Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’infezione da COVID-19 infrange i record di pandemia in tutta Europa mentre la quarta ondata continua a provocare il caos

L’infezione da virus corona ancora una volta ha battuto i record nei paesi di tutta Europa, il che ha portato a nuove restrizioni alla circolazione e ha fatto ripensare agli esperti sanitari sull’iniezione di vaccinazione di richiamo.

Slovacchia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Ungheria stanno segnalando nuovi picchi di infezioni quotidiane mentre l’inverno si impadronisce dell’Europa e le persone si riuniscono in casa nel periodo precedente il Natale, fornendo il terreno fertile perfetto per COVID-19.

Il governo della Slovacchia ha seguito l’esempio della vicina Austria mercoledì e ha ordinato un blocco di due settimane per sedare l’aumento più rapido al mondo di casi di COVID-19 poiché il numero di persone ricoverate in ospedale ha raggiunto un livello critico in un paese in cui i livelli di vaccinazione rimangono bassi.

La Polonia ha affermato che dovrà inasprire le restrizioni se il numero di casi giornalieri non diminuirà nel prossimo futuro e i Paesi Bassi annunceranno nuove misure venerdì.

Anche la Francia dovrebbe annunciare nuove misure di contenimento, ma ha affermato che non sta pianificando un nuovo blocco come alcuni altri paesi dell’UE.

Nel frattempo, il governo danese ha proposto il riutilizzo obbligatorio delle mascherine nei trasporti pubblici, nei negozi e nel settore sanitario.

L’infezione ha raggiunto livelli record

La Repubblica Ceca ha registrato il più alto aumento giornaliero delle infezioni, con il numero di casi che supera per la prima volta i 25.000.

Il governo sta cercando di rendere obbligatorie le vaccinazioni per le persone con più di 60 anni e per alcune professioni, come gli operatori sanitari.

I Paesi Bassi hanno registrato più di 23.700 casi di coronavirus in 24 ore, il numero più alto dall’inizio dell’epidemia.

L’Ungheria ha registrato ogni giorno un record di 12.637 nuovi casi di COVID-19.

Il governo del primo ministro Viktor Orban, che si oppone a ulteriori blocchi per paura di soffocare l’economia, questa settimana ha lanciato una campagna di vaccinazione, offrendo iniezioni senza previa registrazione.

Ma l’idea delle vaccinazioni obbligatorie ha allarmato anche gli ungheresi.

Una folla di persone in una strada di Roma durante il giorno indossando maschere per il viso
L’Organizzazione mondiale della sanità ha messo in guardia da un “falso senso di sicurezza” sulla protezione offerta dai vaccini.(Afp: Cecilia Fabiano / La Presse)

L’Italia mercoledì ha anche stretto le viti alle persone ancora riluttanti a prendere il colpo del COVID, limitando gravemente l’accesso a una serie di servizi e rendendo obbligatorie le vaccinazioni per un gruppo più ampio di lavoratori del settore pubblico.

Le autorità russe, dove i decessi giornalieri legati al coronavirus sono vicini a livelli record, hanno affermato che stanno setacciando i social network e i siti dei media per trovare persone che diffondono false affermazioni sui rischi della vaccinazione, l’ultima di una serie di misure per rivitalizzare i tassi di vaccinazione lenti.

La Russia ha anche annunciato progressi sul gruppo di vaccini Sputnik, con una nuova versione mirata ai bambini e uno spray nasale.

Diverse regioni tedesche hanno già iniziato a imporre regole più severe durante la peggiore ondata di COVID del paese con la chiusura del sipario sotto Angela Merkel, inclusa la richiesta alle persone vaccinate di risultare negative per partecipare a eventi al chiuso.

Il ministro della Sanità uscente Jens Spahn ha dichiarato lunedì che entro la fine dell’inverno “quasi tutti in Germania saranno vaccinati, guariti o moriranno”.

Boost aggiuntivo Vaccino Boost

Tra la recente ondata di casi, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’agenzia di sanità pubblica dell’Unione europea, ha raccomandato l’uso dei vaccini di richiamo per tutti gli adulti, con priorità per gli over 40.

L’annuncio è stato un significativo allontanamento dalla guida precedente che suggeriva di prendere in considerazione dosi aggiuntive per gli anziani fragili e quelli con sistema immunitario compromesso.

“Le prove disponibili in Israele e nel Regno Unito mostrano un significativo aumento della protezione contro le infezioni e le malattie gravi dopo una dose di richiamo in tutte le fasce di età a breve termine”, hanno affermato i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in un rapporto pubblicato mercoledì.

Diversi paesi dell’UE hanno già iniziato a somministrare dosi di richiamo alle loro popolazioni, ma utilizzano criteri diversi per stabilire le priorità e intervalli di tempo diversi tra i primi colpi e i richiami.

I booster aumenterebbero la protezione contro le infezioni causate da un’immunità indebolita e “possono ridurre la trasmissione nella popolazione e prevenire ulteriori ricoveri e decessi”, ha affermato Andrea Ammon, capo dei Centers for Disease Control and Prevention.

Ha consigliato ai paesi con bassi livelli di vaccinazione di accelerare il suo dispiegamento e ha avvertito di un alto rischio di un ulteriore aumento di decessi e ricoveri in Europa a dicembre e gennaio se le misure raccomandate non fossero state attuate.

Gli operatori sanitari in dispositivi di protezione individuale (DPI) si prendono cura del paziente
Diversi paesi dell’Europa centrale e orientale stanno segnalando numeri record di casi e decessi di COVID-19. (Afp: Valentina Petrova)

L’OMS avverte del “falso senso di sicurezza”

Le raccomandazioni sono arrivate quando il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha avvertito che l’Europa è ancora una volta nell’epicentro della pandemia, con un “falso senso di sicurezza” sulla protezione offerta dai vaccini.

“Nessun paese è fuori dalla giungla”, ha detto ai giornalisti, aggiungendo che sperava di raggiungere un consenso alla riunione ministeriale dell’OMC della prossima settimana sulla rinuncia alla proprietà intellettuale per i vaccini pandemici, con il supporto già di oltre 100 paesi.

Funzionari del governo e della sanità hanno affermato che la Svezia inizierà gradualmente a distribuire i booster per tutti gli adulti.

Alle persone di età pari o superiore a 65 anni sono state offerte dosi di richiamo del vaccino mRNA, con l’obiettivo finale di estendere le iniezioni ad altri gruppi.

“Stiamo affrontando un inverno incerto”, ha detto il ministro della Sanità Lena Hallengren in una conferenza stampa.

Scarica il modulo…

Reuters/ABC

READ  La megattera ingoia i conducenti al largo del Massachusetts e la sputa fuori