Luglio 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’intero telescopio James Webb distribuito nello spazio | notizie spaziali

Il James Webb Space Telescope ha completato la sua fase di spiegamento di due settimane, rivelando la sua massiccia lastra a specchio placcata in oro a forma di fiore mentre si prepara a studiare ogni fase della storia cosmica.

I team di ingegneri dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, hanno esultato quando la NASA ha annunciato su Twitter che la parte finale dello specchio da 6,5 ​​metri (21 piedi) era stata dispiegata.

“Sono emozionato per questo – che incredibile pietra miliare”, ha detto Thomas Zurbuchen, ingegnere capo della NASA, durante il flusso video in diretta di sabato mentre gli osservatori delle stelle di tutto il mondo hanno celebrato.

“Stiamo vedendo questo bellissimo schema lassù nel cielo ora.”

Più potente del telescopio spaziale Hubble, il Webb da 10 miliardi di dollari esplorerà l’universo alla ricerca di luce proveniente dalle prime stelle e galassie che si sono formate 13,7 miliardi di anni fa. Per raggiungere questo obiettivo, la NASA ha dovuto dotare Webb dello specchio più grande e sensibile mai lanciato: il suo “occhio d’oro”, come lo chiamano gli scienziati.

Poiché il telescopio era troppo grande per entrare nel cono del razzo nella sua configurazione operativa, è stato spostato piegato verso l’alto.

L’operazione Unfurling è stata un’attività complessa e impegnativa, il progetto più scoraggiante di sempre, secondo la NASA.

James Webb, Project Manager del telescopio spaziale, Bill Ochs, a sinistra, e il direttore della messa in servizio John Dorning, a destra, festeggiano [Bill Ingalls/NASA via AFP]

In questa immagine rilasciata dalla NASA, il project manager del James Webb Space Telescope Bill Ochs, a sinistra, e il direttore della messa in servizio John Dorning, a destra, festeggiano, [Bill Ingalls/NASA via AFP]

READ  La calotta glaciale della Groenlandia si sta sciogliendo dal basso verso l'alto

Webb ha lanciato un missile Ariane 5 dalla Guyana francese il 25 dicembre ed è in viaggio per orbitare a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Sebbene Webb raggiungerà la sua destinazione spaziale, nota come Lagrange Point II, ha ancora circa cinque mesi e mezzo per prepararsi.

I passaggi successivi includono l’allineamento dell’ottica del telescopio e la calibrazione dei suoi strumenti scientifici.

i confini dell’universo

Venerdì i controllori di volo di Baltimora hanno iniziato ad aprire lo specchio principale, aprendo il lato sinistro come un tavolo con le ali pieghevoli.

Questo specchio è realizzato in berillio, un metallo leggero, resistente e resistente al freddo. Ciascuna delle sue 18 parti è ricoperta da uno strato estremamente sottile di oro, altamente riflettente della luce infrarossa. Gli esagoni delle dimensioni di un tavolino da caffè dovranno essere adattati nei prossimi giorni e settimane in modo che possano concentrarsi su stelle, galassie e mondi alieni che potrebbero portare segni atmosferici di vita.

Lo schermo solare sarà posizionato permanentemente tra il telescopio e il sole, la Terra e la Luna, con il lato rivolto verso il sole costruito per resistere a 110°C (230°F).

La luce visibile e ultravioletta emessa dai primi oggetti luminosi è stata allungata a causa dell’espansione dell’universo, e oggi arriva sotto forma di radiazione infrarossa, che Webb era in grado di rilevare con una chiarezza senza precedenti. La sua tecnologia a infrarossi darà agli astronomi una nuova visione dell’universo primordiale.

Se tutto va bene, quest’estate inizieranno le osservazioni scientifiche. Gli astronomi sperano di tornare indietro di 100 milioni di anni dalla formazione del Big Bang, più vicino di quanto realizzato da Hubble.

READ  Gli scienziati hanno concluso che le cime di Plutone sono vulcani di ghiaccio di Plutone

La sua missione include anche lo studio di pianeti lontani per determinarne l’origine, l’evoluzione e l’abitabilità.

Il blog del telescopio della NASA ha affermato che l’azione di sabato è stata “l’ultimo grande dispiegamento all’osservatorio”.

“Il suo completamento aprirà la strada ai restanti cinque mesi e mezzo di funzionamento, che consistono nella stabilizzazione a una temperatura operativa stabile, nell’allineamento degli specchi e nella calibrazione degli strumenti scientifici”.