

Agenzie per i diritti umani Amnesty International ha condannato l’aggravarsi della crisi umanitaria a Gaza, dove cibo, acqua ed elettricità stanno finendo dopo che Israele ha tagliato le forniture.

Martedì sera, l’ospedale Al-Ahli di Gaza City è stato bombardato, uccidendo centinaia di persone e innescando proteste in tutto il Medio Oriente e oltre. L’ospedale fungeva da rifugio per coloro che cercavano riparo dai raid aerei israeliani.

Maggiore copertura da parte della CNBC sulla guerra tra Israele e Hamas

Il bilancio delle vittime dell’escalation del conflitto continua a salire, con oltre 1.400 persone uccise in Israele e 3.500 ferite, secondo l’ufficio stampa del governo. Nel frattempo, il Ministero della Sanità palestinese ha riferito che più di 3.300 persone sono state uccise a Gaza e circa 12.500 altre sono rimaste ferite.

In comunicato stampaWensland ha affermato che gli incontri con i leader egiziani si sono concentrati sulla facilitazione degli aiuti umanitari attraverso il valico di Rafah, Si trova al confine tra Gaza e l’Egitto ed è l’unico punto di passaggio tra l’Egitto e la Striscia di Gaza.

“Il prossimo passo deve essere un impegno collettivo per porre fine alle ostilità e prevenire l’espansione del conflitto nella regione”, ha affermato Wennesland.