Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’inflazione è scesa in Spagna e Italia

L’inflazione è scesa in Spagna e Italia

I dati preliminari hanno mostrato che il tasso di inflazione è sceso in due delle maggiori economie della zona euro nel mese di giugno.

Spagna Istituto Nazionale di Statistica Ha detto che l’inflazione annuale dei prezzi al consumo è stata del 3,4% a giugno, in calo rispetto al massimo di un anno del 3,6% di maggio. Tuttavia, è stato leggermente superiore alle aspettative, con la maggior parte degli analisti che si aspettavano il 3,3%.

Questa diminuzione è dovuta principalmente al rallentamento dei prezzi dei prodotti alimentari e del carburante, che ha compensato l’aumento dei costi dei servizi di intrattenimento e culturali mentre la Spagna entra nella sua principale stagione turistica estiva.

Il tasso di inflazione di fondo, che esclude voci volatili come energia e alimentari, è rimasto invariato al 3%, mentre l’indice armonizzato dei prezzi al consumo è sceso dal 3,8% al 3,5%.

Tutti i paesi dell’UE utilizzano la stessa metodologia per calcolare l’indice armonizzato dei prezzi al consumo.

In Francia l’inflazione è stata stimata in precedenza Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici L’inflazione annuale dovrebbe raggiungere il 2,1% a giugno, rispetto al 2,3% di maggio. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo è sceso dal 2,6% al 2,5%.

Come in Spagna, il calo è stato determinato dal calo dei prezzi dei prodotti alimentari ed energetici ed è stato sostanzialmente in linea con le aspettative.

In Italia, l’indice dei prezzi al consumo è rimasto invariato allo 0,8%, deludendo le aspettative degli analisti di un leggero aumento all’1%. In Italia l’IPCA è salito allo 0,9% dallo 0,8% di maggio Istituto Nazionale di Statistica stimato.

READ  Una migliore connettività e incentivi economici per le isole italiane sono vitali, afferma Niccolò Bergens, di ALIS

Leo Barenko, capo economista presso Economia di OxfordHa detto: “Sebbene i recenti dati economici e le indagini abbiano indicato un rallentamento nella ripresa economica [in Europe]L’andamento è stato più positivo in termini di prezzi.

“Si prevede che i dati odierni sull’inflazione contribuiranno a sostenere l’atteggiamento accomodante della BCE, e porteranno anche qualche rassicurazione dopo che i dati precedenti hanno mostrato una marcata accelerazione del costo del lavoro nel primo trimestre”.