Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'”influenza russa” ha ucciso 700.000 persone nel 1977 e molti scienziati ora credono che possa essere stata causata da una perdita di laboratorio

Nel 1977 scoppiò un’influenza nel nord-est della Cina e alla fine si diffuse in Russia e poi in tutto il mondo. Alla fine ha causato la morte di quasi 700.000 persone in tutto il mondo, la maggior parte delle quali erano giovani. Divenne nota come “influenza russa” perché la Russia fu il primo paese a segnalarlo all’Organizzazione mondiale della sanità. Gli scienziati che hanno esaminato il suo DNA hanno concluso che era quasi identico a un precedente ceppo di virus dell’influenza che ha causato epidemie tra il 1949 e il 1950.

In natura, l’influenza non rimane la stessa per 27 anni mentre si diffonde. Quindi il fatto che “Russian Flu” fosse quasi identico al ceppo precedente alla fine ha portato alla conclusione che l’influenza russa era molto probabilmente il risultato di una fuga di laboratorio o forse di un tentativo fallito. Vaccinazione di persone con virus vivo attenuato.

in un documento di ricerca pubblicato nella rivista natura Nel 1978, un team di scienziati della City University di New York ha scoperto che il virus del 1977 era genomicamente simile al virus del 1950, come se l’evoluzione virale si fosse congelata nel tempo.

Potrebbe essere possibile che una mutazione accidentale si evolva in modo simile a una variante del passato, ma gli scienziati hanno ritenuto non ragionevole ipotizzare che tali mutazioni di fondo abbiano prodotto per caso un ceppo molto simile a qualcosa che circolava 27 anni fa.

Questa parte successiva è molto sorprendente alla luce di attualità:

Uno studio del 1978 condotto da ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze mediche ha mostrato che il virus infetta principalmente le persone di età inferiore ai 20 anni, supportando la teoria secondo cui le persone di età superiore a quell’età erano già state esposte allo stesso virus in precedenza, e quindi hanno sviluppato l’immunità. .

Tuttavia, nello stesso documento, il team ha respinto la teoria della perdita di laboratorio in una frase, osservando che nessuno dei “laboratori coinvolti” aveva immagazzinato o lavorato con H1N1 a lungo.

Ma come Questo documento è del 2015. Mostra che la perdita in vitro (o in alternativa il fallimento degli sforzi di immunizzazione con un virus vivo attenuato) è ora considerata la spiegazione più probabile per l’influenza russa poiché le spiegazioni alternative sono state trovate poco convincenti. Di nuovo, controlla se questo non suona familiare:

Un errore di biosicurezza in un laboratorio di ricerca è ora spesso citato come causa della ricomparsa del ceppo del virus dell’influenza H1N1 (Fig. 2) nel 1977-1978 (Fig. 2). L’evidenza a favore di questa possibilità è l’apparente origine anormale del virus e la sua sensibilità alla temperatura, suggerendo una manipolazione di laboratorio. Tuttavia, al momento della pandemia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha escluso la possibilità di un incidente di laboratorio dopo aver discusso con i ricercatori dei laboratori sui virus dell’influenza in Unione Sovietica e in Cina, e ha scoperto che “i laboratori in questione non hanno mai tenuto il virus H1N1 o hanno funzionato con esso per molto tempo.”

C’è un grafico che mostra quante teorie sono state proposte e discusse dai ricercatori nel corso degli anni. Dal 2008, circa la perdita in laboratorio sembra essere la spiegazione dominante:

READ  Fisica: gli scienziati stanno acquisendo le immagini di atomi con la più alta risoluzione mai vista

Ma l’autore dell’articolo sembra pensare che il rilascio sia probabilmente il risultato di una sperimentazione su un vaccino utilizzando un virus vivo attenuato, cosa che non era. abbastanza debole.

Due fattori suggeriscono che la pandemia del 1977 sia stata causata da un vaccino o da esperimenti: (1) la ricerca sul virus vivo attenuato dell’influenza (LAIV) era estesa all’epoca e (2) l’epidemia di influenza suina H1N1 nel 1976 si temeva fosse un potenziale pandemia e ha portato a un rinnovato interesse per la prevenzione e la ricerca contro l’H1N1 (12).

Tra il 1962 e il 1973, circa 40.000 bambini hanno partecipato a otto studi LAIV in Unione Sovietica (13). Gli scienziati del Beijing Vaccine and Serum Institute in Cina hanno anche condotto studi clinici utilizzando vaccini vivi durante lo stesso periodo di tempo (1). Inoltre, ci sono registrazioni della produzione di massa di un vaccino H1N1 vivo a Odessa, URSS, nel 1977 (14, 15). Nei primi giorni della ricerca negli anni ’40, i LAIV erano spesso in grado di ripristinare la virulenza quando somministrati all’uomo e causare malattie (16). Inoltre, molti ceppi isolati dall’epidemia del 1977 (ad esempio, l’isolato A/Tientsin/78/77) erano sensibili alla temperatura (ts), il che significa che il virus non poteva replicarsi a temperature più elevate. La sensibilità alla temperatura si verifica generalmente solo dopo una serie di manipolazioni di laboratorio, tipiche nella generazione di LAIV, e utilizzate come biomarcatore di attenuazione. Sebbene non tutti i ceppi 1977-1978 fossero sensibili alla temperatura, il confronto di tutti i ceppi 1977 mostra una maggiore prevalenza del fenotipo ts rispetto ai ceppi 1950, supportando l’affermazione che l’epidemia potrebbe essere stata causata da tentativi di attenuazione a scopo vaccinale (1). , 17).

Qualunque sia la causa esatta, la maggior parte degli esperti ora crede che l'”influenza russa” del 1977 sia stata causata da un virus che è stato raccolto intorno al 1950, lavorato in un laboratorio e poi rilasciato di nuovo nel mondo per caso. I russi e i cinesi negarono di aver fatto qualcosa del genere e l’Organizzazione mondiale della sanità all’epoca sostenne questa smentita, ma tre decenni dopo la maggior parte degli studiosi ora crede che la smentita debba essere sbagliata. I virus dell’influenza non vanno in letargo per 27 anni e poi improvvisamente causano un focolaio immutato.

READ  SpaceX Crew-2 lancia gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale